Salute 12 settembre 2016

«Non tutto il grasso è cattivo». Pinto (ESC): «Ecco come ridurre le cardiopatie»

Il Presidente della Società Europea di Cardiologia ai nostri microfoni spiega qual è il ruolo del medico nel diffondere un corretto stile di vita tra la popolazione e quali sono le pietanze che possono provocare più danni

Il grasso, la mancanza di attività fisica e la poca informazione dei pazienti su cosa fa bene al proprio corpo e cosa no. Sono queste le principali cause dei problemi cardiaci, che ogni anno mietono oltre 17 milioni di vittime. Lo afferma il professor Fausto Pinto, Presidente della Società Europea di Cardiologia, che ai nostri microfoni ha spiegato qual è il ruolo del medico nel diffondere un corretto stile di vita tra la popolazione e quali sono i cosiddetti “cibi killer”.

Pensa che i medici debbano partecipare a corsi di formazione per essere preparati ad aiutare i pazienti a prevenire?

«Il lavoro con i pazienti e con la società è molto importante. È un’area in cui la società scientifica sta facendo molto negli ultimi tempi. Abbiamo creato negli ultimi 2 anni unità specifiche di discussione per i pazienti, con l’obiettivo di coinvolgere le organizzazioni degli stessi pazienti nei temi di interesse, perché se abbiamo una popolazione educata è più facile che segua i consigli che gli vengono dati. La formazione è cruciale e per avere questo tipo di programma a diversi livelli vanno fatte molte cose. Il messaggio deve essere diffuso tra le persone in modo che capiscano quanto è importante per i loro bambini e per il futuro. Quindi dobbiamo fare sforzi tutti insieme: società scientifica e comunità devono collaborare».

Può dirci quali sono i cibi killer che provocano malattie cardiache?

«Il grasso è sicuramente uno dei fattori nocivi: è responsabile dell’aumento del colesterolo e avere livelli alti di colesterolo ha un impatto sulle persone che sono predisposte a sviluppare malattie cardiache o provocare trombi nelle arterie del cuore. Tutto quel che è legato al grasso di animali è nocivo così come il modo di cucinare: uno può essere più pericoloso rispetto ad un altro. È importante che le persone mangino più frutta, verdura e pesce. Anche il pesce contiene grasso ma il grasso del pesce è buono. Non tutto il grasso è cattivo. Per cui bisogna fare questa distinzione e spiegarla bene alle persone. Solo nel sud Europa, come in Italia e nel mio Paese, mangiamo molta frutta e pesce, ed è per questo che abbiamo nel sud Europa meno malattie cardiache rispetto ad altri Paesi. Inoltre una corretta alimentazione deve essere accompagnata dall’esercizio fisico: mezz’ora di cammino al giorno, 45 minuti al giorno, camminare invece di usare la macchina per brevi distanze e usare di più il corpo. Tutto questo è il minimo che si possa fare per promuovere una buona salute tra la popolazione».

Articoli correlati
Mese del Cuore, check-up gratuiti in 7 città italiane. Francesco Landi (Gemelli): «La prevenzione significa salute»
L’edizione 2018 della campagna di sensibilizzazione sui principali fattori di rischio cardiovascolare ha già aperto i battenti e proseguirà fino al mese di giugno
di Isabella Faggiano
Morte cardiaca improvvisa, Ivo Pulcini (S.S. Lazio): “Tecnologia avanzata può prevedere gravi problemi per atleti sani e fare diagnosi precoce”
Da oggi la prevenzione della morte cardiaca improvvisa è possibile quando la ricerca scientifica e l’innovazione strumentale vanno di pari passo e pongono al centro la tutela della vita delle persone. Con questa premessa, e per rispondere ai frequenti e tristi avvenimenti di morti improvvise, la multinazionale produttrice di dispositivi medici d’avanguardia BTL Industries lancia SDS “Sudden Death Screening”. Si tratta di un sistema unico al mondo […]
“Per il Tuo cuore” 2018, parte la campagna nazionale
La 9ª Campagna Nazionale della Fondazione “per il Tuo cuore” – HCF Onlus si svolgerà nella settimana dall’11 al 18 febbraio 2018, promossa da ANMCO – Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri. Come si legge sul sito di riferimento della fondazione, l’obiettivo è diffondere la cultura della prevenzione per conoscere i rischi per la salute cardiovascolare. Come ogni anno, si […]
“Milan Cardiology”, al San Raffaele di Milano la IV edizione del Convegno
La quarta edizione del Convegno “Milan Cardiology” si terrà presso il Centro Congressi San Raffaele di Milano dal 15 al 17 Febbraio. L’evento, organizzato dal Prof. Paolo Camici, Ordinario di Cardiologia e Direttore della Scuola di Specializzazione in Malattie Cardiovascolari, nonché Primario del Centro per le Malattie del Miocardio dell’Ospedale San Raffaele affronterà argomenti di attualità e validità scientifica, contando sulla presenza […]
Si può morire di “cuore spezzato”? «L’80% di chi ne soffre è donna»
«La sindrome insorge dopo forte stress fisico o emotivo». Così ai nostri microfoni la dottoressa Roberta Della Bona, Cardiologa del Policlinico Casilino
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...