Salute 30 dicembre 2016

Migranti, record di sbarchi nel 2016: «Da Lampedusa parte un nuovo modello di formazione con Sanità di Frontiera»

L’assistenza sanitaria oltre i confini è l’obiettivo del primo corso di Educazione Continua in Medicina a Lampedusa. Maurizio Lopalco (Direttore Sanitario del CARA di Castelnuovo di Porto): «Per i medici fondamentale aggiornare i protocolli operativi e apportare migliorie». Dario Manfellotto Presidente eletto FADOI: «L’immigrazione ci riguarda tutti, è giusto formare e imparare a gestire l’emergenza». Ahmad Al Rousan, mediatore culturale per Medici Senza Frontiere: «L’iniziativa è stata un’ottima occasione per aprire un confronto»

L’anno appena trascorso ha fatto registrare il nuovo record per quanto riguarda il numero degli arrivi di immigrati in Italia. Si è infatti registrato un aumento del 17,28% degli sbarchi rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Nel 2016 i migranti accolti sono stati oltre 175.000, a fronte dei 103.792 del 2015 e ai 66.066 nel 2014. Ed è proprio in quest’ottica che assume un ruolo di primaria importanza l’iniziativa che si è svolta a Lampedusa nell’ambito del progetto “Sanità di Frontiera”, realizzato dal Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione e promossa dall’Osservatorio Internazionale della Salute grazie al sostegno di Consulcesi Onlus. Il corso di Educazione Continua in Medicina “Salute e migrazione: curare le persone oltre i confini” ha visto la partecipazione dei massimi rappresentati di tutte le realtà coinvolte sui temi della migrazione, con la presenza del medico Pietro Bartolo, Dirigente Medico Responsabile del Presidio Sanitario di Lampedusa. Tra i partecipanti anche Maurizio Lopalco, Direttore Sanitario del Centro di Accoglienza Richiedenti Asilo di Castelnuovo di Porto, che ai nostri microfoni spiega l’obiettivo del corso.

«L’importanza di questa iniziativa è di aver riunito tutte le più importanti realtà nazionali e internazionali che realmente lavorano nel campo dell’immigrazione, quelle che, come dico io, si sporcano le mani tutti i giorni e che affrontano le paure, i dolori, le malattie di questa gente. Se coloro che hanno partecipato al corso, sono usciti dall’aula anche con l’1% di conoscenza in più rispetto a prima, io credo sia stato comunque un grande successo». «Il valore di questo corso – prosegue Lo Palco – è l’immediatezza delle nozioni che, una volta apprese, possono essere subito applicate sul campo. Infatti i partecipanti hanno cominciato immediatamente ad aggiornare i loro protocolli operativi e a valutare quali possono essere le migliorie da apportare».

«Mai come durante il corso Lampedusa è stata luogo simbolo di accoglienza per chi fugge da guerre e da disastri – interviene Ahmad Al Rousan, mediatore culturale per Medici Senza Frontiere nonché docente del corso. Questa iniziativa è stata un’ottima occasione per avere un confronto fra vari attori in Italia che si occupano di salute e che sono coinvolti nel fenomeno immigrazione».

Infine, a raccontare la sua testimonianza anche Dario Manfellotto, Presidente eletto FADOI (Federazione Associazioni Dirigenti Internisti Ospedalieri): «L’immigrazione è un tema che ci riguarda tutti. In primis in Sicilia dove la maggior parte dei migranti sbarca e dove è necessaria una prima accoglienza sociale e sanitaria. In seconda battuta tutto il Paese è coinvolto nel fenomeno, visto che questi uomini e queste donne entrano a fare parte della nostra realtà e necessitano di una seconda accoglienza da parte sia delle istituzioni sanitarie che degli stessi cittadini. Fondamentale in questa chiave è l’intervento delle strutture ospedaliere con i medici internisti, come me, la nostra categoria deve utilizzare l’esperienza necessaria per una presa in carico globale per tutti questi pazienti che presentano una complessità clinica alta. Questo corso a Lampedusa – conclude – deve essere un esempio, un punto di riferimento per continuare a formare medici e operatori».

Articoli correlati
Assistenza migranti, minori e soggetti vulnerabili: cresce la rete di OIS Onlus e Sanità di Frontiera
Pietro Bartolo, medico simbolo di Lampedusa: «Tanti i progetti che Ois sta portando avanti per l’assistenza, sanitaria e non, nei confronti di chi arriva dall’altra parte del Mediterraneo, dedicandosi agli ultimi, ai più deboli: anche i nostri poveri hanno bisogno del nostro sguardo e della nostra attenzione»
Sanità e Immigrazione: al via il Congresso Amsi. Foad Aodi: «Ai muri rispondiamo con ponti e diritti universali»
Nell’occasione della giornata mondiale del rifugiato, l’Associazione Medici di origine straniera in Italia (Amsi) è lieta di annunciare la data del suo prossimo Congresso sul 19° corso di aggiornamento internazionale ed interdisciplinare, che si terrà a Roma sabato 23 giugno presso l’ A.R.S. medica in via Cesare Ferrero di Cambiano 29. Al convegno parteciperanno autorità […]
Foad Aodi: «Lavorare alla creazione d’un Ospedale nel III Municipio»
La crescita dei servizi sanitari e sociali in uno stretto rapporto col territorio e la popolazione, il rapporto con gli immigrati, la cooperazione internazionale, la collaborazione tra medici e altri professionisti della sanità, giornalisti  e altre figure professionali: questi i temi dibattuti nella riunione, tenutasi a Roma, del Direttivo del Movimento internazionale “Uniti per Unire”, […]
Maxi simulazione in esterna a Lampedusa: 130 medici italiani si formano sull’emergenza sanitaria
È in corso la II edizione del SIAARTI Academy CREM (Critical Emergency Medicine), evento formativo innovativo della Società Italiana di Anestesia, Analgesia, Rianimazione e Terapia Intensiva rivolto ai medici in formazione provenienti dalle 39 scuole di specializzazione in Anestesia, Rianimazione, Terapia Intensiva e del Dolore. Fino al 26 maggio Lampedusa sarà teatro naturale dell’evento SIAARTI […]
Perché il paziente immigrato non mi guarda? Le differenze culturali che complicano il rapporto tra medici e stranieri
Ejaz Ahmad, giornalista pakistano e mediatore interculturale, è intervenuto al convegno “Migration: turning challenges into opportunities” organizzato da Dandelion e OIS Osservatorio Internazionale per la Salute Onlus presso la sede della Commissione UE a Roma: «Dalle medicine a base di alcol ai demoni dell’Islam, ecco le difficoltà che gli immigrati riscontrano negli ospedali e con i camici bianchi». Intanto, per aiutare i medici a conoscere l'identità culturale dei pazienti stranieri, nasce l’applicazione InterHealth App
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Formazione

Numero chiuso, 800 posti in più a Medicina. Gaudio (Sapienza): «Necessari per far fronte a carenza medici»

Saranno 9779 gli aspiranti camici bianchi che potranno immatricolarsi in autunno. Comunicate anche le date dei test: si inizia il 4 settembre con Medicina e Odontoiatria, il 5 con Veterinaria, il 12 s...