Salute 24 giugno 2014

Patto per la Salute, stavolta si fa sul serio

Ma è chiusura posticipata per Lea e ticket. Lorenzin: “Lavoriamo per agevolare le famiglie a basso reddito”

Immagine articolo

Finalmente ci siamo: il Patto per la Salute sembra essere ormai ai blocchi di partenza ed un primo testo condiviso vedrà la luce nel corso della settimana. Sui Lea (Livelli Essenziali di Assistenza) e i ticket, però, si dovrà attendere ancora, e per affrontare le due questioni, sicuramente tra le più calde e attese all’interno del Patto, sono infatti stati avviati dei tavoli di lavoro paralleli.

In audizione alla Commissione Affari Sociali, il ministro Lorenzin non si sbilancia sulla revisione del sistema di compartecipazione della spesa. L’unica anticipazione è che la riorganizzazione dei ticket sarà improntata a garantire una maggiore equità sociale per tutelare le fasce di popolazione a basso reddito, anche in relazione al numero dei componenti familiari.

Dobbiamo cercare di aiutare le famiglie e al tempo stesso incentivare le forme di prevenzione

Infatti, come come sottolineato dal ministro stesso:“Stiamo lavorando con un comitato che procederà entro una data precisa – anche dopo l’approvazione del Patto – per una riorganizzazione dei ticket che tenga conto di due aspetti: il primo è l’invarianza di gettito, il secondo riguarda anche i carichi familiari e le nuove povertà. Dobbiamo cercare – continua Lorenzin – di aiutare le famiglie e al tempo stesso incentivare le forme di prevenzione, su cui oggi abbiamo qualche criticità dovuta ai problemi di reddito della popolazione”.

Tra gli altri temi che animeranno il Patto, saranno protagonisti la programmazione, le cure primarie, i controlli, ed un modello diverso di gestione, ricerca e prevenzione. Altro punto cardine dell’imminente Patto sarà l’implementazione della sanità telematica – E-health –  e della trasparenza, per far sì che i cittadini possano scegliere con maggior cognizione di causa le strutture in cui farsi curare. E proprio l’edilizia sanitaria è un altro punto su cui il documento inciderà. Infine, il Patto interverrà anche nei confronti dell’Age.Na.S., che verrà riformata con l’intento di raggiungere una maggiore sinergia tra le Regioni e il Ministero della Salute.

Sarà un Patto perfettamente inquadrato nella proposta di riforma del Titolo V della Costituzione, come emerge dall’obiettivo predisposto per i Lea: un livellamento verso l’alto grazie all’introduzione di standard appropriati cui dovranno uniformarsi tutte le regioni. Ma proprio sui Lea, a quanto pare, l’Italia dovrà pazientare ancora un po’.

Articoli correlati
Sanità, Grillo incontra i dipendenti del Ministero: «Merito ed efficienza capisaldi del mio mandato»
Il Ministro ha ribadito l’importanza del lavoro di squadra. Poi ha aggiunto: «Sono certa che con le tante, qualificate, risorse che il dicastero ha a disposizione sarà fatto un ottimo lavoro»
Giulia Grillo è la nuova Ministra della Salute
L’on. Giulia Grillo è la nuova Ministra della Salute nel governo presieduto dal Prof. Giuseppe Conte. Nata a Catania il 30 maggio 1975, ha giurato il 1° giugno 2018 nelle mani del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Giulia Grillo è il sesto ministro donna del dicastero, dopo Tina Anselmi, Mariapia Garavaglia, Rosy Bindi, Livia Turco, […]
Legge Lorenzin: approvati i decreti attuativi per Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici
«Questo è un momento di svolta storico nella nostra professione perché arriva alla fine di un iter lungo che ha permesso di dare il giusto valore e riconoscimento a una professione con un ruolo sempre più fondamentale e centrale nella tutela della salute pubblica» così Nausicaa Orlandi, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici
Responsabilità professionale e formazione ECM: medici non aggiornati a rischio nei contenziosi (e pagano assicurazioni più salate)
La Legge Gelli sulla responsabilità medico-sanitaria ha compiuto il suo primo anno di vita e, in attesa degli ultimi decreti attuativi che ne chiuderanno definitivamente il perimetro, l’aggiornamento professionale è lo snodo centrale della normativa
Influenza Aviaria, ecco il decreto con i fondi alle Regioni. Il Ministro risponde
È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n. 91, del 19.04.2018, il Decreto 14 marzo 2018 del Ministro della salute che, di concerto con il Ministro delle politiche agricole, ripartisce alle Regioni i fondi per l’emergenza avicola previsti dalla legge 27 dicembre 2017, n. 205 “Legge di Bilancio”. Il Decreto assegna alle amministrazioni regionali […]
di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Leucemia infantile, tra le cause anche la mancata esposizione ai microbi. La ricerca pubblicata su Nature

Il Professor Greaves, autore dello studio: «L’incidenza della leucemia linfoblastica acuta infantile è maggiore nei Paesi sviluppati, non a causa di onde elettromagnetiche o agenti chimici, ma deg...