Salute 6 settembre 2016

Mastronardi (“La Sapienza”): «Medici e psicologi hanno “fame” di formazione»

«Una opportunità di promozione per il singolo e per la società». Così il professore e psicologo forense, in un recente dibattito sulla legge Cirinnà, spiega perché l’aggiornamento continuo per i medici è imprescindibile anche per aiutare le famiglie a tutelare i minori

«Medici e psicologi affamati di miglioramenti da apportare a sé stessi». È questa la fotografia scattata ai professionisti dal prof. Vincenzo Mastronardi, psicologo forense e criminologo, in occasione di un recente convegno sulle implicazioni della legge Cirinnà sulla famiglia. Una “fame” di formazione che, oltre a essere una «opportunità di promozione per il singolo e per la società nel suo complesso» è diventata una necessità imprescindibile per la comprensione dei fenomeni che accompagnano l’avvento di nuove tecnologie e media.

Anno dopo anno vengono infatti lanciati sul mercato nuovi social network e relative app sempre più inclusive, cui fanno seguito la crescita del livello dell’interazione e la diminuzione dell’età media dei fruitori. Consapevole delle numerose opportunità educative e culturali offerte da internet e nuovi media – tra i suoi incarichi anche quello di componente presso il Ministero delle Comunicazioni del “Comitato di Garanzia “Internet  e Minori” – il prof. Mastronardi mette in guardia dai rischi che vi si annidano e di cui spesso gli utenti più giovani non sono consapevoli; frequenti sono i casi di cyberbullismo o adescamento di minori, quando non si configurino veri e propri disturbi mentali dovuti all’uso compulsivo degli smartphone. Di fronte alle montanti criticità derivanti dall’uso di questi strumenti controversi, ormai comunemente percepiti come indispensabili, sorge spontanea la domanda: chi è titolato a intervenire a tutela dei minori, la categoria più fragile fra quelle che hanno accesso ai nuovi media? Il professore Mastronardi non ha dubbi, è la famiglia. Di quest’ultima, il professore ha ribadito la centralità, evidenziando inoltre i rischi cui essa è esposta. «La famiglia è sempre a rischio e va assistita ben attentamente, poiché le prime disfunzionalità avvengono proprio al suo interno. Non è un revival ma qualcosa di completamente nuovo, dettato dall’avvento di nuove tecnologie e dall’affermarsi di internet. I familiari hanno il dovere di difendere i ragazzi dalle minacce rappresentate dai cybercrimini e di mostrare loro gli strumenti per difendersi da soli. Hanno altresì il compito di individuare le situazioni di rischio ed interpretare i messaggi che, a livello verbale e non verbale, i nostri ragazzi ci trasmettono per manifestare il loro disagio. Non bisogna mai criminalizzare né la famiglia né la scuola, ma piuttosto supportarle sempre con la massima dedizione». Sono i familiari, dunque, a dover prestare orecchio in prima battuta ai bisogni e, in alcuni casi, alle vere e proprie richieste di aiuto dei minori. Nei casi più complessi, però, devono intervenire il medico e lo psicologo, fornendo un contributo specialistico che non può prescindere da un puntuale aggiornamento professionale. Riferendosi al video corso sulla legge Cirinnà dedicato a medici e legali, il professore ha concluso: «Un corso di questo tipo porta valore aggiunto alla formazione dei professionisti, rappresenta un punto nautico che ci consente di comprendere i confini entro cui mantenerci a livello operativo e comportamentale, rispettando determinati canoni che abbiamo ormai ben chiari in mente.»

Articoli correlati
Il futuro della chirurgia? Per Acoi viene prima il presente dei giovani
Al congresso di Roma il Presidente Diego Piazza si concentra su due sfide: sistema universalistico e migliori opportunità per i giovani colleghi: «Già tante iniziative in campo, ma stiamo lavorando anche a nuovi accordi»
Numero chiuso medicina: è allarme ricorsi
Flash mob e proteste davanti alle università. Solo uno studente su 7 potrà frequentare medicina e sul test scattano le polemiche sulle irregolarità
Il monito dell’European Society of Cardiology: «Aggiornamento obbligatorio in campo scientifico»
La professoressa Geneviève Derumeaux, presidente del Comitato scientifico di ESC: «Contro rischi cardiovascolari necessari prevenzione e costante aggiornamento. In Francia formazione continua già dall’Università»
GUIDA | Come funzionano graduatorie e ammissioni delle Scuole di specializzazione in Medicina
Come spiega il sito studenti.it, prima di partecipare al Test ogni candidato ha dovuto indicare, in ordine di preferenza, un massimo di tre tipologie di scuola per le quali concorrere e, per ognuna di esse, la lista delle sedi in Italia nelle quali desidera entrare, sempre in ordine di preferenza. Dopo la fine delle prove […]
Quanti ECM obbligatori un podologo deve conseguire entro dicembre 2016?
Quanti ECM obbligatori un podologo deve conseguire entro dicembre 2016? Dove si possono ottenere informazioni riguardo i crediti in podologia e posturologia? I crediti formativi per i medici non si differenziano a seconda della professione o della disciplina. I crediti formativi che dovrebbe acquisire sono pertanto sempre 150 nel triennio 2014/2016. Per quanto riguarda la […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...