Salute 2 febbraio 2017

Pompa protonica, cos’è? Quali i rischi dei farmaci inibitori? Facciamo chiarezza…

I farmaci che contrastano l’acidità di stomaco sono potenzialmente pericolosi per la salute. Lo rende noto una ricerca dell’University College London e dell’Università scozzese di Dundee. Le persone che assumono questi farmaci hanno fino a quasi 4 volte più probabilità di essere colpiti da intossicazione alimentare

Si sente frequentemente parlare di pompa protonica, ma di cosa si tratta? La pompa protonica è una proteina integrale di membrana, in grado di spostare i protoni attraverso la membrana di una cellula. Anche definita enzima H+/K+-ATPasi (idrogeno-potassio adenosintrifosfatasi), la pompa protonica è alla base del rilascio di acido cloridrico da parte delle cellule parietali ed è strettamente connessa ai fenomeni acuti o cronici di gastrite, un’infiammazione della mucosa dello stomaco provocata da diversi fattori fra cui il batterio Helicobacter Pylori. Questo batterio definito ‘GRAM-negativo’ può colonizzare la mucosa dello stomaco e provocare numerose infezione di diversa entità, da semplici ulcere al cancro allo stomaco.

In questo quadro, importante soffermarsi sugli effetti degli inibitori della pompa protonica, quei farmaci anti-acidi finalizzati al trattamento del reflusso gastroesofageo, comunemente utilizzati da un’ampia fetta di popolazione. Questi medicinali sono stati oggetto di numerose polemiche negli ultimi tempi, infatti uno studio recente condotto dall’University College London e dall’Università di Dundee (Scozia), ha rilevato che le persone che ne fanno uso hanno fino a quasi 4 volte più probabilità di essere colpiti dal Campylobacter, il più conosciuto batterio responsabile di intossicazione alimentare. Inoltre questi inibitori favorirebbero la vulnerabilità dei pazienti  nei confronti dell’E.coli., batteri che risiedono potenzialmente nella carne poco cotta e che possono essere, in alcuni casi, anche mortali.

La ricerca, condotta su oltre 500mila pazienti, ha segnalato un aumento sintomatico dei casi d’intossicazione alimentare tra le persone che prendono i farmaci anti-acidi che possono inoltre essere la causa di  Salmonella (presente nel pollame, uova e latte) e Sighella (presente nell’insalata). Insomma è stato innescato un allarme che si sta progressivamente diffondendo. Finora gli inibitori della pompa protonica sono stati reputati inoffensivi ma negli ultimi tempi una serie di effetti collaterali è stata collegata a questo genere di farmaci e su questo rischio non è stata ancora fatta del tutto chiarezza.

Articoli correlati
Rischio contaminazioni, spinaci e taleggio ritirati dal mercato
Il Ministero della Salute ha richiamato alcuni lotti di Spinaci Bonduelle per sospetta presenza di mandragora e di Taleggio Dop Carozzi per lysteria
Rischio intossicazione da tonno fresco di origine spagnola? Il Ministro risponde…
È stato diramato dal Ministero della Salute Spagnolo AECOSAN (Agencia Española de Consumo Seguridad Alimentaria y Nutrición) un comunicato in cui viene riportata l’insorgenza di focolai di sindrome sgombroide che, ad oggi, avrebbero coinvolto 105 persone. Questa nuova comunicazione aggiorna le informazioni della notifica 2017.0587, in seguito alla quale le Autorità sanitarie italiane avevano già […]
di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

Enpam: «Pronti da subito a pagare pensioni in cumulo. Ora il problema sono i tempi»

Prime reazioni alla pubblicazione della circolare Inps che dà operatività al cumulo contributivo gratuito. «Resta il problema di quando queste pensioni saranno pagate» precisa la Fondazione