Salute 5 maggio 2014

I medici in fuga dall’Italia “incoronano” la Gran Bretagna

Non solo maggiori guadagni, ma soprattutto una formazione migliore ed un sistema sanitario selettivo e meritocratico

Immagine articolo

Sono sempre di più i medici italiani alla corte di Sua Maestà. La Gran Bretagna resta infatti la prima opzione per quei giovani, che con la prospettiva di un lungo precariato ed una carriera piena di ostacoli, preferiscono abbandonare l’Italia e volare oltre Manica.

Negli ultimi quattro anni l’esodo ha riguardato cinquemila camici bianchi, ma appare ancora più preoccupante il trend in crescita delle richieste di documenti al Ministero per esercitare la professione all’estero: dal 2009 allo scorso anno si è registrato un incremento del 40%.

Come detto, l’Inghilterra resta la meta preferita soprattutto da chi deve terminare la scuola di specializzazione. Ma le motivazioni non sono solo economiche. È vero che in media le retribuzioni sono il doppio di quelle previste in Italia, ma la vera molla è rappresentata dalla formazione: nei Paesi anglosassoni i neo-medici seguono percorsi molto impegnativi e selettivi, che li introducono nel migliore dei modi nel mondo del lavoro. In più il sistema consente di specializzarsi in un centro di ricerca e iniziare contestualmente un dottorato clinico. In Italia, invece, è impossibile unire i due percorsi. Ci sono anche altre motivazioni alla base della fuga dei camici bianchi. Chi prenota il biglietto aereo (spesso di sola andata…) è spinto soprattutto dall’amarezza di doversi confrontare con un sistema poco meritocratico ma anche con un sistema sanitario nazionale in cui il blocco del turn over e l’età pensionabile che arriva ai 72 anni – contro i 65 della Gran Bretagna – rendono l’avvicendamento più complicato.

L’Inghilterra assicura compensi adeguati, una formazione di livello e opportunità di realizzarsi senza però regalare nulla.  Sui Forum e sui gruppi facebook tanti medici che ce l’hanno fatta raccontano di essersi mantenuti svolgendo anche lavori umili prima di arrivare ad avere la grande chance. Una volta iscritti al General Medical Council, l’ordine inglese, bisogna superare molti colloqui, prove pratiche e teoriche oltre ad avere un’ottima conoscenza dell’inglese e la resistenza a ritmi di lavoro serrati.  Serve competenza e sopportazione per entrare a pieno titolo in un sistema d’eccellenza.

Articoli correlati
Sanità internazionale
Restare o partire? Il dubbio dei giovani medici...
La protesta dei Giovani Medici: flash mob al MIUR
Chiesta trasparenza e meritocrazia nelle selezioni e un piano triennale per gli sbocchi lavorativi
Medici in fuga: la Germania “fa shopping” di camici bianchi italiani
L'Istat registra un nuovo picco di partenze: il Regno Unito resta la meta preferita, ma i tedeschi insidiano il primato con un portale che offre 8mila posti di lavoro in campo sanitario
Aperto il triennio CEOM a guida italiana: l’Europa affronta i problemi della sanità
Primo appuntamento a Roma: la demografia medica tra i temi più dibattuti. Le interviste a Monique Gautchey e Patrick Romestaing
Il mercato immobiliare londinese parla italiano: medici in prima linea
Sorpassati anche russi e arabi. Il trend di crescita, secondo gli esperti, si manterrà costante per i prossimi cinque anni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...