Salute 5 giugno 2018

Nuovo governo, Parente (Cattolica-Sigm): «Le sfide più importanti? Lotta alle diseguaglianze e copertura universale garantita per tutti»

«Nessun cittadino deve restare risposte alla necessità di assistenza, in questo pubblico e privato devono stringere alleanza» così Paolo Parente, medico di Sanità pubblica dell’Università Cattolica di Roma

La sanità del futuro dovrà partire da una solida base, la priorità in questo scenario è un’alleanza forte tra i due protagonisti del sistema: pubblico e privato. Il nuovo Governo? Che pensi a combattere le diseguaglianze assistenziali. Sintetizza così, Paolo Parente, medico di Sanità pubblica dell’Università Cattolica di Roma e consulente per l’OMS, la sua visione di prospettiva assistenziale a lungo termine. Sanità Informazione l’ha intervistato.

Pubblico e privato che ruoli giocheranno nella sanità del futuro italiana?

«Si tratta di due player fondamentali che mettono a disposizione i loro mezzi per offrire ai cittadini la risposta ai bisogni di salute. Si tratta di interlocutori assolutamente naturali che giocano un ruolo vitale all’interno del sistema e il loro ruolo dovrà essere rafforzato laddove tutti coloro che fanno parte del settore sapranno capire, analizzare e prendere in considerazione le sfide che la sanità stessa presenterà e riusciranno a dare risposte adeguate alla complessità di queste».

In questo senso il nuovo Governo – soprattutto il Ministero della Salute – che sfide dovrà affrontare?

«Le sfide sono tante, sicuramente c’è la sfida della riduzione della diseguaglianza, sia tra le Regioni che nella popolazione, quindi fare in modo che tutti abbiano risposte ad un bisogno di salute (nord, centro e sud), tutti devono ricevere delle cure secondo i principi fondamentali del nostro Servizio Sanitario Nazionale. Fondamentale che i cittadini ricevano cure che siano eque, che siano giuste in tutte le Regioni con lo stesso livello di qualità e soprattutto che possano dare gli stessi esiti e risultati di salute».

LEGGI ANCHE: AIOP LAZIO, FARONI CONFERMATA ALLA PRESIDENZA FINO AL 2021: «SANITÀ PRIVATA SIA INTERLOCUTORE IMPORTANTE DELLO STATO»

L’Organizzazione Mondiale della Sanità gioca un ruolo preponderante in ottica futura, principalmente quali saranno gli impegni prioritari che l’Organizzazione dovrà affrontare?

«L’OMS come agenzia delle Nazioni Unite che si occupa pienamente di salute ha dal 1948 un mandato chiaro: proteggere la salute di tutte le popolazioni del mondo. Le sfide sono molteplici, vanno dal fronteggiare malattie comunicabili, infettive che sono di nuovo – soprattutto in alcuni Paesi – uno degli aspetti più critici da affrontare fino a quelle che sono invece patologie epidemiche che riguardano i Paesi con uno sviluppo socio-economico maggiore. Inoltre uno degli obiettivi principali dell’OMS e di tutti noi che lavoriamo nell’ambito della salute, è garantire una universal coverage per tutti, dunque fare in modo che nessuna persona resti al di fuori della possibilità di ottenere risposte al proprio bisogno di salute. Perseguendo questo obiettivo si possono affrontare, con una visione più chiara e con una fiducia maggiore nei propri mezzi, tutte le sfide che questo momento storico ci presenta».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Vaccini, SIPPS: «Non aspettare focolaio di epidemia per procedere a vaccinazioni»
Un osservatore esterno che volesse cercare di comprendere le motivazioni che stanno spingendo la politica italiana a sostituire, a distanza di poco più di un anno dalla sua approvazione da parte del Parlamento, una legge che aveva aumentato il numero delle vaccinazioni obbligatorie da 4 a 10 ed esteso l’obbligo a vaccinazioni raccomandate già presenti […]
Intesa Stato-Regioni, Barbara Cittadini (AIOP): «Soddisfatta del risultato ma serve un intervento più strutturale»
«Esprimiamo soddisfazione per l’intesa che la Conferenza delle Regioni ha raggiunto in merito alla ripartizione del Fondo sanitario 2018». Barbara Cittadini, come presidente nazionale AIOP precisa: «In rappresentanza delle oltre 500 strutture sanitarie e socio-sanitarie associate ad AIOP, ritengo che i 110,1 miliardi messi a disposizione dal Fondo, come quota indistinta, siano un traguardo, ma […]
Aggressioni medici, Giuseppe Quintavalle (Asl Roma 4): «Lavorare su condizione umana e non cedere a provocazioni»
«Abbiamo creato uno sportello per cercare di motivare il nostro personale ad agire al meglio, inoltre fondamentale dialogo con parenti e amici del paziente» così Giuseppe Quintavalle sulle aggressioni al personale sanitario
Frittelli (Federsanità ANCI): «È tempo di una nuova riforma del sistema sanitario»
La Presidente commenta anche il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario, evidenziando la necessità di ricomporre la frattura creatasi tra medici e cittadini. Si dice infine preoccupata per il ritardo nell’adozione dei decreti mancanti per attuare la legge sulla responsabilità professionale
Carenza anestesisti, la proposta: «Università possono formare 1165 rianimatori. Occorre finanziare i contratti»
Secondo un documento dell’Osservatorio Nazionale per la formazione medico-specialistica, datato 18 giugno, la capacità formativa delle Scuole di Specializzazione di Anestesia e Rianimazione delle Università italiane per l’imminente nuovo anno accademico, alla luce dell’aggiornamento dei criteri di accreditamento che le riguardano, è di 1.165 nuovi Specializzandi. Secondo le Regioni, i fabbisogni complessivi italiani per l’anno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...