Salute 27 giugno 2018

Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»

Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma mancano i decreti attuativi. L’intervista a Giampaolo de Sena vice segretario del Sindacato Italiano Medici di Medicina Fisica e Riabilitativa

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Manipolazioni, mobilizzazioni, micromovimenti. Così, Osteopati e Chiropratici alleviano i dolori e perfezionano le posture. Ma chi è realmente abilitato a praticare questa professione? Fino a ieri chiunque avesse frequentato uno specifico corso. Da quest’anno solo specialisti regolarmente laureati. Almeno in teoria.

Sì, perché con la legge 11 gennaio 2018 n. 3, agli articoli 7 e 8, sono state decretate due nuove professioni sanitarie: l’osteopata e il chiropratico. Negli stessi articoli sono stati determinati anche i tempi per la definizione dei profili professionali e per il riconoscimento di un corso di laurea triennale. Le scadenze erano fissate, rispettivamente, in tre e sei mesi. Il primo termine è già scaduto, per il secondo è questione di giorni. Eppure, osteopati e chiropratici sono ancora in attesa.

A che punto siamo? Lo abbiamo chiesto a Giampaolo de Sena, medico fisiatra, vice segretario nazionale Simmfir, il Sindacato Italiano Medici di Medicina Fisica e Riabilitativa.

LEGGI ANCHE: DDL LORENZIN APPROVATO IN VIA DEFINITIVA AL SENATO: ISTITUITE PROFESSIONI SANITARIE

Dottore de Sena, la Legge 11 gennaio 2018 n. 3 (che dispone anche il riordino delle professioni sanitarie) ha determinato tempi ben precisi per la definizione della professione e del titolo di studi di osteopati e chiropratici. I termini sono stati rispettati?

«Nonostante la già avvenuta scadenza dei tempi presenti nella legge n.3 11.01.2018, ad oggi non sono stati proposti gli emendamenti previsti. Ma questa cosa non sorprende, perché i mancati decreti attuativi sono una pratica che è già stata adottata per il decreto “mille proroghe” del 2009 sull’istituzione della figura del chiropratico e, per la legge 2006, per l’istituzione degli ordini professionali».

E intanto come si accede alla professione?

 «Queste due professioni, in Italia, non hanno alcun percorso ufficiale e, pertanto, sia per la osteopatia che per la chiropratica si parla di corsi privati ed extrauniversitari. Proprio per la eterogeneità della formazione, non è possibile individuare specifici percorsi formativi, pertanto non è possibile nemmeno definire con certezza le eventuali differenze tra l’osteopatia e la chiropratica. L’unica certezza è che si tratta di professioni di terapia manuale».

È possibile stabilire quanti professionisti, tra osteopati e chiropratici, operano in Italia?

«Non ci sono numeri precisi. Innanzitutto è possibile che molti tra coloro che si presentano come chiropratici o osteopati, in realtà non abbiano avuto una formazione specifica, esattamente come succede per i falsi dentisti o fisiatri o i falsi fisioterapisti. Inoltre, non sono professioni riconosciute e pertanto censite. Quello che è sicuramente vero è che oggi i numeri di queste figure professionali sono fioriti fuori da ogni controllo».

La mancanza di regole precise per la formazione crea delle difficoltà di accesso alla professione?

«No, al contrario. Queste professioni sono professioni agevolate perché non sono regolamentate da numeri chiusi, non sono previsti concorsi per l’accesso, come invece capita a medicina o a fisioterapia. Non sono da considerarsi corsi particolarmente impegnativi perché generalmente richiedono pochi weekend all’anno, circa 5 o 6, per un totale di pochi giorni di lezione.  Sicuramente il costo esorbitante di questi corsi è il principale ostacolo e forse unico ostacolo alla loro frequenza».

Terminata la formazione, quali sono le criticità che ci si trova ad affrontare nel  mondo del lavoro?

«Come bene indicato nelle deviazioni di tipo A della norma CEN sulla osteopatia, nel momento in cui questi professionisti accedono al  mondo del lavoro, cosa che generalmente avviene in ambito libero professionale, sono a rischio di compiere atti a rischio impugnazione legale, almeno fino a quando non saranno definiti competenze e percorsi formativi».

Come risolvere queste difficoltà?

«Intraprendere percorsi formativi di “medicina alternativa” senza avere una precedente formazione “ufficiale e tradizionale” può portare a una grave limitazione di conoscenze. Il suggerimento è che l’accesso a queste professioni venga limitato unicamente a professionisti già in possesso di un titolo abilitante».

Articoli correlati
Assistenza ai disabili, Fiorda (Opi Roma): «Li accompagnamo verso autosufficienza. Ma servono percorsi formativi ad hoc»
«Non esiste una formazione specifica per l’infermiere che assiste il disabile, ma l’invecchiamento della popolazione e l’aumento delle disabilità richiedono un implemento delle specialistiche post-laurea. Prevedere l’infermiere per le persone con disabilità anche nelle scuole». Parla Maurizio Fiorda, consigliere dell’Opi di Roma
di Isabella Faggiano
Disturbi sessuali, Randone (psicosessuologa): «Ragazzi crescono a pane e pornografia e credono a fake news. Serve educazione sessuale»
«Giovani non vanno dall'andrologo nè dal sessuologo, non hanno punti di riferimento», spiega la sessuologa a Sanità Informazione
Aggressioni, Cdm approva disegno di legge: prevista aggravante e osservatorio anti-violenza. Grillo: «Segnale forte»
Integrato articolo 61 Codice Penale, basta anche solo minaccia per aggravio pena. Il Ministro: «Primo ma fondamentale passo». Il Guardasigilli Bonafede: «Così tuteliamo al meglio diritto alla salute»
Il premier Conte: «Non toccheremo la sanità nella prossima manovra». Sui vaccini: «Garantire diritto alla salute e all’istruzione»
Il Presidente del Consiglio parla della prossima legge di bilancio: «Non andremo a toccare settori strategici come sanità, scuola, ricerca perché assicurano una prospettiva di sviluppo». E rivela: «Mio figlio ha fatto tutte le vaccinazioni d’obbligo, l’ho accompagnato io»
L’INTERVENTO | Nuovi LEA, Cartabellotta (GIMBE): «Senza adeguato finanziamento SSN saranno illusione collettiva»
«L’accessibilità alla maggior parte delle nuove prestazioni è un miraggio, dalle regioni silenzio ‘sospetto’ su copertura economica», il punto di vista del Presidente della fondazione GIMBE
di Nino Cartabellotta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...