Salute 19 dicembre 2016

Osas, la tecnologia fa passi da gigante. Braghiroli (Maugeri): «Finalmente diagnosi a domicilio»

Apnee Notturne, un vero e proprio allarme sociale. Occorre sottoporsi a diagnosi e trattamento come spiega Alberto Braghiroli, Responsabile scientifico del Centro di Medicina del Sonno “Maugeri”: «La tecnologia fortunatamente viene in nostro soccorso»

Due milioni di pazienti solo in Italia. La malattia delle Apnee Notturne è un problema sentito non solo dal mondo medico ma anche dalle istituzioni, tanto che è di circa un anno fa l’emanazione di un Decreto Legge relativo alla normativa da seguire per il rilascio della patente ai pazienti che soffrono di Osas, onde prevenire incidenti stradali provocati proprio dai colpi di sonno alla guida. Sul tema interviene Alberto Braghiroli, Responsabile scientifico del Centro di Medicina del Sonno della Fondazione “Salvatore Maugeri”.

Sul problema Osas la tecnologia ha fatto molti progressi e attualmente la diagnosi è semplice e veloce. Quali le caratteristiche delle nuove strumentazioni?

«Sono stati fatti moltissimi sforzi per concepire delle strumentazioni più pratiche e facili da utilizzare utili alla diagnosi del paziente. Rendere semplici le metodologie che permettono di gestire i pazienti nella prima fase del loro percorso, può anche incentivare più soggetti a rischio a sottoporsi alla diagnosi e al trattamento. Infatti attualmente per rilevare la presenza o meno della malattia, si può rimanere nella propria abitazione e sottoporsi a semplice rilevazione dei dati durante il sonno grazie all’utilizzo di piccole e poco invasive strumentazioni. Ma non solo la fase diagnostica adesso è più pratica e veloce, anche il percorso terapeutico diventa più agibile. Questi nuovi aspetti hanno portato dei grandissimi vantaggi, il primo è una grossa riduzione dei costi soprattutto perché i pazienti non si devono spostare per visite e controlli e neanche per fare valutazioni periodiche, dall’altro avviene una netta riduzione dei costi inutili di controllo di persone che non hanno la necessità di effettuare valutazioni ulteriori. Quindi la diagnosi ha fatto passi da gigante, fino a 20 anni fa la diagnostica era limitata a pochissimi centri di altissimo livello perché risultava particolarmente complicata. La miniaturizzazione e anche la semplificazione dei macchinari di rilevazione delle Apnee, ha fornito un grosso contributo per riuscire ad identificare la malattia e la sua gravità».

Quindi per i pazienti sottoporsi a diagnosi è diventato un percorso estremamente semplice?

«Assolutamente sì, ribadisco che oggi la strumentazione è veramente limitata anche in termini di ingombro e fastidio. Le persone possono dormire nel proprio letto e rimanere dunque nel loro domicilio. Questo aspetto non è importante solo dal punto di vista della comodità e dell’impatto psicologico del paziente ma anche per gli operatori sanitari perché rilevare dei dati frutto di un sonno più fisiologico, danno modo di costruire un quadro, una fotografia, molto più attendibile e veritiera».

Per approfondire leggi anche: Lino Banfi: «Rischiavo di morire di Osas». Il popolare comico: «Puntare su diagnosi»

Articoli correlati
Convegno apnee ostruttive nel sonno: tutto su sintomi, rischi e terapie
L’Associazione Apnoici Italiani Onlus organizza un convegno dal titolo: “Le Apnee Ostruttive nel Sonno”. L’evento avrà luogo mercoledì 4 ottobre 2017 presso la Sala dell’Istituto di Santa Maria in Aquiro e il Senato della Repubblica, con il patrocinio della Facoltà di Medicina e Chirurgia -Università degli Studi di Roma Tor Vergata, l’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri e […]
Congresso ESC: c’è un legame tra disturbi del sonno e cardiopatie e ictus
E se dormire male fosse non solo causa di occhiaie poco estetiche e stanchezza trascinata per tutta la giornata, ma fosse legato a problemi decisamente più gravi quali ictus e cardiopatie ischemiche? È quanto dimostrato da uno degli studi presentati in occasione del Congresso della Società Europea di Cardiologia (ESC), che quest’anno si è tenuto […]
Osas e colpi di sonno: alla guida attenti ai “microsleeps”. Ecco come il medico individua i soggetti a rischio
La prevenzione sui rischi, per chi guida, dovuti a sonnolenza, stanchezza e scarsa concentrazione è fondamentale, a spiegarlo il professor Francesco Peverini Direttore Scientifico della Fondazione per la Ricerca e la Cura dei Disturbi del Sonno Onlus
Carrie Fisher morta per un’apnea del sonno? Parla lo specialista
Secondo il Coroner di Los Angeles, la principessa Leila di Star Wars sarebbe morta anche per insufficienza respiratoria causata da OSAS. La patologia si conferma un allarme sociale. Braghiroli (Istituto Maugeri): «La diagnosi può salvare»
Disturbi del sonno: nel Regno Unito boom di diagnosi
Nel Regno Unito sono raddoppiate le richieste di diagnosi per disturbi del sonno: se nel 2007 erano poco meno di 70mila, l’anno scorso hanno sfiorato la cifra di 150mila. E il disturbo più frequente è senz’altro l’apnea ostruttiva nel sonno (OSAS), una condizione che porta le persone a smettere di respirare mentre dormono, «anche per […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

Enpam: «Pronti da subito a pagare pensioni in cumulo. Ora il problema sono i tempi»

Prime reazioni alla pubblicazione della circolare Inps che dà operatività al cumulo contributivo gratuito. «Resta il problema di quando queste pensioni saranno pagate» precisa la Fondazione