Salute 10 marzo 2014

Responsabilità civile e FAD: nuove sfide per i medici italiani

Intervista esclusiva ad Antonio Panti, presidente OMCeO Firenze: “Una sconfitta per tutti il continuo ricorso a sanzioni penali. Urgono modifiche”

Immagine articolo

Le grandi sfide da vincere e le criticità da superare per il rilancio della sanità italiana. Su questo ha concentrato la sua attenzione il dottor Antonio Panti, presidente dell’Ordine dei Medici, Chirurghi e Odontoiatri di Firenze intervistato in esclusiva da Sanità Informazione. Tra Formazione a Distanza, rimborsi, nuove tecnologie e responsabilità professionale, sono ancora tanti i nodi da sciogliere.

 Presidente Panti, quello dei rimborsi ai medici ex specializzandi è un tema sempre caldo ed attuale. È notizia recente un nuovo maxi rimborso per i medici, proprio qui a Firenze.
Lo Stato italiano aveva “dimenticato” di adeguare la propria legislazione a quella europea. Oggi si sta rimediando e i medici danneggiati da questo ritardo vedono finalmente riconosciuto il loro diritto al risarcimento. Sono anche altri però i problemi che hanno i camici bianchi italiani: siamo infatti in un momento di grande transizione per la professione. Ma intanto auguri a coloro il cui danno è stato compensato e grazie a chi li ha aiutati ad ottenere questo risultato.

Sarebbe giusto introdurre elementi di mercato secondo cui chi non si forma “esce” e non ha la possibilità di lavorare

Il nuovo governo ha confermato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, la quale si trova ad affrontare oggi tematiche delicate come quella della responsabilità civile dei medici.
Si tratta di un tema delicatissimo che va affrontato cambiando il vecchio sistema giuridico, che funziona poco e che finisce comunque col danneggiare il professionista. Ottenere un risarcimento con anni di ritardo è una sconfitta per tutti, così come lo è il continuo ricorso al penale tipico della società italiana, soprattutto in materia di lavoro. Sono troppe, ad oggi, le leggi la cui violazione comporta una sanzione penale invece che amministrativa, il che porta ad un accumulo enorme di processi.

Le nuove tecnologie vengono in soccorso alla Sanità, per aiutarla a svilupparsi e a trovare soluzioni immediate: come la Formazione a Distanza, utile e importante per i colleghi.

Vanno senza dubbio cercati nuovi sistemi di formazione, innanzitutto perché bisogna formare molte più persone rispetto al passato e poi perché i professionisti sanitari necessitano di una formazione più frequente di prima per stare al passo con i repentini cambiamenti che avvengono in quest’ambito. Ciò  comporta una necessaria riorganizzazione della materia. Sarebbe giusto introdurre elementi di mercato secondo cui chi non si forma “esce” e non ha la possibilità di lavorare: il sistema professionale italiano attribuisce prevalenza al valore del titolo rispetto al valore della competenza. Insomma, c’è bisogno di un cambiamento.
Articoli correlati
ECM, cosa cambia con il nuovo regolamento. Bevere (Agenas): «Formazione arma per le sfide del futuro»
Meno burocrazia e semplificazione all’insegna di controllo e trasparenza maggiori. In questa prospettiva, il nuovo provvedimento che organizza tutte le norme Ecm. Francesco Bevere, Direttore Agenas: «Rimuovere gli ostacoli di ordine economico, sociale e geografico che limitano la formazione». Riccardo Cassi, Presidente Cimo: «L’esigenza di una norma che ordinasse il sistema era avvertita da tutte le categorie»
Vissani, svolta “salutista” e le sue ricette diventano ECM
Insegnare a combinare sapore e benessere a tavola. Questo l'obiettivo del corso ECM dedicato ai medici che «devono imparare a proporre ai propri pazienti un modo alternativo per combinare gli ingredienti» spiega la responsabile scientifica, la dottoressa Serena Missori che affianca il maestro Vissani. La nutrizionista lancia l'allarme: celiaci in aumento in Italia, +15% in soli due anni mentre 8 adulti su 10 risultano intolleranti al lattosio
ECM, camici bianchi in ritardo: ecco i rischi. De Franco (CoGeAPS): «Probabile stop concorsi e assunzioni»
Formazione professionale, scade il triennio e un’alta percentuale di medici non è in regola con gli obblighi formativi. Dal CoGeAPS il monito: «Per chi non è in regola ci saranno problemi per partecipare ai concorsi e per lavorare in strutture sanitarie accreditate»
ECM, cosa cambia dal 2017. Bovenga: «Ecco dossier formativo e bonus per i virtuosi»
Il 31 dicembre scade il triennio formativo, tante le novità in programma. Il presidente del CoGeAPS: «Superati i numeri di un tempo ma si può ancora migliorare. Per i più bravi possibilità di riduzioni e bonus»
ECM, no all’assunzione e carriera bloccata per chi non si mette in regola
Tutti i chiarimenti: certificazione ECM requisito anche per impiego nel privato e in enti pubblici. Il triennio formativo sta per terminare e sono tanti i medici ancora in ritardo. Stella (OMCeO Varese): «Formazione a macchia di leopardo, solo il 40-43% dei medici ha completato appieno il proprio percorso». Orlandi (Chimici): «Aggiornarsi per la salute della collettività»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...