Formazione 26 luglio 2016

Medicinema: al Policlinico Gemelli si sperimenta la “terapia del grande schermo”

Nell’ospedale romano un cinema per alleviare la degenza dei pazienti e migliorare il rapporto con gli operatori sanitari e la loro formazione

Il cinema come strumento terapeutico. È questa l’idea nata venti anni fa in Inghilterra e da poco importata anche in Italia grazie a Fulvia Salvi, presidente di MediCinema Italia Onlus, che ha permesso la realizzazione di una sala cinematografica a misura di paziente all’interno del Policlinico Gemelli di Roma. Un esperimento che ha avuto finora un enorme successo e ha contribuito a portare svago e gioia a tantissimi pazienti, grandi e bambini. L’obiettivo, ovviamente, è quello di continuare su questa strada e di portare “Medicinema” anche in altri ospedali.

«Il Gemelli di Roma – spiega Francesca Medolago Albani, vicepresidente di MediCinema Italia – rappresenta la prima realizzazione organica dell’idea all’interno di una struttura ospedaliera. Si tratta di una vera sala cinematografica costruita ex novo in uno spazio del policlinico. È stata inaugurata lo scorso aprile, dopo circa due anni di lavoro, e in seguito alla sua realizzazione abbiamo cominciato a testare il protocollo che prevede lo spostamento dei pazienti, siano essi autonomi o che si trovano a letto o sulla carrozzina. Le tecnologie che abbiamo installato in questo cinema – spiega ancora la dottoressa Medolago Albani – sono di ultima generazione, in modo tale da dare al paziente un servizio di qualità che gli consenta di allontanarsi per un po’ di tempo dal suo status di malato. Tutto ciò permette ai pazienti di socializzare, di uscire dalla stanza, di prepararsi per qualcosa di diverso dagli appuntamenti abituali della giornata, che sono gli incontri con i medici, le terapie, gli esami, le ansie e le preoccupazioni di un paziente. In questo modo il malato diventa anche maggiormente ricettivo rispetto alle terapie e alle cure che riceve in ospedale».

Il cinema può essere però utilizzato non solo per regalare al paziente un momento di distrazione, ma anche per veicolare dei messaggi che possono aiutarlo a gestire al meglio la degenza in ospedale. «È un obiettivo – spiega ancora il vicepresidente della Onlus – che perseguiamo in due modi: prima di tutto, attraverso la scelta dei film e dei contenuti, che ovviamente devono essere adatti al paziente e devono metterlo nella migliore delle condizioni possibili; in secondo luogo, cercando di fare di questo strumento un aiuto terapeutico, e dunque non solo d’intrattenimento, in maniera tale da provocare tutta una serie di ricadute benefiche sulla condizione del malato».

«Il cinema, così come tutta l’arte, è un elemento importante nella lotta contro le malattie, soprattutto quelle neurologiche», spiega Fulvia Salvi, Presidente di MediCinema Italia Onlus. «I pazienti dichiarano di non sentire dolore mentre guardano un film e la programmazione non è una semplice riproduzione di pellicole, ma una scelta studiata da un importante lavoro di squadra fatto in ospedale grazie all’aiuto di psicologi che possono indicare quali sono i film più indicati non solo dal punto di vista dell’intrattenimento, ma anche da quello del sostegno psicologico». In tutto ciò, il contributo dato dai camici bianchi è fondamentale in quanto, spiega ancora la Presidente Salvi, «hanno investito tanto in questo progetto e hanno accolto con grande interesse e, soprattutto, con grande voglia di sperimentare uno strumento così innovativo».

Articoli correlati
Roma, torna il «Roma best practices award», il premio per le buone pratiche in città
Il primo passo è invitare alla Buone Pratiche, facendo emergere le migliori idee, i progetti, le proposte e soprattutto le soluzioni più innovative e produttive per Roma. Il secondo è metterle in rete e unire le forze tra associazioni, scuole, aziende, comunità, istituzioni o singoli cittadini: dall’istruzione all’ambiente, dalla salute al benessere, dalla cultura allo […]
Tutti i segreti della prima mano bionica “sensibile”. Intervista al medico che ha eseguito l’impianto
È il risultato di 10 anni di lavoro e il concorso di diverse professioni scientifiche, anche di altri Paesi europei. Parla il Professor Rossini: «I medici non devono diventare tecnologi, ma avere le basi necessarie per interagire con gli esperti»
Paziente oncologico: agli IFO meno attese e prenotazioni immediate
“La persona prima di tutto”, meno attese, meno sportelli e prenotazioni immediate per i pazienti degli Ifo di Roma.  Ѐ questa l’anima del progetto pilota dedicato alla semplificazione, accesso, accoglienza ed informazione degli Ifo che consentirà ai pazienti oncologici di prenotare in breve tutte le prestazioni necessarie al percorso di diagnosi e cura. ll direttore generale Francesco Ripa […]
Befana anticipata per i piccoli pazienti del Gemelli con i campioni della Lazio
Ciro Immobile, Marco Parolo, Luis Alberto e Davide Di Gennaro hanno fatto visita ai piccoli pazienti del Policlinico romano. Per loro tanti regali...
Natale-Capodanno, 29 ambulatori aperti a Roma e provincia
Durante le prossime festività natalizie e di fine anno (23-24-25-26-30-31 dicembre e 1-6 e 7 gennaio) in tutta la Regione saranno operativi e dunque accessibili i 29 Ambulatori di Cure Primarie gestiti da medici di medicina generale e con la presenza dell’infermiere. La rete di continuità assistenziale funzionerà nelle giornate di sabato, domenica e festivi con orario continuato dalle […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...