Salute 13 aprile 2018

Odontoiatria, Gherlone (CDUO): «Solo il 7% dell’offerta è pubblica. Così nascono le catene low cost»

«Stiamo lavorando per rendere le prestazioni odontoiatriche più accessibili» spiega il Presidente del Collegio dei Docenti Universitari di Discipline Odontostomatologiche in occasione del 25° Congresso dell’Associazione

Immagine articolo

‘La Cenerentola del Sistema Sanitario Nazionale’: si tratta dell’odontoiatria, decisamente poco ‘fidelizzata’ con il pubblico tanto da costringere molti cittadini a rinunciare alle cure odontoiatriche per questioni di budget. «Questo è un vero problema, abbiamo bisogno di prestazioni a costi più accessibili», commenta Enrico Gherlone, Presidente del Collegio dei Docenti Universitari di Discipline Odontostomatologiche, in occasione del 25° Congresso Nazionale dell’Associazione che si è tenuto a Roma.

«L’odontoiatria per il 93% è privata, solo il 7% è pubblico – prosegue il Presidente -. Quindi stiamo cercando d’implementare sempre di più l’offerta pubblica e la cura di tutte le patologie. Come è noto a tutti, la salute orale non è che uno specchio della salute generale ed è giusto che il cittadino possa usufruire di tutti i servizi in grado di assicurargli benessere».

LEGGI ANCHE: CANCRO ORALE, QUANTO CONTA LA PREVENZIONE?

Un servizio assistenziale pubblico a costi così elevati ha favorito,  negli ultimi dieci anni, la nascita e la diffusione, su tutto il territorio nazionale, di catene ‘low cost’ che offrono servizi a prezzi più competitivi ma meno qualificati. Parcelle concorrenziali quelle di questi centri ortodontici che hanno destato perplessità tra i professionisti, preoccupati per la qualità dei servizi. «Questi network odontoiatrici, in alcuni casi, hanno comportato un abbassamento della qualità delle prestazioni – sottolinea Gherlone -. Noi abbiamo cercato di contrapporci a questo fenomeno emanando a livello ministeriale raccomandazioni cliniche, cioè ponendo un’asticella di operatività sotto la quale la salute del cittadino non deve mai scendere».

«Eppure questa non è la soluzione definitiva – prosegue -. Allora come fare? Bisognerebbe regolamentare queste realtà attraverso un attento monitoraggio da parte degli ordini professionali. Inoltre faremo più informazione chiarificatrice e ovviamente non comparativa. Occorre far presente che queste catene a basso costo sfruttano molto la qualità percepita più che quella effettiva, perché l’immagine che trasmettono è quella dell’immediatezza della cura e non della sua resa effettiva a medio lungo termine».

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

Articoli correlati
Il vino fa bene a denti e gengive. Il merito è di due polifenoli
Un brindisi alla salute del sorriso. Uno studio spagnolo allunga la lista dei benefici del vino, dimostrando che i polifenoli contenuti in particolare nel rosso sono validi alleati del benessere orale, perché riescono a contrastare i batteri responsabili di carie ai denti e disturbi alle gengive. Il lavoro, pubblicato sul ‘Journal of Agricultural and Food Chemistry‘ dell’American […]
Firenze, al Meyer il cane “Budino” scaccia la paura del dentista
L’odontofobia, la paura del dentista, colpisce il 20% dei bambini. E così, all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze si è pensato di ricorrere ad un assistente alla poltrona un pò particolare ma molto apprezzato dai bambini. Si chiama Budino, è un meticcio color caramello e aiuta i medici a curare le carie e gli altri problemi dentali dei bambini […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»

Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma manca...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...