Salute 23 gennaio 2017

Osas può provocare problemi psichiatrici. Familiari (odontoiatra): «Depressione frequente fra pazienti»

Le Apnee Ostruttive del Sonno possono essere la miccia di molte patologie, una fra tutte sbalzi d’umore frequenti e alterazioni psico-fisiche. Sonia Familiari, odontoiatra esperta di Gnatologia e disturbi respiratori collegati al sonno: «C’è una solido legame fra Osas e sbalzi d’umore»

Quello delle Apnee Ostruttive nel Sonno è un problema che affligge un gran numero di persone portando con sé diversi effetti negativi a carico della salute fisica e mentale del paziente. Questa sintomatologia, che consiste in una riduzione del flusso d’aria alla vie respiratorie durante il sonno, può causare problemi anche alla salute psichica di chi ne soffre. I pazienti affetti da Apnee Ostruttive nel Sonno, infatti, sono più inclini alla depressione. Tuttavia non è ancora stato chiarito se la depressione in questi casi sia una conseguenza primaria della malattia oppure se compaia in conseguenza dei sintomi dell’Osas. Sull’argomento ascoltiamo il parere di Sonia Familiari, odontoiatra tra i principali esperti di Gnatologia e disturbi respiratori collegati al sonno.

Dottoressa quali sono i rischi per il paziente afflitto da Osas?

«Per quanto riguarda i sintomi delle Apnee Ostruttive del Sonno, la prima manifestazione che può insospettire è chiaramente il russamento. Questo genere di sintomo viene segnalato in genere dal partner di letto del paziente in questione. Gli altri sintomi, che poi sono degli effettivi rischi per la salute, sono problemi cardiovascolari, ictus, malattie metaboliche e endocrinologhe, fino ad arrivare agli sbalzi d’umore. Purtroppo Osas può dare origine anche a problemi psichiatrici, dagli sbalzi d’umore legati all’ipo-ossigenazione notturna cronica fino alla depressione vera e propria. Questa constatazione si è rafforzata negli ultimi anni con una serie di studi analitici proprio sulla connessione esistente fra Apnee Ostruttive del Sonno e problemi psichiatrici».

Nell’ottica della prevenzione, elemento fondamentale per diminuire l’impatto che l’Osas sta avendo sulla collettività, è fondamentale la funzione del medico di base. Il medico generico infatti ha la funzione di sentinella ed è colui che, avendo anche un rapporto maggiormente intenso e più frequente con i pazienti, deve accorgersi del problema e segnalarlo al paziente che poi si deve rivolgere a strutture specializzate.

Quanto è importante il ruolo del medico di base nel segnalare i primi sintomi di Osas?

«Il suo ruolo è fondamentale. Le persone si rivolgono primariamente al medico di base. Certo, mi rendo perfettamente conto che, fare medicina a tutto tondo, non è sicuramente cosa semplice, ma è assolutamente necessario che il medico generico indirizzi i pazienti in un percorso corretto».

Articoli correlati
Congresso ESC: c’è un legame tra disturbi del sonno e cardiopatie e ictus
E se dormire male fosse non solo causa di occhiaie poco estetiche e stanchezza trascinata per tutta la giornata, ma fosse legato a problemi decisamente più gravi quali ictus e cardiopatie ischemiche? È quanto dimostrato da uno degli studi presentati in occasione del Congresso della Società Europea di Cardiologia (ESC), che quest’anno si è tenuto […]
Osas e colpi di sonno: alla guida attenti ai “microsleeps”. Ecco come il medico individua i soggetti a rischio
La prevenzione sui rischi, per chi guida, dovuti a sonnolenza, stanchezza e scarsa concentrazione è fondamentale, a spiegarlo il professor Francesco Peverini Direttore Scientifico della Fondazione per la Ricerca e la Cura dei Disturbi del Sonno Onlus
Carrie Fisher morta per un’apnea del sonno? Parla lo specialista
Secondo il Coroner di Los Angeles, la principessa Leila di Star Wars sarebbe morta anche per insufficienza respiratoria causata da OSAS. La patologia si conferma un allarme sociale. Braghiroli (Istituto Maugeri): «La diagnosi può salvare»
Disturbi del sonno: nel Regno Unito boom di diagnosi
Nel Regno Unito sono raddoppiate le richieste di diagnosi per disturbi del sonno: se nel 2007 erano poco meno di 70mila, l’anno scorso hanno sfiorato la cifra di 150mila. E il disturbo più frequente è senz’altro l’apnea ostruttiva nel sonno (OSAS), una condizione che porta le persone a smettere di respirare mentre dormono, «anche per […]
Osas, Professor Calò (Policlinico Casilino): «Serve diagnosi, occorrono strumenti per screening di massa»
Il primario di cardiologia, tra i maggiori esperti del tema, punta sulla polisonnografia portatile per affrontare i casi sempre più numerosi e annuncia: «Presto un ambulatorio dedicato prettamente alla sindrome delle Apnee notturne per lavorare in team con tutti professionisti». Appello ai colleghi: «Serve maggiore formazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...