Salute 2 agosto 2016

Migranti, le priorità dell’OMS, Bustreo: «Formazione personale e pianificazione sanitaria»

Intervista al vice-direttore generale per la salute della famiglia, delle donne e dei bambini dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Flavia Bustreo. «Italia modello virtuoso nella gestione dei dati, ma servono profili specializzati per l’accoglienza»

La formazione dei medici ed una accurata pianificazione sanitaria. Sono questi gli strumenti che secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) bisogna mettere in campo per fronteggiare le emergenze sanitarie poste dagli ingenti flussi migratori che, soprattutto nei mesi estivi, raggiungono le nostre coste. Donne e minori fra i soggetti che soffrono maggiormente le conseguenze di conflitti, calamità naturali ed epidemie. Lo racconta ai microfoni di Sanità Informazione Flavia Bustreo, Vice Direttore Generale per la Salute della Famiglia, delle Donne e dei Bambini dell’OMS.

Il sistema di accoglienza italiano non riesce a far fronte ai 90mila arrivi avvenuti da gennaio 2016 ad oggi. Sempre più migranti vengono assegnati ad insediamenti informali in cui vigono condizioni umanitarie critiche e l’accesso alle cure mediche è spesso inadeguato. In che modo rispondere a questa sfide, soprattutto quando i migranti sono affetti da patologie specifiche?

«La raccolta di dati esatti è particolarmente importante. In molti Paesi non esiste una statistica relativa alla salute di popolazioni provenienti da altri Paesi e ciò comporta la realizzazione di politiche sanitarie cieche. Queste non possono prescindere dalla conoscenza delle condizioni, delle patologie, delle coperture vaccinali e degli ambiti di esposizione. Fa piacere vedere che l’Italia ha questa sensibilità relativamente alla raccolta di dati e allo studio della prevalenza di determinate patologie, con il fine di creare risposte con politiche mirate. È molto importante, oltre alla raccolta di dati, la presenza di profili professionali specializzati in grado di accogliere il migrante, di tradurre non soltanto la lingua ma anche il vissuto delle persone che arrivano. Nel frattempo, la presenza di volontari e il loro supporto sono ammirevoli e spero prosegua».

Tra i fini statutari dell’Oms figura il raggiungimento da parte di tutte le popolazioni del livello più alto possibile di salute, inteso come completo benessere fisico, mentale e sociale. Quali sono obiettivi, strategie e priorità dell’agenzia per affrontare le emergenze nel 2016?

«Per l’Organizzazione Mondiale della Sanità è molto importante sottolineare che il diritto alla salute è un diritto di tutti, che diversi Paesi e governi si impegnano a rispettare. È molto importante che esso venga preso in considerazione anche con riferimento ai migranti, un aspetto ben presente in quella che noi chiamiamo la strategia globale della salute per le donne, i bambini e gli adolescenti. Si collocano in questa strategia, gli obiettivi di sopravvivenza soprattutto in relazione alle morti materne e infantili che, ci preme precisare, ammontano rispettivamente a 300.000 e 6 milioni. Gli ultimi dati rivelano che più del 50% di queste morti avviene nei cosiddetti Paesi fragili, colpiti dalle conseguenze di conflitti, calamità naturali ed epidemie. L’anno scorso, ad esempio, il Paese con il tasso di mortalità più elevato al mondo è stato la Sierra Leone, proprio perché colpito severamente dall’epidemia di Ebola. La nostra strategia si concentra in particolar modo su questi Paesi e sulle relative popolazioni, le quali intraprendono percorsi migratori verso Paesi più accoglienti come l’Italia».

Articoli correlati
Migranti e salvaguardia salute: OIS lancia il suo piano per formazione e supporto medici
Parte la nuova iniziativa del progetto Sanità di Frontiera, promosso dall’Osservatorio Internazionale per la Salute, dedicato alla medicina delle migrazioni. I più autorevoli esperti del settore dal 19 al 22 settembre nella sede nazionale Centro Astalli a Roma per formare medici e operatori sanitari: oltre 600 richieste in appena 20 giorni nel solo mese di agosto, aumentato a 40 il numero dei posti. In arrivo anche un corso di Formazione a Distanza (FAD) per consentire a tutti gli operatori di avere le competenze e le conoscenze per gestire le patologie fisiche e psico-emozionali del fenomeno migratorio
Migranti e salute, le indicazioni del SIMM. Marceca: «Puntare su formazione personale e corretta comunicazione»
Il Presidente della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni spiega ai nostri microfoni quali sono i benefici di un corretto approccio al processo migratorio: «Gli operatori sanitari devono essere addestrati adeguatamente ad affrontare qualsiasi situazione». E aggiunge: «La capacità di curare gruppi di popolazione più vulnerabili fa crescere anche la qualità dei servizi forniti agli “autoctoni”»
OMS Al G20: «Prossima epidemia sarà doppia: una causata dal virus, l’altra dalla paura»
Per la prima volta un summit importante come il G20 ha affrontato temi legati alla salute. All’incontro di Amburgo dei giorni scorsi era quindi presente anche il nuovo Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Adhanom, che, nel suo discorso, ha illustrato ai potenti della terra le priorità da affrontare per evitare l’insorgere di nuove […]
Autismo: ad essere colpiti 500mila italiani. Il disturbo è in aumento in tutto il mondo
L'autismo è stato di recente inserito nei Livelli Essenziali di Assistenza per garantire diagnosi precoce e cure individualizzate in tutte le Regioni
L’udito è un bene prezioso, ecco il decalogo per ascoltare in sicurezza
Migliaia gli adolescenti e i giovani adulti che quotidiniamente corrono il rischio di sviluppare problemi uditivi a causa di uso improprio di dispositivi o esposizioni sbagliate a traumi sonori. In occasione del 'World Hearing Day' indetto dall'OMS, ecco alcune regole per proteggere l'udito e prevenire l'ipoacusia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...