Salute 28 febbraio 2014

Medicina 2.0: sfruttare le opportunità ma tutelarsi dai rischi

Necessario oggi fissare standard di qualità, certificandoli

Immagine articolo

Dai cerotti ai tatuaggi contenenti microsensori. Dalle stampelle alle protesi sensibili. Dalle file estenuanti dal medico alle diagnosi a distanza. L’evoluzione della medicina non si è mai fermata, ma mai come in questo momento ha subito una fortissima accelerazione, causata da innovazioni fino a poco tempo fa impensabili. Da ultimo, la creazione di un arto bionico che trasmette al cervello le sensazioni proprie di una mano vera. Parliamo del progetto LifeHand 2, portato avanti da un team di ricercatori e scienziati internazionali con in testa bioingegneri italiani.


L’evoluzione della medicina moderna è dunque inarrestabile e passa per le innovazioni sviluppate giorno dopo giorno anche da informatici e scienziati che con quel mondo hanno poco a che fare.
Una di queste è il web 2.0, che unito ai device di ultima generazione ha dato vita ad un mondo virtuale che rosicchia sempre più spazio a quello reale. Su queste basi anche la medicina ha dovuto riformulare le sue pratiche e ripensare i suoi contenuti, smaterializzando ricette e prescrizioni in favore di stringhe di bit, monitorando con App e sensori lo stato di salute del paziente, unendo ed informatizzando le cartelle cliniche per crearne una che l’interessato (o il suo medico) può consultare dal suo Pc.

Tutto ciò è in pieno divenire, ma mai come ora i tempi appaiono maturi per valutare l’impatto che le nuove tecnologie in ambito medico stanno avendo – e potranno avere – sulle nostre vite. Le prospettive sembrano rosee: diagnosi più precise, cure più adatte al singolo paziente, medici più preparati ed informati (anche grazie alla Formazione a Distanza), tempi più brevi e costi più bassi sia per il paziente che per le casse pubbliche.

Un mondo ideale, insomma, che deve però fare i conti con i pericoli insiti nella concezione stessa di web 2.0:
i forum possono riempirsi di informazioni sbagliate e fuorvianti, la raccolta dei dati dei pazienti può mettere a rischio la loro privacy e le innovazioni – come App e dispositivi – possono mancare delle adeguate certificazioni, e quindi risultare inutili o dannose.

L’Italia deve dunque mettersi in linea con gli altri Paesi occidentali e fare in modo che il potente motore della modernizzazione delle pratiche mediche non distrugga la fragile carrozzeria che lo accompagna. Le opportunità ci sono, i rischi pure. Bisogna affrontarli.

Tags

Articoli correlati
Dal robot-paziente alle protesi in 3D, le tecnologie del futuro a Exposanità
Al Salone internazionale della sanità il simulatore SimMan 3G: può diventare cianotico, simulare spasmi e convulsioni, lamentarsi e urlare di dolore. Alex Zanardi ha presentato l’handy bike progettata da lui
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
La SIN (Società Italiana di Neurologia) partecipa alla Giornata Nazionale della Salute della Donna
Anche quest’anno la Società Italiana di Neurologia (SIN) partecipa alla Giornata Nazionale della Salute della Donna organizzata dal Ministero della Salute, per sensibilizzare e promuovere i progressi della ricerca scientifica per la cura delle patologie neurologiche femminili e allestirà sabato 21 aprile un gazebo informativo presso il Villaggio della Salute della Donna. Le malattie neurologiche, […]
Exposanità Bologna, Giusy Versace: «L’accesso alle tecnologie non deve essere un lusso per pochi»
La neo eletta parlamentare Giusy Versace oggi ad Exposanità, manifestazione in corso a Bolognafiere fino a sabato 21 aprile. La campionessa paralimpica ha visitato il salone Horus dedicato a riabilitazione, ortopedia e disabilità e si è a lungo fermata a parlare con operatori, espositori e visitatori della manifestazione in corso. «A Exposanità ci sono tante cose interessanti […]
Cittadinanzattiva e FNOMCeO insieme per celebrare la XII Giornata Europea dei diritti del malato
Partono dall’Italia le celebrazioni della XII Giornata Europea dei diritti del malato, promossa da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato in Italia e in Europa da Active Citizenship network, progetto europeo di Cittadinanzattiva, quest’anno grazie anche alla importante partnership con la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri. Le iniziative si svolgeranno […]
Alzheimer, parte il XIII Congresso nazionale SINdem a Firenze
Secondo le ultime stime ricavate dal Rapporto mondiale Alzheimer, sono 47 milioni le persone affette da una forma di demenza nel mondo e in Italia si calcolano più di un milione di malati (di cui 600mila circa con la malattia Alzheimer). Un fenomeno in aumento: i numeri parlano infatti di 9,9 milioni di nuovi casi […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...