Salute 4 agosto 2015

Medici e pazienti “pazzi” per le App: il Ministero della Salute studia un Regolamento

Istituito tavolo ministeriale ad hoc per gestire un fenomeno dilagante e dai numeri impressionanti

Immagine articolo

E‘ un settore in forte espansione quello della “Mobile Health”. Proprio per questo va regolamentato. È quello che pensa anche il ministro alla Salute, Beatrice Lorenzin, che ha appena istituito un tavolo ministeriale ad hoc che si pone l’obiettivo di «un adeguamento normativo delle App mediche con riguardo al loro monitoraggio, produzione, distribuzione ed utilizzo nell’ambito della salute».


Si studierà un sistema per regolamentare la pratica della medicina supportata da dispositivi mobili attraverso applicazioni specifiche progettate per finalità mediche. «Il fenomeno – si legge in una nota del Ministero – sta assumendo una dimensione sempre più rilevante in relazione all’ampia e crescente diffusione di tali applicazioni, che sono di facile accesso e di costo contenuto mentre, nel contempo, sussiste una necessità di regolamentazione della materia e una ridotta conoscenza della popolazione nel corretto utilizzo di tali risorse».

Appare dunque difficile rallentare la corsa di internet e nuove tecnologie: secondo una ricerca della GfK-Eurisko sulla Digital Doctor Communication, aumentano (e di molto) le percentuali dei medici che posseggono uno smartphone o un tablet rispetto agli anni passati e aumenta la ricerca di nuovi spazi d’interazione sul web e nuove modalità di fruizione delle informazioni, principalmente attraverso le App, già usate nella loro professione dal 25% dei medici.

Tra gli aspetti più curati c’è la comunicazione medico-paziente, elemento che caratterizza App MyDott, una delle applicazioni per smartphone e tablet relative all’ambito medico che sta riscuotendo più successo negli ultimi mesi: «La nostra App – spiega Andrea Tortorella, Amministratore Delegato di Consulcesi Group, la realtà medica internazionale che ha sviluppato il progetto – è presente sui principali Store ed è gratuita per i pazienti, mentre i medici potranno provarla gratuitamente in versione demo ed ottenere la versione personalizzata entrando nel nostro Consulcesi Club. L’idea che sta alla base della App – continua Tortorella – ci è stata suggerita dagli oltre 1500 medici che hanno risposto ad un nostro sondaggio sul tema ed è quella di dare ai professionisti uno strumento a costo zero per aumentare il numero dei pazienti. Uno strumento che rappresenta, dunque, un elemento fondamentale per implementare l’attività lavorativa del medico. Per questo motivo abbiamo attivato una promozione (valida fino a venerdì 7 agosto) per migliaia di camici bianchi che potranno entrare nel Club gratuitamente e provare, senza alcun impegno, tutti i servizi del Club, tra cui MyDott».

Secondo la ricerca effettuata da Consulcesi, il 91% dei medici è convinto che porre una maggior attenzione nella comunicazione con i pazienti o potenziali tali possa aumentare qualità e quantità dell’attività professionale. Il 72% degli intervistati giudica importanti o fondamentali gli strumenti di comunicazione di nuova generazione come social network, sito internet, App o la semplice presenza sul web. Significativo, in questo senso, è il dato relativo alla quantità di camici bianchi che usa un sito internet per promuovere la propria attività: lo fa il 48%. Il 16% adopera prevalentemente i social network, il 14% le App (un dato basso dovuto, principalmente, all’alto costo di realizzazione di una App personalizzata) mentre solo un medico su cinque (il 22%) si affida ancora alla pubblicità classica. «La nostra App – conclude Tortorella – è nata dunque per consentire ai medici di aggiornare i pazienti su novità e promozioni, condividere la sua professione e semplificare le richieste di appuntamento e ricette».

Articoli correlati
Giochi, videogiochi e web: bambini ed adolescenti sempre più “iperconnessi”
Dipendenze da web per bambini ed adolescenti, patologie nuove ma già molto, troppo, diffuse. Di questo ed altro si parlerà sabato 18 novembre, ore 17, al Macro Testaccio – La Pe­lan­da al­l’in­ter­no del Roma Eu­ro­pa Fe­sti­val Kids nel corso dell’incontro gratuito : “Iperconnessi – Bambini e ragazzi risucchiati dal video e dai videogames”. Prenderanno parte al dibattito […]
«Il rapporto medico-paziente ora è un ‘ménage à trois’…» parola di Walter Gatti
Bufale o no, il web va dosato coscientemente e con giudizio. Ecco il monito del giornalista e scrittore Walter Gatti che sottolinea quanto rispetto al passato «sia cambiato il rapporto tra camice bianco e assistito»
Paura dei vaccini? La ricerca: è colpa del web. «Ecco come le bufale partono dai social e Google le amplifica»
Lucio Corsaro, Direttore Generale MediPragma: «Internet influenza l’opinione pubblica, ecco perché a differenza del passato, oggi i vaccini vengono percepiti con diffidenza». Dal “Bambin Gesù” arriva la guida contro i falsi miti delle vaccinazioni
Meningite, consigliare il vaccino anche per gli adulti? La parola all’esperto, Roberto Burioni (virologo)
La psicosi per la malattia genera sempre più panico. Roberto Burioni, il noto microbiologo e virologo dell’Università San Raffaele di Milano: «Non si tratta di epidemia ma la situazione della Toscana è anomala e va tenuta sotto controllo»
Come sarà l’ospedale del futuro? «App e Big Data protagonisti», parlano IBM e Apple
Il futuro della sanità è digitale, a testimoniarlo i progetti all’avanguardia del Policlinico Abano Terme e dell’ospedale Vannini di Roma. Nezha (IBM-Apple): «App tecnologiche che agevolano il lavoro dei medici e degli infermieri». Rizzetti (Vannini): «Con tablet e smartphone per i medici meno possibilità d’errore»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...