Salute 28 febbraio 2014

Rapporto OASI 2013, cinque miti da sfatare sul Servizio sanitario nazionale

Dalla “Bocconi” le differenze tra la sanità italiana e quella degli altri Paesi europei

Immagine articolo

Siamo proprio sicuri di spendere troppo per il nostro Servizio sanitario nazionale?
A leggere il rapporto OASI 2013 della “Bocconi” sembrerebbe di no, almeno se si paragonano le risorse messe a disposizione dal nostro Stato con quelle impiegate dagli altri Paesi europei.

Si scoprirà in questo modo che molte delle idee che abbiamo riguardo la sanità italiana sono in realtà dei falsi miti che andrebbero cancellati.
Il report della “Bocconi” parla chiaro. Messa in paragone con i Paesi europei che più le somigliano (Francia, Gran Bretagna e Germania), l’Italia è la nazione con la più bassa spesa sanitaria pro-capite: 2.418 euro in media a persona contro i 2.747 della Gran Bretagna, i 3.135 della Francia e i 3.316 della Germania (a parità di potere d’acquisto). La spesa sanitaria nazionale incide poi per l’11,7 per cento sulla spesa pubblica italiana, ovvero molto meno rispetto a quanto avviene in Germania, Gran Bretagna e Francia, le cui percentuali ammontano al 20, al 17 ed al 15,4 per cento della loro spesa pubblica. Questi dati, dunque, vanno a sfatare un primo mito: quello dell’eccessiva spesa pubblica che il nostro Paese riserva al suo Ssn e, in generale, al suo Welfare.

Un secondo dato è relativo alle risorse riservate ad anziani e disabili invalidi e non autosufficienti. Qui l’Italia si distingue per due motivi: il tasso di copertura italiano arriva al 95,14 per cento degli eleggibili (Gran Bretagna, Francia e Germania si fermano al 44,37, al 49,19 ed al 65,52 per cento), mentre la spesa media per assistito in Italia si aggira intorno ai 12.400 euro (negli altri Paesi raggiunge un ammontare che oscilla tra i 25mila e i 37mila). In sostanza – si legge nel report – “l’Italia comparativamente appare come un Paese che non sceglie e distribuisce le proprie risorse a pioggia”, mentre gli altri Paesi sono “abituati a profondi lavori di selezione, che garantiscono ai beneficiari un contributo effettivamente adeguato”. Da qui si può sfatare un secondo mito, ovvero quello di un sistema sociale “che deve ridurre la quota di prestazioni per ampliare le possibilità di auto definizione dell’utente”, in quanto “il Welfare italiano è quello in cui la componente di trasferimenti cash è più elevata”.

Un terzo mito riguarda l’assistenza pubblica locale: in Italia le politiche sociali sono sì devolute ai livelli istituzionali periferici, ma la composizione della spesa per il Welfare vede un “peso molto più rilevante” delle componenti gestite centralmente rispetto a quanto “non accada negli altri Paesi considerati”. Ciò significa, dunque, che la spesa è “governata” dalle amministrazioni centrali, mentre risulta minima “la rilevanza finanziaria degli interventi da parte degli enti locali”. E qui crolla anche il quarto mito, ovvero quello della programmazione: secondo il documento, infatti, mentre la “quota principale delle risorse è allocata presso le amministrazioni centrali”, quelle periferiche “investono con intensità su attività di programmazione integrata” senza che venga discussa la governance di un sistema di risorse troppo frammentato in vari stadi decisionali.

In ultima analisi, andrebbe sfatato il mito dell’efficienza: vista la carenza di risorse a disposizione del nostro Ssn, queste andrebbero gestite meglio, secondo criteri di priorità. Al contrario, in Italia si preferisce rinunciare a “differenziare gli interventi in funzione di bisogni con diverso grado di criticità, priorità e intensità assistenziale richiesta”.

Articoli correlati
Napoli, detrazione del 19% sugli alimenti aproteici per chi ha malattie renali croniche
Una buona notizia per gli oltre 348.000 pazienti nefropatici residenti in Campania: potranno infatti usufruire di una detrazione del 19% sull’acquisto di alimenti aproteici. Un’opportunità di risparmio che ad oggi è l’unica, dato che la Regione non prevede alcun tipo di rimborso sull’acquisto di questi alimenti, nonostante per chi soffre di insufficienza renale siano stati […]
Legge Bilancio 2018: cosa cambia per il comparto sanità? Ecco tutte le novità…
Quali saranno le aree di applicazione della manovra? A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno già si iniziano a tracciare i primi bilanci ma i sindacati restano insoddisfatti…
Il DDL sulle professioni sanitarie è legge. COSMED: atteso da anni
La COSMED, in un comunicato stampa, esprime grande soddisfazione per l’approvazione del disegno di legge sulle professioni sanitarie: «Ѐ stato un atto di attenzione dopo una legislatura che ha largamente trascurato il diritto alla salute, rare volte nell’agenda dell’esecutivo, che ha accolto il nostro appello. Dopo anni trovano realizzazione contenuti innovativi di utilità per tutta la […]
Value Academy: formazione e “program budgeting” per un SSN condiviso ed efficace
  La Fondazione Charta promuove un progetto formativo rivolto ai decisori politico-amministrativi della sanità italiana per uniformare al rialzo l’offerta di salute su tutto il territorio nazionale. Fornire gli strumenti di Governance necessari a mettere le diverse realtà locali a confronto per permettergli di agire in un’ottica di program budgeting, ovvero in base ai piani e […]
Legge di stabilità, Giovani Medici SIGM: «Grave attentato al futuro del SSN»
«Zero euro per contratti di formazione medica post lauream. Grave responsabilità del Governo. Totale assenza della Politica tutta e delle Istituzioni, sorde alle giuste richieste delle nuove generazioni di camici bianchi. Grave attentato al futuro del Servizio Sanitario Nazionale». Questo il pensiero e la delusione espressi dai Giovani Medici SIGM sulla Legge di Stabilità. «L’Associazione Italiana Giovani […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...