Salute 19 dicembre 2016

Osas, la tecnologia fa passi da gigante. Braghiroli (Maugeri): «Finalmente diagnosi a domicilio»

Apnee Notturne, un vero e proprio allarme sociale. Occorre sottoporsi a diagnosi e trattamento come spiega Alberto Braghiroli, Responsabile scientifico del Centro di Medicina del Sonno “Maugeri”: «La tecnologia fortunatamente viene in nostro soccorso»

Due milioni di pazienti solo in Italia. La malattia delle Apnee Notturne è un problema sentito non solo dal mondo medico ma anche dalle istituzioni, tanto che è di circa un anno fa l’emanazione di un Decreto Legge relativo alla normativa da seguire per il rilascio della patente ai pazienti che soffrono di Osas, onde prevenire incidenti stradali provocati proprio dai colpi di sonno alla guida. Sul tema interviene Alberto Braghiroli, Responsabile scientifico del Centro di Medicina del Sonno della Fondazione “Salvatore Maugeri”.

Sul problema Osas la tecnologia ha fatto molti progressi e attualmente la diagnosi è semplice e veloce. Quali le caratteristiche delle nuove strumentazioni?

«Sono stati fatti moltissimi sforzi per concepire delle strumentazioni più pratiche e facili da utilizzare utili alla diagnosi del paziente. Rendere semplici le metodologie che permettono di gestire i pazienti nella prima fase del loro percorso, può anche incentivare più soggetti a rischio a sottoporsi alla diagnosi e al trattamento. Infatti attualmente per rilevare la presenza o meno della malattia, si può rimanere nella propria abitazione e sottoporsi a semplice rilevazione dei dati durante il sonno grazie all’utilizzo di piccole e poco invasive strumentazioni. Ma non solo la fase diagnostica adesso è più pratica e veloce, anche il percorso terapeutico diventa più agibile. Questi nuovi aspetti hanno portato dei grandissimi vantaggi, il primo è una grossa riduzione dei costi soprattutto perché i pazienti non si devono spostare per visite e controlli e neanche per fare valutazioni periodiche, dall’altro avviene una netta riduzione dei costi inutili di controllo di persone che non hanno la necessità di effettuare valutazioni ulteriori. Quindi la diagnosi ha fatto passi da gigante, fino a 20 anni fa la diagnostica era limitata a pochissimi centri di altissimo livello perché risultava particolarmente complicata. La miniaturizzazione e anche la semplificazione dei macchinari di rilevazione delle Apnee, ha fornito un grosso contributo per riuscire ad identificare la malattia e la sua gravità».

Quindi per i pazienti sottoporsi a diagnosi è diventato un percorso estremamente semplice?

«Assolutamente sì, ribadisco che oggi la strumentazione è veramente limitata anche in termini di ingombro e fastidio. Le persone possono dormire nel proprio letto e rimanere dunque nel loro domicilio. Questo aspetto non è importante solo dal punto di vista della comodità e dell’impatto psicologico del paziente ma anche per gli operatori sanitari perché rilevare dei dati frutto di un sonno più fisiologico, danno modo di costruire un quadro, una fotografia, molto più attendibile e veritiera».

Per approfondire leggi anche: Lino Banfi: «Rischiavo di morire di Osas». Il popolare comico: «Puntare su diagnosi»

Articoli correlati
Osas, Professor Calò (Policlinico Casilino): «Serve diagnosi, occorrono strumenti per screening di massa»
Il primario di cardiologia, tra i maggiori esperti del tema, punta sulla polisonnografia portatile per affrontare i casi sempre più numerosi e annuncia: «Presto un ambulatorio dedicato prettamente alla sindrome delle Apnee notturne per lavorare in team con tutti professionisti». Appello ai colleghi: «Serve maggiore formazione»
Settimana Mondiale del Cervello, disturbi del sonno responsabili di malattie neuro-degenerative
Curare il cervello migliora la vita: tra i marker predittivi del possibile sviluppo di patologie neuro-degenerative rientra la Sindrome delle Apnee Notturne, che si osserva in oltre il 50% dei pazienti con ictus cerebrale
Osas può provocare problemi psichiatrici. Familiari (odontoiatra): «Depressione frequente fra pazienti»
Le Apnee Ostruttive del Sonno possono essere la miccia di molte patologie, una fra tutte sbalzi d’umore frequenti e alterazioni psico-fisiche. Sonia Familiari, odontoiatra esperta di Gnatologia e disturbi respiratori collegati al sonno: «C’è una solido legame fra Osas e sbalzi d’umore»
Contro l’Osas formazione e prevenzione armi vincenti. Professore Garbarino: «Bene la polisonnografia»
Riconoscere i primi sintomi è fondamentale per curare la malattia. Il professore Sergio Garbarino, neurologo dell’Università di Genova, ribadisce l’importanza del ruolo del medico generico nel saper individuare i primi segnali
Osas, occorre più prevenzione. Marano (Ministero Salute): «SSN vessato da spese per mancata diagnosi»
Le Apnee Notturne sono un’emergenza sociale che può essere risolta con una prevenzione accurata. Giancarlo Marano della Direzione Generale Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute: «Le conseguenze della malattia sono l’aggravarsi di patologie già esistenti e il ritiro della patente di guida»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...