Salute 26 luglio 2016

Medicinema: al Policlinico Gemelli si sperimenta la “terapia del grande schermo”

Nell’ospedale romano un cinema per alleviare la degenza dei pazienti e migliorare il rapporto con gli operatori sanitari e la loro formazione

Il cinema come strumento terapeutico. È questa l’idea nata venti anni fa in Inghilterra e da poco importata anche in Italia grazie a Fulvia Salvi, presidente di MediCinema Italia Onlus, che ha permesso la realizzazione di una sala cinematografica a misura di paziente all’interno del Policlinico Gemelli di Roma. Un esperimento che ha avuto finora un enorme successo e ha contribuito a portare svago e gioia a tantissimi pazienti, grandi e bambini. L’obiettivo, ovviamente, è quello di continuare su questa strada e di portare “Medicinema” anche in altri ospedali.

«Il Gemelli di Roma – spiega Francesca Medolago Albani, vicepresidente di MediCinema Italia – rappresenta la prima realizzazione organica dell’idea all’interno di una struttura ospedaliera. Si tratta di una vera sala cinematografica costruita ex novo in uno spazio del policlinico. È stata inaugurata lo scorso aprile, dopo circa due anni di lavoro, e in seguito alla sua realizzazione abbiamo cominciato a testare il protocollo che prevede lo spostamento dei pazienti, siano essi autonomi o che si trovano a letto o sulla carrozzina. Le tecnologie che abbiamo installato in questo cinema – spiega ancora la dottoressa Medolago Albani – sono di ultima generazione, in modo tale da dare al paziente un servizio di qualità che gli consenta di allontanarsi per un po’ di tempo dal suo status di malato. Tutto ciò permette ai pazienti di socializzare, di uscire dalla stanza, di prepararsi per qualcosa di diverso dagli appuntamenti abituali della giornata, che sono gli incontri con i medici, le terapie, gli esami, le ansie e le preoccupazioni di un paziente. In questo modo il malato diventa anche maggiormente ricettivo rispetto alle terapie e alle cure che riceve in ospedale».

Il cinema può essere però utilizzato non solo per regalare al paziente un momento di distrazione, ma anche per veicolare dei messaggi che possono aiutarlo a gestire al meglio la degenza in ospedale. «È un obiettivo – spiega ancora il vicepresidente della Onlus – che perseguiamo in due modi: prima di tutto, attraverso la scelta dei film e dei contenuti, che ovviamente devono essere adatti al paziente e devono metterlo nella migliore delle condizioni possibili; in secondo luogo, cercando di fare di questo strumento un aiuto terapeutico, e dunque non solo d’intrattenimento, in maniera tale da provocare tutta una serie di ricadute benefiche sulla condizione del malato».

«Il cinema, così come tutta l’arte, è un elemento importante nella lotta contro le malattie, soprattutto quelle neurologiche», spiega Fulvia Salvi, Presidente di MediCinema Italia Onlus. «I pazienti dichiarano di non sentire dolore mentre guardano un film e la programmazione non è una semplice riproduzione di pellicole, ma una scelta studiata da un importante lavoro di squadra fatto in ospedale grazie all’aiuto di psicologi che possono indicare quali sono i film più indicati non solo dal punto di vista dell’intrattenimento, ma anche da quello del sostegno psicologico». In tutto ciò, il contributo dato dai camici bianchi è fondamentale in quanto, spiega ancora la Presidente Salvi, «hanno investito tanto in questo progetto e hanno accolto con grande interesse e, soprattutto, con grande voglia di sperimentare uno strumento così innovativo».

Articoli correlati
D’Amato (Regione): «Ottimo avvio per il nuovo servizio di assistenza pediatrica nei fine settimana»
«Ottimo avvio per il nuovo servizio di assistenza pediatrica previsto negli ambulatori aperti nel weekend e nei giorni festivi e prefestivi. Sono stati in tutto 692 i bambini assistiti nei cinque punti recentemente attivati dalla Regione Lazio nella Capitale in collaborazione con i Pediatri di libera scelta. In particolare, nel primo week-end del 23 e […]
Al Policlinico Gemelli nasce il primo giardino pensile terapeutico d’Italia e la chemio esce dall’ospedale
Dedicato alle pazienti del Dipartimento della Salute della Donna e del Bambino, offre un nuovo modo di curare con e nella natura. All’area dedicata alla chemioterapia, si affiancano percorsi sensoriali e aree di meditazione. Inaugurato inoltre un Centro di Farmacologia Clinica di Genere dedicato alle sperimentazioni cliniche oltre che alla cura delle malattie oncologiche delle donne | GUARDA LE IMMAGINI
Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»
«L'infezione rimane latente in alcuni animali definiti 'serbatoi' e quando l'uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L'intervista al Direttore dell'Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma
Tumore epatico, studio italiano rivela: il microbiota predice chi si può ammalare
Risultati aprono le porte alla possibilità di cure mirate e all’identificazione precoce dei pazienti con cirrosi epatica da fegato grasso a maggior rischio di sviluppare epatocarcinoma. La ricerca è stata condotta dal Policlinico Universitario Agostino Gemelli e Università Cattolica in collaborazione con l’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano
Mese del Cuore, check-up gratuiti in 7 città italiane. Francesco Landi (Gemelli): «La prevenzione significa salute»
L’edizione 2018 della campagna di sensibilizzazione sui principali fattori di rischio cardiovascolare ha già aperto i battenti e proseguirà fino al mese di giugno
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Formazione

Numero chiuso, 800 posti in più a Medicina. Gaudio (Sapienza): «Necessari per far fronte a carenza medici»

Saranno 9779 gli aspiranti camici bianchi che potranno immatricolarsi in autunno. Comunicate anche le date dei test: si inizia il 4 settembre con Medicina e Odontoiatria, il 5 con Veterinaria, il 12 s...