Salute 29 novembre 2016

Philip Morris, Peitsch: «La sigaretta che non brucia riduce del 90% i danni alla salute»

L’azienda leader mondiale nel settore del tabacco presenta la nuova frontiera del fumo: iQOS, la sigaretta senza combustione. La ricerca scientifica presentata dal Professor Manuel Peitsch: «Prodotti innovativi sostenuti da evidenze scientifiche»

Immagine articolo

Ricerca, innovazione e riduzione del danno: questi i temi trattati nel corso del simposio organizzato da Philip Morris Italia, una affiliata di Philip Morris International Inc, (“PMI”) dal titolo: “Harm Reduction: The Scientific Commitment of Philip Morris International Towards Reduced Risk Products” al quale hanno partecipato rappresentanti del mondo medico-scientifico. Scopo del convegno discutere delle alternative alle sigarette per coloro che non riescono a smettere di fumare , alternative che ovviamente abbiano meno impatto sulla salute.

Nel dettaglio PMI sta conducendo un programma di ricerca per verificare il profilo di rischio delle sue alternative alle sigarette senza combustione. Tale ricerca è ispirate alle procedure impiegate nel settore farmaceutico per lo sviluppo di nuovi farmaci, ed è conforme alle linee guida fornite dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense per la validazione di Prodotti del Tabacco a Rischio Modificato (MRTPs). Include studi di laboratorio e clinici sui fumatori adulti, e ricerche per capire i potenziali benefici del prodotto per la salute pubblica, incluse quelle sulla percezione da parte dei fumatori del rischio del prodotto e sulle modalità con cui lo utilizzano nella vita quotidiana. La ricerca scientifica di Philip Morris International (PMI) su uno dei suoi prodotti a tabacco riscaldato iQOS1 è molto promettente e punta nella direzione della riduzione del rischio.

«Una grande alternativa alle sigarette» racconta ai microfoni di Sanità Informazione Manuel Peitsch, Chief Scientific Officer di Philip Morris International. «Il nostro prodotto a rischio ridotto è progettato proprio per rappresentare un’alternativa alle sigarette tradizionali perché a differenza di queste, non prevede processi di combustione. In molti pensano che a provocare danni sia la nicotina ma in realtà è la combustione del tabacco che soprattutto nuoce alla salute».

I risultati principali dell’indagine condotta da PMI, ad oggi mostra che il vapore generato da iQOS riduce in media del 90-95% le sostanze dannose o potenzialmente dannose rispetto al fumo della sigaretta di riferimento utilizzata per scopi di ricerca scientifica. Inoltre dalle misurazioni dei modelli di laboratorio, il vapore generato da iQOS è significativamente meno tossico del fumo di sigaretta. Altro dato emerso è che i fumatori adulti che passano completamente a iQOS in due studi clinici della durata di 3 mesi, hanno ridotto la loro esposizione a 15 costituenti dannosi. Inoltre i livelli di esposizione ridotta si avvicinano a quelli osservati nelle persone che hanno smesso di fumare per lo stesso periodo di studio. Infine l’utilizzo di iQOS non influenza in maniera negativa la qualità dell’aria in ambienti chiusi e iQOS non è una fonte di fumo passivo.

Ma come è nata questa idea e dove ha preso forma? «Abbiamo lavorato in Svizzera a Neuchatel, – spiega il Chief Scientific Officer di Philip Morris – e abbiamo coordinato le attività insieme ad un gruppo di lavoro a Singapore dotato di esperti in elettronica e tossicologia. Inoltre lo sviluppo del progetto ha visto anche collaborazioni da varie parti del mondo sia con il coinvolgimento di piccole ma anche di grandi aziende che hanno dato diversi apporti e contributi alle ricerche».

Articoli correlati
L’Airc torna in piazza con «le Arance della Salute» per la lotta al cancro
0 sigarette, 5 porzioni di frutta e verdura, 30 minuti di attività fisica: ecco le indicazioni da seguire tutti per ridurre il rischio di cancro. Sabato 27 gennaio i volontari dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro saranno in 2.500 piazze e oltre 600 scuole con “Le Arance della Salute”, il primo appuntamento dell’anno per sostenere il […]
Donne ed Ictus: attenzione a pillola anticoncezionale, fumo ed emicrania
Il 55% delle morti delle donne, in Europa, è causato da cardiopatia ischemica e ictus. Dopo gli 80 anni, le donne colpite da ictus sono il 20% in più rispetto agli uomini. Ma alcune specifiche condizioni rendono il rischio molto più elevato anche nelle fasce di età più giovani. Dal punto di vista epidemiologico, ogni […]
«Chi non fuma sta una favola!» Lo spot con Frassica contro il tabagismo del Ministero della Salute
«Chi non fuma sta una favola!». Il Ministero della Salute invia un messaggio forte e chiaro ai fumatori, che in Italia rappresentano ben il 22,3% della popolazione, secondo i dati raccolti dal Centro nazionale Dipendenza e doping dell’Istituto superiore di sanità.  Non cala il numero di fumatori nel nostro paese: parliamo infatti di 11,7 milioni, è aumentato il […]
Fumo, alcol, attività sportiva. Ruocco (Ministero Salute): «Ecco come influiscono reddito e istruzione sulla salute degli italiani»
Tra i dati più interessanti emersi nel convegno ‘Passi lunghi 10 anni’, organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Ministero della Salute, anche quelli relativi alle abitudini durante gravidanza e allattamento
Fumo e prodotti a potenziale rischio ridotto, Barba (PMI): «Giusto regolamentare settore per disincentivare uso sigarette»
La Vicepresidente Regulatory Affairs di Philip Morris International ai nostri microfoni spiega come l’Italia abbia «capito l’importanza delle alternative non combustibili, regolamentandole dal 2014: fondamentale continuare su questa strada e informare correttamente i fumatori»
di Cesare Buquicchio – Inviato a Varsavia (Polonia)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...