Salute 13 luglio 2017

Rapporto operatori sanitari-pazienti. Renzo, Presidente CAO: «Centrale la figura dei giornalisti»

Il Presidente della Commissione Albo Odontoiatri della FNOMCeO ai nostri microfoni: «Solo con una corretta informazione i cittadini possono scegliere dove farsi curare e venire a conoscenza di situazioni da denuncia»

I giornalisti e la stampa in generale hanno un ruolo fondamentale di raccordo tra gli operatori sanitari e i cittadini. Ѐ questo il punto principale emerso durante l’evento “Epidemiologia, media e odontoiatria: dai dati numerici alla prevenzione”, organizzato di recente dalla Commissione Albo Odontoiatri (CAO) della FNOMCeO, in partnership con EACI (European Association on Consumer Information), gruppo di specializzazione della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.

Giuseppe Renzo, Presidente CAO, ai microfoni di Sanità Informazione ha dichiarato che la buona comunicazione è fondamentale per orientare le scelte di salute dei cittadini, incoraggiare la prevenzione e diminuire i rischi, specificando come la stampa abbia il compito di diffondere il giusto messaggio denunciando le irregolarità e istruendo i cittadini in modo tale da poter scegliere con consapevolezza e giudizio il professionista a cui rivolgersi.

Presidente Renzo, un’importante giornata di confronto fra medici odontoiatri e giornalisti per parlare di un tema molto importante, quello della comunicazione delle vostre competenze e della prevenzione.

«Sì, è un’importante incontro perché tra l’altro determina e rafforza quello che è lo spirito delle nostre iniziative e ancora una volta si identifica in una collaborazione piena tra il mondo della comunicazione, il mondo dell’informazione ed il mondo delle professioni. L’obiettivo è quello di fornire strumenti anche di conoscenza per i cittadini, attraverso la comunicazione e l’informazione, per una libera scelta determinata sulla base di convincimenti e non di messaggi che possono essere diversificati, delle volte anche in forma differente rispetto a quella che è la corretta comunicazione e informazione. Vengono sottoposti i cittadini stessi ad una serie di inviti per poter accedere alle cure laddove invece di inviti non se ne dovrebbero fare e bisognerebbe guardare in primo luogo al diritto alla salute del cittadino stesso».

Uno dei temi emersi durante il confronto è proprio questo, delle catene che offrono servizi odontoiatrici anche in Italia o di quelle strutture all’estero che fanno in qualche modo marketing in Italia per acquisire clienti; abbiamo visto proprio da un’analisi fatta dai colleghi giornalisti come questo tipo di approccio sia molto accattivante dal punto di vista pubblicitario ma dal punto di vista medico lasci a desiderare…

«Assolutamente sì, ma qui è opportuno fare una differenza che ritengo etica nei confronti dei professionisti: se il paziente viene curato bene e viene curato magari ricercando quelle che sono non le tariffe – perché non esiste la tariffa nelle intestazioni odontoiatriche ma le parcelle – se le parcelle sono qualificanti e qualificate rispetto alla parcella stessa non c’è nessun problema. Molto spesso questo non esiste e ci troviamo a dover raccogliere delle lamentale e addirittura a volte denunce laddove alcune catene all’improvviso chiudono e lasciano i pazienti senza le cure ma con in eredità l’obbligo del pagamento e della finanziaria sottoscritta; ci ritroviamo dei pazienti che non sanno a quale professionista potersi poi consegnare in termini di recupero dei danni che sono stati prodotti anche all’estero perché delle prestazioni che vengono effettuate senza il rispetto di alcuni protocolli, senza il rispetto di linee guida, poi possono tradursi in danni anche biologici. La nostra preoccupazione come Federazione dei Medici e degli Odontoiatri, quindi organo ausiliario dell’amministrazione pubblica (Ministero della Salute) è quella di tutelare il cittadino paziente ed ecco perché la comunicazione è importante. Non siamo rappresentanti della corporazione dei dentisti, siamo organo ausiliario e chiediamo alla stampa – che è l’unica che può trasferire il messaggio corretto, non esistendo altre forme di comunicazione che verrebbero tradotte esclusivamente in modo funzionale all’interesse della categoria – di rappresentare l’organismo che può divulgare il giusto messaggio continuando a fare quello che sta già facendo non solo in termini di denuncia – ed è già successo, un caso in particolare, Striscia la Notizia, quante volte le denunce sugli esercenti abusivi della professione o prestanome –  ma  anche in termini di comunicazione per informare, acculturare e consentire ai cittadini di poter scegliere in scienza e coscienza il professionista».

Articoli correlati
Consiglio Nazionale FNOMCeO, Chersevani: «Comunicazione importante, migliorare rapporto medico e paziente»
Per la prima volta nella storia della FNOMCeO, la città di Siena è stata la culla che ha ospitatola la sede del Consiglio Nazionale, massimo organo esponenziale della Professione medica
Chi abita in periferia vive 4 anni di meno. Vella (Presidente AIFA): «Accesso alle cure, junk food e sport i problemi principali»
Numerosi studi epidemiologici dimostrano che chi ha un tenore di vita più alto ha un diverso accesso alle cure e una differente predisposizione alla prevenzione: «A Torino 4 anni di differenza nell’aspettativa di vita tra zone più ricche e meno abbienti»
A quali medici spetta l’indennità prevista per chi assiste il personale penitenziario?
Anche il medico incaricato presso una struttura centrale del D.A.P (Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria) ha diritto all’indennità? È questa, in particolare, la domanda alla quale ha risposto il Consiglio di Stato con la sentenza n. 2860 del 12 giugno 2017. La legge n. 740 del 1970 (Ordinamento delle categorie di personale sanitario addetto agli istituti di […]
Linguaggio e disabilità, Spadari (Presidente ODG Lazio): «Necessario sforzo comune per combattere pregiudizi»
Migliorare la realtà scegliendo le parole più idonee per descrivere il mondo. L’invito ai giornalisti: «Il linguaggio può denunciare una carenza o un errore di applicazione di un concetto importante. Spesso le parole sono sintomo di una malattia più generale»
Incubo pensione per i medici: l’81% teme crollo dei redditi e punta sulla previdenza complementare
Consulcesi, realtà leader nella tutela dei camici bianchi, ha raccolto i pareri di oltre 2mila medici sulla previdenza complementare: il 51% degli intervistati ha già scelto un fondo pensione, privilegiando i privati. I medici chiedono intervento legislativo per incentivare l’adesione grazie alla maggiore deducibilità fiscale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...