Salute 24 giugno 2014

Patto per la Salute, stavolta si fa sul serio

Ma è chiusura posticipata per Lea e ticket. Lorenzin: “Lavoriamo per agevolare le famiglie a basso reddito”

Immagine articolo

Finalmente ci siamo: il Patto per la Salute sembra essere ormai ai blocchi di partenza ed un primo testo condiviso vedrà la luce nel corso della settimana. Sui Lea (Livelli Essenziali di Assistenza) e i ticket, però, si dovrà attendere ancora, e per affrontare le due questioni, sicuramente tra le più calde e attese all’interno del Patto, sono infatti stati avviati dei tavoli di lavoro paralleli.

In audizione alla Commissione Affari Sociali, il ministro Lorenzin non si sbilancia sulla revisione del sistema di compartecipazione della spesa. L’unica anticipazione è che la riorganizzazione dei ticket sarà improntata a garantire una maggiore equità sociale per tutelare le fasce di popolazione a basso reddito, anche in relazione al numero dei componenti familiari.

Dobbiamo cercare di aiutare le famiglie e al tempo stesso incentivare le forme di prevenzione

Infatti, come come sottolineato dal ministro stesso:“Stiamo lavorando con un comitato che procederà entro una data precisa – anche dopo l’approvazione del Patto – per una riorganizzazione dei ticket che tenga conto di due aspetti: il primo è l’invarianza di gettito, il secondo riguarda anche i carichi familiari e le nuove povertà. Dobbiamo cercare – continua Lorenzin – di aiutare le famiglie e al tempo stesso incentivare le forme di prevenzione, su cui oggi abbiamo qualche criticità dovuta ai problemi di reddito della popolazione”.

Tra gli altri temi che animeranno il Patto, saranno protagonisti la programmazione, le cure primarie, i controlli, ed un modello diverso di gestione, ricerca e prevenzione. Altro punto cardine dell’imminente Patto sarà l’implementazione della sanità telematica – E-health –  e della trasparenza, per far sì che i cittadini possano scegliere con maggior cognizione di causa le strutture in cui farsi curare. E proprio l’edilizia sanitaria è un altro punto su cui il documento inciderà. Infine, il Patto interverrà anche nei confronti dell’Age.Na.S., che verrà riformata con l’intento di raggiungere una maggiore sinergia tra le Regioni e il Ministero della Salute.

Sarà un Patto perfettamente inquadrato nella proposta di riforma del Titolo V della Costituzione, come emerge dall’obiettivo predisposto per i Lea: un livellamento verso l’alto grazie all’introduzione di standard appropriati cui dovranno uniformarsi tutte le regioni. Ma proprio sui Lea, a quanto pare, l’Italia dovrà pazientare ancora un po’.

Articoli correlati
Vaccini, in 10 giorni NAS scoprono 55 autocertificazioni false. Quasi 1500 gli istituti controllati
Controlli dal 4 al 14 settembre. La fattispecie di reato contestata è il falso ideologico commesso da privato in atto pubblico. In Campania il maggior numero di segnalazioni, quindici
Caldo, allerta del Ministero della Salute: da domani ondata di calore estesa in tutta Italia
I bollettini del sistema di previsione e allarme delle ondate di calore (HHWWS), coordinato dal ministero della Salute, evidenziano condizioni di rischio per la salute nella maggior parte delle città del Nord e del Centro con temperature in ulteriore aumento per domani e dopodomani con livelli 2-3 nella maggior parte delle città italiane e si prolungheranno […]
Virus West Nile e Usutu, Ministero della Salute attiva Piano di sorveglianza e risposta 2018
Sono circa una decina i casi accertati di infezione da West Nile Virus in Veneto. Il Ministero della Salute ha emesso di recente una circolare con il ‘Piano di sorveglianza e risposta ai virus West Nile e Usutu – 2018‘. «Complessivamente in Italia, dal 2008 al 2017 sono stati notificati oltre 247 casi umani autoctoni […]
Fondazione Ime, la protesta dei lavoratori: «Chiusura ingiustificabile. A rischio anche il diritto alle cure di molti pazienti da tutto il mondo»
“Ricollocazione”: è questa la richiesta unanime dei professionisti dell’Istituto Mediterraneo di Ematologia che, dopo 15 anni di prestigiosa attività di cooperazione sanitaria internazionale, rischia la chiusura. Lavoratori chiedono un incontro con le Istituzioni
di Isabella Faggiano
Morbillo, nessun allarme di casi dall’Italia al Regno Unito
Il ministero della Salute – come da impegni presi dal ministro Giulia Grillo nel corso della recente conferenza stampa sul tema dei vaccini – attraverso la Direzione generale della prevenzione sanitaria, rende note le informazioni scambiate sui casi di morbillo nell’ultimo semestre tra il nostro Paese ed il Regno Unito (UK), per mezzo del sistema […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...