Salute 19 aprile 2018

Neurologia. Mancardi (Sin): «Aumentare del 20% i posti nelle scuole di specializzazione. Troppi cervelli “fuggono” all’estero»

«Due ostacoli da superare per gli aspiranti neurologi: difficoltà della materia e carenza di posti a disposizione». Così Gianluigi Mancardi, Presidente della Società Italiana di Neurologia

di Isabella Faggiano

«Studiare le patologie del sistema nervoso centrale e periferico è senza dubbio affascinante. Non è raro che ci si innamori di questa branca della medicina». Ed è per questo, secondo Gianluigi Mancardi, Presidente della Sin, la Società Italiana di Neurologia, e Direttore della Clinica Neurologica dell’Università di Genova, che molti giovani medici tentano con tutte le proprie forze di superare l’esame di accesso alla scuola di specializzazione in neurologia. Ma «uno studio matto e disperatissimo» non basta. Due gli ostacoli da superare: la difficoltà della materia e soprattutto la carenza di posti a disposizione.

«Anche gli aspiranti specializzandi in neurologia devono fare i conti con il cosiddetto “imbuto formativo”, al pari dei colleghi che tentano l’ammissione per la specializzazione in altre branche della medicina. Gli studenti che al quinto anno di medicina si lasciano trasportare dal fascino di questa branca, tanto da richiedere anche la tesi in questa materia, sono nettamente superiori al numero di posti disponibili nelle varie scuole di specializzazione». Per rendere l’idea il professore Mancardi cita le cifre della realtà a lui più vicina: «Lavoro a Genova e qui i posti in clinica neurologica sono 5 per anno e gli aspiranti molti di più».

Eppure la Sanità italiana avrebbe bisogno di molti più neurologi. Ne è convito anche lo stesso presidente Mancardi: «I posti di specializzazione in neurologia andrebbero aumentati almeno del 15-20%». Queste cifre non rispondono solo all’esigenza di un fisiologico ricambio generazionale, ma anche all’enorme progresso scientifico degli ultimi anni. «La neurologia è una branca in espansione – ha detto il presidente Sin –  e quindi si ha la necessità di giovani competenti in diversi settori, per poter curare e affrontare le più rilevanti malattie, come le quelle cerebrovascolari, il decadimento mentale, l’epilessia o la sclerosi multipla».

LEGGI ANCHE: ALZHEIMER, È ITALIANA LA RICERCA CHE DÀ SPERANZA: SCOPERTO RUOLO DELLA DOPAMINA NEI MECCANISMI DELLA MEMORIA

Patologie che richiedono percorsi di cura dedicati e specifici: «Pensiamo ad esempio ai centri ictus – ha aggiunto il professore Mancardi – sono un’ esigenza nell’intero territorio nazionale, ma non tutte le zone risultano attualmente coperte.  Questi centri per essere attivi hanno bisogno di specialisti, i neurologi appunto, oltre agli infermieri dedicati».

Un percorso ad ostacoli, dunque, di cui a vedere il traguardo sono davvero in pochi. Ma cosa accade dopo la specializzazione? Arriva finalmente la discesa o c’è ancora tanto da sudare?

«In genere – ha detto Mancardi – i neospecialisti trovano una sistemazione adeguata in un tempo ragionevole. L’inserimento lavorativo è piuttosto semplice, soprattutto nel pubblico. È ovvio che la neurologia non è esente da quei problemi di gestione delle finanze che riguardano la contrazione delle risorse e il conseguente calo delle assunzioni. Ma è pur vero che, a fronte di pensionamenti,  le Unità Operative Complesse di neurologia, devono rimanere funzionanti, sia nel pubblico che nel privato. E per farle funzionare ci vogliono gli specialisti».

Insomma, una buona notizia che premia le fatiche di chi riesce a superare con successo quella strettoia “dell’imbuto formativo”, attraversarne il collo, sbucando tra i banchi delle scuole di specializzazione. Ma qual è invece la situazione della neurologia, per un altro fenomeno tutto italiano, quello della fuga dei cervelli?

«La neurologia – ha detto Mancardi – è la branca clinica di un settore molto più ampio, quello delle neuroscienze. Pensiamo ad esempio all’attrazione che il funzionamento del sistema nervoso può esercitare su un giovane ricercatore. Molti, spinti da questa sete di conoscenza,  vanno all’estero per migliorare la loro formazione e in tanti decidono anche di rimanerci. Quindi sì – ha concluso il presidente Sin – esiste una fuga di cervelli anche in questo settore».

Articoli correlati
Giornata mondiale della malattia di Alzheimer: nuove speranze per la prevenzione della patologia
La diagnosi della malattia di Alzheimer cambia la vita delle persone, non solo di quelle colpite ma anche dei loro cari. In tutto il mondo, più di 44 milioni di persone soffrono di demenza: la Malattia di Alzheimer ne rappresenta la forma più comune e costituisce una delle sfide sanitarie più grandi da affrontare. Ogni […]
Prelievo del sangue e elettroencefalogramma, in arrivo il test che predice la demenza
Uno studio coordinato dal professor Paolo Maria Rossini ha messo a punto un sistema rivolto a persone con un lieve declino cognitivo che hanno un rischio 20 volte maggiore: «Potrà essere di grande aiuto per iniziare il prima possibile i trattamenti medici e riabilitativi e per introdurre le necessarie modifiche nello stile di vita»
World PKU Day: il 28 giugno è un giorno in più per far crescere la consapevolezza sulla Fenilchetonuria
Manca pochissimo alla celebrazione del World PKU Day, che dal 2013 ricorre puntuale tutti i 28 di giugno, mentre manca ancora tanta dell’attenzione dovuta a una malattia metabolica, cronica e rara come lo è la Fenilchetonuria (PKU, in inglese). Ne manca così tanta che pochi sanno di che patologia si tratti, e che dal 1992 […]
QI, studio norvegese: figli meno intelligenti dei padri? Marina de Tommaso (SIPF): «Intelligenza non cala, si trasforma»
«I cambiamenti non depotenziano i neuroni ma li trasformano permettendogli di adattarsi a diversi approcci cognitivi». Così risponde la Presidente della Società Italiana di Psicofisiologia e Neuroscienze Cognitive commentando la ricerca nordeuropea che dimostra un calo di "quoziente intellettivo" nelle generazioni odierne
Epilessia. Mecarelli (Lice): «Servono nuovi termini per definire patologia e aggiornamento norma per rilascio patente»
Chi soffre di epilessia può guidare? «Sì ma non deve avere crisi da un anno». A rispondere il Presidente della Lega Italiana contro l’Epilessia in occasione del 41° Congresso Nazionale
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...