Salute 21 ottobre 2014

Omeopatia e cure alternative: varata la norma, ora si punta alla formazione 

Intervista al prof. Dario Chiriacò, responsabile della Commissione Medicine non Convenzionali FNOMCeO

Immagine articolo

Le terapie non convenzionali si fanno largo nell’ambito della sanità: un numero sempre crescente di pazienti, infatti, ne fa uso ormai da tempo con evidenti benefici, e ciò ha spinto anche le Istituzioni a legiferare sul tema. Tuttavia, per far sì che questa branca trovi ufficialmente posto accanto alla medicina tradizionale, bisogna investire sulla formazione.

Ne abbiamo parlato con il professor Dario Chiriacò, responsabile della commissione nazionale delle medicine non convenzionali per la FNOMCeO, nonchè presidente della Federazione degli Ordini dei Medici del Lazio e presidente dell’OMCeO di Rieti.

Queste medicine, tra cui l’Omeopatia, continuano ad avere sempre più importanza e si avvicinano alla medicina convenzionale.
Sì, e i fatti recenti lo confermano. Il Ministero ha fatto seguito alla normativa del 7 febbraio 2013 emanando  finalmente delle norme applicative, cui tutte le Regioni dovranno uniformarsi. Il 90% degli Ordini ha già istituito gli appositi albi a livello provinciale, ma il rimanente 10% degli Ordini dovrà adeguarsi al più presto: non si tratta più di assolvere ad una normativa FNOMCeO, ma del Ministero. Andranno inoltre istituite delle commissioni regionali con il compito di controllare, verificare e accreditare i corsi e le scuole, per consentire a tutti i medici, veterinari e farmacisti di applicare non solo l’omeopatia ma anche le altre medicine non convenzionali, come l’agopuntura.

La formazione, infatti, è un aspetto fondamentale in questo senso, di cui lei si è reso protagonista…
E’ importantissimo che le scuole siano adeguate allo scopo. Dal 18 ottobre è partito a Roma il corso che ho fondato 13 anni fa e di cui sono docente, presso la scuola COII (Centro Omeopatico Italiano Ippocrate). E’ un corso che unisce l’aspetto omeopatico alla medicina ufficiale: non più quindi “teoria dell’omeopatia”, ma vera e propria omeopatia clinica applicata alle patologie autoimmuni, croniche e degenerative in un’ottica esclusivamente medica. Saranno le medicine del futuro e come tali vanno gestite nel migliore dei modi. Vede, la medicina è una e unica, ma per realizzarsi può avvalersi di varie metodiche. E’ per questo che medicina omeopatica e allopatica devono integrarsi. In questi 13 anni abbiamo diplomato centinaia di allievi, ed è con grande soddisfazione che li vedo proiettati in grandi realtà e in Regioni dove i medici in possesso di questi attestati vengono accolti a braccia aperte.

Articoli correlati
Equità in salute: parte la Join Action Europea coordinata dall’ISS
Sarà l’Italia, attraverso l’Istituto Superiore di Sanità, a coordinare la Join Action Europea per ridurre le disuguaglianze di salute dei cittadini dell’Unione, con il supporto della Regione Piemonte, dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (AGENAS), dell’Istituto Nazionale Salute, Migrazioni e povertà (INMPI) e del Ministero della Salute. «Siamo felici di guidare un programma d’azione […]
San Benedetto, Ministero Salute chiede il ritiro di un lotto di acqua contaminata
Il Ministero della Salute ha comunicato l’immediato richiamo del lotto 23LB8137E delle bottigliette da mezzo litro di acqua minerale naturale Fonte Primavera con data di scadenza al 16/11/2019. Il motivo della segnalazione è il rischio clinico per la “presenza consistente di contaminanti idrocarburici come: xilene, etilbenzene, trimetilbenzene e toluene“. Il richiamo del Ministero riguarda solo il lotto indicato, imbottigliato “presso lo […]
Al via a Roma “3rd Health City Forum” e “11th Italian Barometer Diabetes & Obesity Forum”
Italian Barometer Diabetes Observatory (IBDO) Foundation, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Health City Institute, Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane, I-Com – Istituto per la Competitività e Cities Changing Diabetes  presentano 3rd Health City Forum – 2nd Roma Cities Changing Diabetes Summit – Creating the world of tomorrow e 11th Italian Barometer Diabetes & […]
La salute passa per il sistema endocannabinoide. Bagar (International Institute for Cannabinoids): «Ecco come funziona e a cosa serve»
Diversi processi vitali per l’organismo umano e animale passano per una rete composta da milioni di recettori che interagiscono con i cannabinoidi: «Grandissime potenzialità, ma ancora non conosciamo tutto…»
Catania, Ospedale Gravina: ottimi risultati per la Stroke Unit di Neurologia
Si consolida l’attività della Stroke Unit di I livello dell’UOC di Neurologia dell’Ospedale “Gravina”. A tre mesi dall’avvio del servizio sono state effettuate 12 trombolisi. «Abbiamo incoraggiato i nostri operatori a declinare in maniera innovativa ed integrata le loro competenze professionali e le loro pratiche di organizzazione – afferma il dottor Giuseppe Giammanco, direttore generale […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Leucemia infantile, tra le cause anche la mancata esposizione ai microbi. La ricerca pubblicata su Nature

Il Professor Greaves, autore dello studio: «L’incidenza della leucemia linfoblastica acuta infantile è maggiore nei Paesi sviluppati, non a causa di onde elettromagnetiche o agenti chimici, ma deg...