Salute 8 marzo 2016

“Bollino Rosa”: ecco gli ospedali che si prendono più cura delle donne

L’iniziativa dell’Osservatorio Nazionale Salute della Donna, la presidente Francesca Merzagora: «Nelle 248 virtuose strutture giornate ad hoc per ricevere gratuitamente consulenze ed esami»

Immagine articolo

Identificare le strutture che hanno maggiormente a cuore la salute delle donne. È questo l’obiettivo dell’iniziativa “Bollino Rosa”, ideata dell’Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna (ONDA).


Mentre il Ministro Lorenzin sottolinea la necessità di porre maggiore attenzione sulle questioni legate al benessere femminile, istituendo il 22 aprile la prima giornata dedicata alla salute della donna, Sanità informazione ha intervistato la dottoressa Francesca Merzagora, Presidente ONDA: «Le donne vivono più a lungo degli uomini – c’è uno scarto di 5 anni più o meno – ed utilizzano maggiormente, proprio per questo, il Servizio sanitario nazionale; infatti, ci sono più giornate di ricovero che fanno capo alla popolazione femminile. Per questo, abbiamo iniziato a mappare gli ospedali italiani, attraverso un sito dedicato, una commissione e un questionario strutturato, per mettere in luce le strutture che in tutta Italia, non solo siano più attente alle donne ricoverate o curino patologie prettamente femminili, ma che siano all’avanguardia nell’approccio diagnostico-terapeutico. Sono 248 attualmente gli ospedali con i bollini rosa. In occasione di giornate dedicate a particolari patologie femminili, queste strutture offrono gratuitamente servizi diagnostici-terapeutici informativi riservati alla popolazione femminile. In un momento attuale di crisi economica e liste d’attesa, poter fare, ad esempio, una MOC gratuitamente in una di queste strutture è un piccolo aiuto che viene dato».

La salute è il nostro bene più prezioso. Alimentare la conoscenza e sviluppare la consapevolezza è un primo e fondamentale passo per compiere scelte adeguate per preservarsi. «L’attenzione alla medicina di genere è aumentata – prosegue la dott.ssa Merzagora -; ONDA ha realizzato un’indagine in occasione del suo decennale su come viene vissuta la salute dalle donne italiane nel 2016 rispetto al 2006, anno di nascita dell’Osservatorio, da cui sono emersi dei dati molto interessanti: c’è una maggiore attenzione alla salute, alla prevenzione ed è stato possibile individuare lo stress come un fattore che incide in modo preponderante sulla salute psichica delle donne. Stress legato al multitasking, al care-giving, aumentato in questi 10 anni. Quindi, di sicuro, bisogna far passare il messaggio che la donna vive di più, si ammala di più, cura gli altri, ed è importante che sia in salute. Per la donna è tutto più difficile, inutile legarlo. Anche le retribuzioni, a parità di funzione, sono spesso più basse. Abbiamo fatto dei passi avanti ma il problema ancora sussiste».

Articoli correlati
Dalla Martines a Dolcenera gli appelli per giornata salute donna su vaccini e prevenzione
Una maratona giornaliera dedicata alla salute al femminile che si aprirà con la presentazione, da parte del Ministro Beatrice Lorenzin, del calendario della salute della donna – un vero e proprio vademecum tascabile con i consigli più importanti di prevenzione. Poi gli interventi di tante donne del mondo dello spettacolo, dello sport, youtubers che hanno […]
Giornata della Salute della Donna: visite ed esami gratuiti in 150 ospedali
In occasione della Giornata Nazionale della Salute della Donna, che si celebrerà il 22 aprile, l’Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna (ONDA) ha organizzato la (H)Open Week: dal 18 al 24 aprile i circa 150 ospedali che aderiscono all’iniziativa esporranno un bollino rosa ed offriranno gratuitamente alle donne visite, consulti ed esami delle principali patologie […]
Rimedi post abbuffate? I consigli della nutrizionista: «Bilanciare la dieta, ma non rinunciare ai dolci»
Che si fa con le rimanenze di cioccolato del post festività? Si può continuare a consumarlo diminuendo progressivamente le quantità. La parola all'esperta, la dottoressa Serena Missori...
Gravidanze gemellari: verità e miti da sfatare. La parola alla Dottoressa Stazi dell’Istituto Superiore di Sanità
I gemelli in biologia, le caratteristiche genetiche, la predisposizione familiare, la parola all'esperta, la dottoressa Maria Antonietta Stazi, Responsabile del Registro Nazionale Gemelli dell’Istituto Superiore di Sanità...
«Il rapporto medico-paziente ora è un ‘ménage à trois’…» parola di Walter Gatti
Bufale o no, il web va dosato coscientemente e con giudizio. Ecco il monito del giornalista e scrittore Walter Gatti che sottolinea quanto rispetto al passato «sia cambiato il rapporto tra camice bianco e assistito»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...