Salute 2 febbraio 2017

Pompa protonica, cos’è? Quali i rischi dei farmaci inibitori? Facciamo chiarezza…

I farmaci che contrastano l’acidità di stomaco sono potenzialmente pericolosi per la salute. Lo rende noto una ricerca dell’University College London e dell’Università scozzese di Dundee. Le persone che assumono questi farmaci hanno fino a quasi 4 volte più probabilità di essere colpiti da intossicazione alimentare

Si sente frequentemente parlare di pompa protonica, ma di cosa si tratta? La pompa protonica è una proteina integrale di membrana, in grado di spostare i protoni attraverso la membrana di una cellula. Anche definita enzima H+/K+-ATPasi (idrogeno-potassio adenosintrifosfatasi), la pompa protonica è alla base del rilascio di acido cloridrico da parte delle cellule parietali ed è strettamente connessa ai fenomeni acuti o cronici di gastrite, un’infiammazione della mucosa dello stomaco provocata da diversi fattori fra cui il batterio Helicobacter Pylori. Questo batterio definito ‘GRAM-negativo’ può colonizzare la mucosa dello stomaco e provocare numerose infezione di diversa entità, da semplici ulcere al cancro allo stomaco.

In questo quadro, importante soffermarsi sugli effetti degli inibitori della pompa protonica, quei farmaci anti-acidi finalizzati al trattamento del reflusso gastroesofageo, comunemente utilizzati da un’ampia fetta di popolazione. Questi medicinali sono stati oggetto di numerose polemiche negli ultimi tempi, infatti uno studio recente condotto dall’University College London e dall’Università di Dundee (Scozia), ha rilevato che le persone che ne fanno uso hanno fino a quasi 4 volte più probabilità di essere colpiti dal Campylobacter, il più conosciuto batterio responsabile di intossicazione alimentare. Inoltre questi inibitori favorirebbero la vulnerabilità dei pazienti  nei confronti dell’E.coli., batteri che risiedono potenzialmente nella carne poco cotta e che possono essere, in alcuni casi, anche mortali.

La ricerca, condotta su oltre 500mila pazienti, ha segnalato un aumento sintomatico dei casi d’intossicazione alimentare tra le persone che prendono i farmaci anti-acidi che possono inoltre essere la causa di  Salmonella (presente nel pollame, uova e latte) e Sighella (presente nell’insalata). Insomma è stato innescato un allarme che si sta progressivamente diffondendo. Finora gli inibitori della pompa protonica sono stati reputati inoffensivi ma negli ultimi tempi una serie di effetti collaterali è stata collegata a questo genere di farmaci e su questo rischio non è stata ancora fatta del tutto chiarezza.

Articoli correlati
Rischio intossicazione da tonno fresco di origine spagnola? Il Ministro risponde…
È stato diramato dal Ministero della Salute Spagnolo AECOSAN (Agencia Española de Consumo Seguridad Alimentaria y Nutrición) un comunicato in cui viene riportata l’insorgenza di focolai di sindrome sgombroide che, ad oggi, avrebbero coinvolto 105 persone. Questa nuova comunicazione aggiorna le informazioni della notifica 2017.0587, in seguito alla quale le Autorità sanitarie italiane avevano già […]
di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...