Salute 7 febbraio 2018

OSAS, anche la forma e la dimensione del volto possono aiutare nella diagnosi di disturbi del sonno

«Per fare una buona analisi diagnostica occorre anche ‘guardare in faccia il paziente’ ma attenzione anche alla massa corporea». L’intervista al dottor Gabriele Reale, chirurgo maxillo-facciale

Immagine articolo

Anche la forma e la dimensione del volto possono influire sui disturbi del sonno. Sia per l’approccio terapeutico che diagnostico, l’asse facciale è infatti uno dei parametri da prendere in considerazione, come spiega ai microfoni di Sanità Informazione il dottor Gabriele Reale, chirurgo maxillo-facciale.

«Nell’inquadramento dei pazienti che soffrono di disturbi del sonno, e in particolare di apnee ostruttive (OSAS), ci sono dei dati oggettivi che si possono reperire grazie ad una cefalometria: si tratta dell’esame del cranio in proiezione laterale su un RX che, avendo dei punti di riferimento fissi, ci indica le anomalie anatomiche che ha il paziente. Queste possono allora indicarci questo tipo di malattia, appunto la sindrome delle apnee ostruttive del sonno».

Guardare in faccia il paziente può quindi aiutare nella diagnosi di queste patologie. Ma che ruolo svolge la massa corporea? Può in qualche modo avere un’influenza nel manifestarsi, e poi magari nell’acuirsi, dei disturbi del sonno?

«Assolutamente sì – risponde il dottor Reale -. Anzi, visto che nella stragrandissima maggioranza dei casi i pazienti che soffrono di OSAS sono soggetti in sovrappeso, il primo intervento in assoluto da fare è proprio l’educazione nutrizionale. Il paziente deve infatti perdere peso e le strutture corporee devono avere meno ingombro. In questo modo il quadro generale può migliorare», conclude.

LEGGI ANCHE: PALLORE, OCCHIAIE E SUDORE NOTTURNO? «IL NOSTRO BAMBINO POTREBBE SOFFRIRE DI OSAS» L’INTERVISTA ALL’OTORINO

Articoli correlati
Che cosa succede al nostro cervello quando dormiamo? «Occorre far riposare le sinapsi», l’intervista alla neuroscienziata Chiara Cirelli
«La rinormalizazione sinaptica è quel processo operativo durante il sonno profondo e che ci permette di recuperare le energie» così la ricercatrice della University of Wisconsin-Madison
L’OSAS causa 12mila incidenti l’anno. Parte la campagna ACI-FISAR “Dormi meglio, Guida sveglio”
ACI e FISAR (Federazione Italiana Salute Ambiente Respiro) sfruttano il passaggio obbligato del rilascio e rinnovo della patente, per 5 milioni di italiani ogni anno, proponendo un “check-up del sonno” prima di procedere alla visita medica obbligatoria per la patente
Odontoiatria, al via il 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari discipline Odontostomatologiche
Microbiota orale, malattie sistemiche, rischio e correlazione. Sono quattro parole chiave che danno il titolo al 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari di discipline Odontostomatologiche (CDUO), l’appuntamento annuale che rappresenta un’occasione unica di scambio fra i vari protagonisti del mondo dell’odontoiatria: mondo accademico, libera professione, SSN con un’attenzione particolare all’attività scientifico-formativa rivolta ai più […]
Crisi di coppia? È colpa dei disturbi del sonno. Enrico Brunello (AIPAS): «Russamenti e apnee mettono a dura prova la convivenza»
«Chi dorme accanto ad un paziente affetto da Osas finirà per soffrire di un disturbo del sonno indotto». Il punto di vista del Presidente dell’Associazione Italiana Pazienti con Apnee del Sonno
di Isabella Faggiano
Roma, i dentisti dell’AIO nelle scuole e nelle piazze italiane
Oggi, 20 marzo, si celebra la Sesta edizione della Giornata Mondiale per la promozione della Salute Orale (World Oral Health Day) in 150 paesi di tutto il mondo. Per l’occasione, i dentisti dell’Associazione AIO (Associazione Italiana Odontoiatri) incontreranno i cittadini nelle scuole, nelle ASL e nelle piazze delle principali città italiane per sensibilizzarli sulla prevenzione e sulle […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...