Salute 4 marzo 2014

Quanto corre il mercato delle App mediche:  nel 2017 arriverà a valere 20 miliardi di dollari

Il Capo del dipartimento Salute della Camera di commercio austriaca Gleitsman: “Necessaria una direttiva della Ue per certificare quelle attendibili”

Immagine articolo

Già forte e anche in rapida e continua ascesa. Piantate le radici, il mercato delle App sta crescendo in maniera vertiginosa. Le proiezioni per i prossimi cinque anni dipingono un quadro estremamente interessante per la sanità mobile che tra il 2014 ed il 2017 vedrà più che triplicato il suo fatturato che salirà dagli attuali 6.6 ai 20.7 miliardi di dollari.

Secondo uno studio dell’autorevole portale statunitense Prnewswire.com nel 2020 si potrebbero addirittura superare i 58 miliardi con un CAGR  (Compound Annual Growth Rate), ovvero un tasso annuo di crescita composto, che raggiungerebbe il 32%. Una ipotesi che fa leva su tre fattori: il trend di crescita ormai inarrestabile dei dispositivi mobili, il  potenziamento delle reti 3G e 4G ma anche sull’aumento delle malattie legate ad un non corretto stile di vita. Prospettive dunque molto allettanti sia per gli investitori sia per i pazienti/utenti che imporrano una rivoluzione al sistema sanitario mondiale il quale dovrà necessariamente adeguarsi. Una rivoluzione già in atto considerando che sull’App store ci sono ora 43mila applicazioni mediche. È però significativo notare che solo il 5% di queste detiene il 15% dei download. Di conseguenza – al momento – affidabilità e autorevolezza dei contenuti incidono poco. In tal senso Martin Gleitsmann, Capo del dipartimento di Politiche sociali e salute della Camera di Commercio austriaca, intervistato da Sanità informazione, ha posto l’attenzione sulla “necessità di direttive ben precise dell’Unione Europea, una regolamentazione per certificare le app ben curate da quelle poco attendibili”. Gletitsmann ha parlato anche dei progressi fatti nel suo Paese ricordando sia il progetto Ambient Assisted Living che consente di curare a casa propria i lungo-degenti, che è appunto legato ai progressi in ambito medico e farmaceutico: “Alcuni colleghi – ha aggiunto – hanno già realizzato delle App ed il tema è stato al centro anche di un Congresso”.

Articoli correlati
Sapienza, la formazione universitaria cambia passo ed entra nel futuro. Rettore Gaudio: «Cambiamento epocale per i nostri medici»
Tre laboratori ad alta tecnologia per simulare pratiche mediche in situazioni di crisi o emergenza e la Biblioteca automatizzata di Architettura. Questi gli interventi di potenziamento della didattica realizzati alla Sapienza grazie al sostegno della Fondazione Roma
Long-Term Care, Nicoletta Luppi (MSD): «Puntare sull’impatto dell’innovazione nella gestione della cronicità»
«Servono nuove risposte per affrontare il problema della sostenibilità della cronicità e garantire l’accesso all’innovazione per tutti lungo il percorso di prevenzione e cura». Così Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore Delegato di MSD Italia
Studio Onda-Aon: il 71% delle donne si informa sul web ma solo il 15% prenota le visite mediche online o tramite app
Il sondaggio, realizzato in collaborazione con Aon, ha evidenziato un’ambivalenza nell’utilizzo dei canali digitali: il 71% del campione utilizza il web per informarsi su questioni relative alla salute, ma solo il 15% prenota le visite mediche online o tramite app e l’utilizzo delle app dedicate alla salute è molto frammentato
Blockchain in Italia,  Mauro Cervini (economic strategist): «Per il campo sanitario un grande abbattimento dei costi»
«Impossibile un ritorno al passato: in futuro gli asset cambieranno ma da questa rivoluzione non si torna più indietro», così l’esperto nel settore Business Banking e Global Asset Management
Ge Healthcare Italia: riparte il Learning Center per formare i professionisti sanitari
GE Healthcare riapre le porte del suo Learning Center, un’accademia specializzata nell’utilizzo di tecnologie medicali d’avanguardia, con lezioni in aula e da remoto, per formare i professionisti sanitari di tutto il Paese. Dopo il grande successo del 2017 – durante il quale oltre 1.000 medici hanno preso parte alle attività formative – ripartono i corsi gratuiti di formazione […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...