Salute 28 febbraio 2014

Assicurazione medica, monta la protesta di ginecologi e ortopedici

Sotto accusa anche le strutture carenti: i camici bianchi minacciano scioperi se non avranno risposte dalle istituzioni

Immagine articolo

Ginecologi e ostetriche tornano sul piede di guerra dopo un anno esatto. Il 12 febbraio 2013, infatti, le due categorie si erano mobilitate in uno sciopero nazionale che paralizzò le sale parto di tutta Italia per chiedere un innalzamento della qualità delle strutture mediche e chiarezza sulla questione della responsabilità professionale dei medici.

Ora, però, c’è un altro elemento negativo da considerare: il silenzio istituzionale da cui si sentono circondati i professionisti sanitari: “Da un anno a questa parte nulla è cambiato – denunciano infatti le varie categorie di medici con una sola voce – ed è per questo che se le istituzioni continuano a non fare nulla torneremo a scioperare”.

I problemi da affrontare restano due. Il primo è che esistono ancora troppe strutture che, stando a quanto previsto dall’accordo Stato-Regioni datato 2010, andrebbero chiuse o ristrutturate perché considerate non adeguate. Sarebbero infatti centinaia le sale parto non a norma (sia perché effettuano meno di 500 parti l’anno, sia perché andrebbero messe in sicurezza) in cui si continuerebbe a lavorare nonostante tutto. Poi ci sono i contenziosi che si aprono nei casi di malpractice. Le associazioni di medici denunciano il sempre maggior numero di procedimenti promossi da parte di pazienti che si sentono danneggiati dall’operato dei camici bianchi e che si rivolgono alla giustizia italiana per ottenere un risarcimento. Il problema è che, di pari passo, anche il numero di aziende sanitarie che non rinnova la polizza assicurativa per la responsabilità civile sta crescendo.

Questa situazione ha, fondamentalmente, due conseguenze negative:
prima di tutto, il professionista si sente sempre meno tutelato e, dunque, meno tranquillo nel momento in cui viene chiamato a fare il suo dovere. A questo punto quindi cerca di tutelarsi attraverso un maggior uso della medicina preventiva, che molto spesso è composta da esami e test superflui ma che il medico effettua comunque per tutelarsi. L’aumento del ricorso a questo tipo di pratica comporta ovviamente costi crescenti che vanno a pesare sulla spesa riservata al Servizio Sanitario Nazionale.

Il problema della mancanza di una legge organica e definitiva sulla responsabilità professionale dei medici è denunciato anche dagli ortopedici
, che rappresentano la categoria più colpita da contenziosi medico-legali.

Tags

Articoli correlati
Dal robot-paziente alle protesi in 3D, le tecnologie del futuro a Exposanità
Al Salone internazionale della sanità il simulatore SimMan 3G: può diventare cianotico, simulare spasmi e convulsioni, lamentarsi e urlare di dolore. Alex Zanardi ha presentato l’handy bike progettata da lui
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
La SIN (Società Italiana di Neurologia) partecipa alla Giornata Nazionale della Salute della Donna
Anche quest’anno la Società Italiana di Neurologia (SIN) partecipa alla Giornata Nazionale della Salute della Donna organizzata dal Ministero della Salute, per sensibilizzare e promuovere i progressi della ricerca scientifica per la cura delle patologie neurologiche femminili e allestirà sabato 21 aprile un gazebo informativo presso il Villaggio della Salute della Donna. Le malattie neurologiche, […]
Exposanità Bologna, Giusy Versace: «L’accesso alle tecnologie non deve essere un lusso per pochi»
La neo eletta parlamentare Giusy Versace oggi ad Exposanità, manifestazione in corso a Bolognafiere fino a sabato 21 aprile. La campionessa paralimpica ha visitato il salone Horus dedicato a riabilitazione, ortopedia e disabilità e si è a lungo fermata a parlare con operatori, espositori e visitatori della manifestazione in corso. «A Exposanità ci sono tante cose interessanti […]
Cittadinanzattiva e FNOMCeO insieme per celebrare la XII Giornata Europea dei diritti del malato
Partono dall’Italia le celebrazioni della XII Giornata Europea dei diritti del malato, promossa da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato in Italia e in Europa da Active Citizenship network, progetto europeo di Cittadinanzattiva, quest’anno grazie anche alla importante partnership con la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri. Le iniziative si svolgeranno […]
Alzheimer, parte il XIII Congresso nazionale SINdem a Firenze
Secondo le ultime stime ricavate dal Rapporto mondiale Alzheimer, sono 47 milioni le persone affette da una forma di demenza nel mondo e in Italia si calcolano più di un milione di malati (di cui 600mila circa con la malattia Alzheimer). Un fenomeno in aumento: i numeri parlano infatti di 9,9 milioni di nuovi casi […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...