Salute 30 dicembre 2016

Migranti, record di sbarchi nel 2016: «Da Lampedusa parte un nuovo modello di formazione con Sanità di Frontiera»

L’assistenza sanitaria oltre i confini è l’obiettivo del primo corso di Educazione Continua in Medicina a Lampedusa. Maurizio Lopalco (Direttore Sanitario del CARA di Castelnuovo di Porto): «Per i medici fondamentale aggiornare i protocolli operativi e apportare migliorie». Dario Manfellotto Presidente eletto FADOI: «L’immigrazione ci riguarda tutti, è giusto formare e imparare a gestire l’emergenza». Ahmad Al Rousan, mediatore culturale per Medici Senza Frontiere: «L’iniziativa è stata un’ottima occasione per aprire un confronto»

L’anno appena trascorso ha fatto registrare il nuovo record per quanto riguarda il numero degli arrivi di immigrati in Italia. Si è infatti registrato un aumento del 17,28% degli sbarchi rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Nel 2016 i migranti accolti sono stati oltre 175.000, a fronte dei 103.792 del 2015 e ai 66.066 nel 2014. Ed è proprio in quest’ottica che assume un ruolo di primaria importanza l’iniziativa che si è svolta a Lampedusa nell’ambito del progetto “Sanità di Frontiera”, realizzato dal Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione e promossa dall’Osservatorio Internazionale della Salute grazie al sostegno di Consulcesi Onlus. Il corso di Educazione Continua in Medicina “Salute e migrazione: curare le persone oltre i confini” ha visto la partecipazione dei massimi rappresentati di tutte le realtà coinvolte sui temi della migrazione, con la presenza del medico Pietro Bartolo, Dirigente Medico Responsabile del Presidio Sanitario di Lampedusa. Tra i partecipanti anche Maurizio Lopalco, Direttore Sanitario del Centro di Accoglienza Richiedenti Asilo di Castelnuovo di Porto, che ai nostri microfoni spiega l’obiettivo del corso.

«L’importanza di questa iniziativa è di aver riunito tutte le più importanti realtà nazionali e internazionali che realmente lavorano nel campo dell’immigrazione, quelle che, come dico io, si sporcano le mani tutti i giorni e che affrontano le paure, i dolori, le malattie di questa gente. Se coloro che hanno partecipato al corso, sono usciti dall’aula anche con l’1% di conoscenza in più rispetto a prima, io credo sia stato comunque un grande successo». «Il valore di questo corso – prosegue Lo Palco – è l’immediatezza delle nozioni che, una volta apprese, possono essere subito applicate sul campo. Infatti i partecipanti hanno cominciato immediatamente ad aggiornare i loro protocolli operativi e a valutare quali possono essere le migliorie da apportare».

«Mai come durante il corso Lampedusa è stata luogo simbolo di accoglienza per chi fugge da guerre e da disastri – interviene Ahmad Al Rousan, mediatore culturale per Medici Senza Frontiere nonché docente del corso. Questa iniziativa è stata un’ottima occasione per avere un confronto fra vari attori in Italia che si occupano di salute e che sono coinvolti nel fenomeno immigrazione».

Infine, a raccontare la sua testimonianza anche Dario Manfellotto, Presidente eletto FADOI (Federazione Associazioni Dirigenti Internisti Ospedalieri): «L’immigrazione è un tema che ci riguarda tutti. In primis in Sicilia dove la maggior parte dei migranti sbarca e dove è necessaria una prima accoglienza sociale e sanitaria. In seconda battuta tutto il Paese è coinvolto nel fenomeno, visto che questi uomini e queste donne entrano a fare parte della nostra realtà e necessitano di una seconda accoglienza da parte sia delle istituzioni sanitarie che degli stessi cittadini. Fondamentale in questa chiave è l’intervento delle strutture ospedaliere con i medici internisti, come me, la nostra categoria deve utilizzare l’esperienza necessaria per una presa in carico globale per tutti questi pazienti che presentano una complessità clinica alta. Questo corso a Lampedusa – conclude – deve essere un esempio, un punto di riferimento per continuare a formare medici e operatori».

Articoli correlati
Perché il paziente immigrato non mi guarda? Le differenze culturali che complicano il rapporto tra medici e stranieri
Ejaz Ahmad, giornalista pakistano e mediatore interculturale, è intervenuto al convegno “Migration: turning challenges into opportunities” organizzato da Dandelion e OIS Osservatorio Internazionale per la Salute Onlus presso la sede della Commissione UE a Roma: «Dalle medicine a base di alcol ai demoni dell’Islam, ecco le difficoltà che gli immigrati riscontrano negli ospedali e con i camici bianchi». Intanto, per aiutare i medici a conoscere l'identità culturale dei pazienti stranieri, nasce l’applicazione InterHealth App
“Lontane americhe”, la mostra dell’ADA in corso a Roma
La Federazione Nazionale ADA (Associazione per i diritti degli anziani) ha organizzato e promosso la mostra: “Lontane Americhe”, visitabile fino al 16 dicembre presso gli spazi dell’Istituto Storico e di Cultura dell’Arma del Genio, Lungotevere della Vittoria 31. Come si legge sul sito della Federazione, l’obiettivo della mostra è quello di risvegliare la memoria storica […]
Migranti, nell’anniversario strage di Lampedusa Pietro Bartolo si racconta: «Io, in trincea da 25 anni e record infame sulle spalle»
Quattro anni fa il naufragio e la morte di 368 persone diede il via all’operazione Mare Nostrum: tra critiche e apertura, l’Italia ancora in prima linea nel salvataggio e nell’accoglienza. Il medico protagonista di ‘Fuocoammare’: «La realtà degli sbarchi edulcorata dai media. Necessario abbattere pregiudizi»
Immigrazione, presentate le linee guida per uniformare controlli sanitari. Mirisola (INMP): «Ora la vera sfida è renderle concrete»
«I controlli alla frontiera, la frontiera dei controlli», è questo il titolo del documento presentato da INMP, ISS e SIMM alla Camera dei Deputati con l’obiettivo di standardizzare gli approcci assistenziali per migranti e profughi. Le linee guida «colmano il vuoto che si crea tra lo sbarco e il centro di accoglienza», ha spiegato Ranieri Guerra, direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute
INMP presenta la Linea Guida su “controlli sanitari all’arrivo e percorsi tutela per migranti ospiti nei centri di accoglienza”
Il Documento è il primo contributo scientifico a livello europeo su un tema di sanità pubblica estremamente attuale e verrà presentato alla presenza del Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, il 24 luglio alle ore 17.30 presso la sala stampa della Camera dei Deputati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...