Salute 1 settembre 2017

Osas e colpi di sonno: alla guida attenti ai “microsleeps”. Ecco come il medico individua i soggetti a rischio

La prevenzione sui rischi, per chi guida, dovuti a sonnolenza, stanchezza e scarsa concentrazione è fondamentale, a spiegarlo il professor Francesco Peverini Direttore Scientifico della Fondazione per la Ricerca e la Cura dei Disturbi del Sonno Onlus

Immagine articolo

Vacanze terminate (quasi) per tutti, arriva il momento di tornare a casa. Prima di mettersi in viaggio è opportuno non solo studiare percorsi alternativi e calcolare partenze intelligenti per evitare le lunghe file del contro-esodo, ma soprattutto seguire i consigli dei medici per un rientro in massima sicurezza.

Il professor Francesco Peverini, Direttore Scientifico della Fondazione per la Ricerca e la Cura dei Disturbi del Sonno Onlus, tra i massimi esperti della materia, mette in guardia sui cosiddetti “microsleeps”: si tratta di una condizione di scarsa vigilanza dove ci si addormenta per diversi secondi –  solitamente da 3 a 30 –  durante i quali si è percettivamente ciechi. Il cervello si trova, infatti, in una condizione di sospensione rapida e incontrollabile della coscienza, situazione che, per l’appunto, può rappresentare una fonte di pericoli se si è alla guida.

Ai microsleeps il professor Peverini ha dedicato anche una parte del suo nuovo corso, on line sul provider ECM 2506 Sanità in-Formazione in collaborazione con Consulcesi Club, dal titolo ‘Il paziente con sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS). Inquadramento clinico multidisciplinare’. È infatti molto importante un’opera di sensibilizzazione e prevenzione sui rischi, per chi guida, dovuti a sonnolenza, stanchezza e scarsa concentrazione in relazione all’OSAS (Sindrome delle apnee ostruttive del sonno) ed in tal senso i medici hanno un ruolo molto significativo. «Grazie ai progressi della scienza e della tecnologia – afferma ancora Peverini – identificare un soggetto a rischio è ormai semplice per qualsiasi medico. E nel caso di sospetta sofferenza da apnee notturne, un esame polisonnografico, un test non invasivo che si può effettuare anche a domicilio, facilita la diagnosi e la scelta terapeutica. La polisonnografia dovrebbe essere un esame diagnostico irrinunciabile per tutti i conducenti professionali, come già avviene in molti Paesi, per tutelare la loro salute».

Secondo le stime della Fondazione per la Ricerca e la Cura dei Disturbi del Sonno Onlus almeno un incidente stradale su cinque è causato da un colpo di sonno. E in Italia ci sono almeno 2 milioni di pazienti affetti da patologie riconducibili all’Osas. Un numero destinato a crescere anche in virtù dell’approccio sempre più multidisciplinare e della semplificazione delle diagnosi. Secondo le statistiche, il rischio di incidenti stradali aumenta del 400% in caso di Sindrome delle apnee ostruttive del sonno e il 22% degli incidenti è causato proprio dalla sonnolenza diurna. Gli incidenti direttamente dipendenti dall’Osas causano oltre 200 morti all’anno e 12mila feriti. Fondamentali anche le contromisure da adottare per rimanere svegli alla guida: «Spuntini, bevande energetiche e caffè – spiega il professore Peverini – non consentono di ottenere un’efficace vigilanza che, al contrario, è aumentata solo da un sonnellino di almeno 20-25 minuti».

MICROSLEEPS/COLPO DI SONNO – I SEI SEGNALI DELLA SONNOLENZA E DELLA FATIGUE   

  • Tempi di reazioni alterata;
  • modificazione di giudizio e visione;
  • problemi di elaborazione delle informazioni e della memoria a breve termine;
  • calo di prestazioni;
  • diminuzione vigilanza e motivazione;
  • aumento del malumore e comportamento aggressivo

MICROSLEEP/COLPO DI SONNO – I SOGGETTI PIÙ A RISCHIO E I LORO INCIDENTI PIÙ FREQUENTI

  • chi guida tra mezzanotte e le sei del mattino;
  • chi viaggia da solo, in prevalenza uomini;
  • la maggior parte degli incidenti sono tamponamenti o frontali;
  • non ci sono prove di frenate o manovre evasive

Il corso FAD “Il paziente con sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS). Inquadramento clinico multidisciplinare” del provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, in partnership con Consulcesi Club, è on line gratuitamente sul sito www.corsi-ecm-fad.it. Si aggiunge all’ampio catalogo di oltre 150 corsi FAD offerti dal provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, di cui fanno parte anche i Film Formazione: una lista di produzioni che hanno già riscosso enorme successo tra i camici bianchi grazie a film selezionati in prestigiosi festival cinematografici.

Articoli correlati
Che cosa succede al nostro cervello quando dormiamo? «Occorre far riposare le sinapsi», l’intervista alla neuroscienziata Chiara Cirelli
«La rinormalizazione sinaptica è quel processo operativo durante il sonno profondo e che ci permette di recuperare le energie» così la ricercatrice della University of Wisconsin-Madison
L’OSAS causa 12mila incidenti l’anno. Parte la campagna ACI-FISAR “Dormi meglio, Guida sveglio”
ACI e FISAR (Federazione Italiana Salute Ambiente Respiro) sfruttano il passaggio obbligato del rilascio e rinnovo della patente, per 5 milioni di italiani ogni anno, proponendo un “check-up del sonno” prima di procedere alla visita medica obbligatoria per la patente
Odontoiatria, al via il 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari discipline Odontostomatologiche
Microbiota orale, malattie sistemiche, rischio e correlazione. Sono quattro parole chiave che danno il titolo al 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari di discipline Odontostomatologiche (CDUO), l’appuntamento annuale che rappresenta un’occasione unica di scambio fra i vari protagonisti del mondo dell’odontoiatria: mondo accademico, libera professione, SSN con un’attenzione particolare all’attività scientifico-formativa rivolta ai più […]
Crisi di coppia? È colpa dei disturbi del sonno. Enrico Brunello (AIPAS): «Russamenti e apnee mettono a dura prova la convivenza»
«Chi dorme accanto ad un paziente affetto da Osas finirà per soffrire di un disturbo del sonno indotto». Il punto di vista del Presidente dell’Associazione Italiana Pazienti con Apnee del Sonno
di Isabella Faggiano
Roma, i dentisti dell’AIO nelle scuole e nelle piazze italiane
Oggi, 20 marzo, si celebra la Sesta edizione della Giornata Mondiale per la promozione della Salute Orale (World Oral Health Day) in 150 paesi di tutto il mondo. Per l’occasione, i dentisti dell’Associazione AIO (Associazione Italiana Odontoiatri) incontreranno i cittadini nelle scuole, nelle ASL e nelle piazze delle principali città italiane per sensibilizzarli sulla prevenzione e sulle […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...