Salute 14 giugno 2018

Malattie degenerative, le proprietà del CBD. Russo (ICCI): «Allevia sintomi di epilessia, cancro e Alzheimer»

Uno dei massimi esperti a livello mondiale di cannabis terapeutica spiega ai nostri microfoni quali sono le proprietà di uno dei principali principi attivi e cosa ci si aspetta dalla ricerca

Il cannabidiolo, uno dei più importanti principi attivi della cannabis, rappresenta una «cura efficace contro patologie come epilessia, cancro e malattie neurodegenerative come l’Alzheimer». Lo afferma ai nostri microfoni Ethan Russo, Direttore dell’ “R&D International Cannabis and Cannabinoids Institute”. Russo è uno dei massimi esperti a livello mondiale di cannabis terapeutica ed è intervenuto, insieme a medici, studiosi e ricercatori di caratura internazionale, nel corso del Balkannabis Expo, una tre giorni che ha avuto luogo ad Atene e che aveva, come tema centrale, quello della ricerca e delle ultime scoperte relative alle proprietà curative degli estratti della canapa. Russo spiega a Sanità Informazione quali sono le proprietà del CBD e quali sono le nuove prospettive della ricerca.

Dottor Russo, cosa può fare il cannabidiolo per combattere patologie come l’epilessia, il cancro e l’Alzheimer?

«Il cannabidiolo è un farmaco molto efficace per tantissime patologie. Ha effetti antiinfiammatori molto forti, quindi riduce le infiammazioni e il dolore, ma protegge anche il cervello da problemi come traumi cranici o ictus. Ci sono inoltre diversi segnali che indicano come il CBD potrebbe proteggere il cervello da malattie degenerative come l’Alzheimer e altre patologie che causano demenza. Il CBD ha inoltre dimostrato un’ottima efficacia nel curare gravi convulsioni. Al momento, negli Stati Uniti siamo in attesa dell’approvazione di un farmaco a base di cannabidiolo che dovrebbe avvenire il prossimo mese».

Quali sono le prospettive della ricerca?

«Un farmaco con cannabidiolo risulta molto versatile. La preparazione che sarà disponibile negli Stati Uniti è stata sviluppata per trattare l’epilessia grave, e che dunque richiede alti dosaggi. Bisogna ancora vedere se potrà servire per curare anche altre patologie, molte delle quali richiedono dosi molto più basse, ma ancora non possiamo saperlo. In termini di potenzialità, come farmaco può curare un numero veramente grande di patologie, soprattutto malattie artritiche, che siano artriti reumatoidi o osteo-artriti. Le potenzialità del cannabidiolo sono fantastiche per limitare la gravità e il progresso di questo genere di malattie».

 

 

Articoli correlati
La salute passa per il sistema endocannabinoide. Bagar (International Institute for Cannabinoids): «Ecco come funziona e a cosa serve»
Diversi processi vitali per l’organismo umano e animale passano per una rete composta da milioni di recettori che interagiscono con i cannabinoidi: «Grandissime potenzialità, ma ancora non conosciamo tutto…»
Incontro “Un goal al 90′ – Quarta Categoria” in Senato. Presenti diverse personalità della politica e del mondo del calcio
Lunedi 25 giugno, presso il Senato della Repubblica Italiana, in Sala Koch di Palazzo Madama, si svolgerà l’incontro “Un goal al 90˚- Quarta Categoria”. Interverranno: Il Commissario Straordinario della FIGC Roberto Fabbricini; Il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Giancarlo Giorgetti; La Ministro per la Famiglia e delle Disabilità Lorenzo Fontana; La Senatrice […]
Ricerca oncologica, Federica Mazzuca vince il premio Roma: «Ci vuole tanta energia, determinazione ed entusiasmo»
«All’estero ricerca al top anche grazie a fondi e supporti che in Italia mancano. Difficile restare qui: ottime capacità e buone idee non bastano». L’intervista alla dottoressa Mazzuca a margine della cerimonia di premiazione alla Sapienza
Nuove apparecchiature elettromedicali all’Università della Campania per partnership con BTL Italia
Sono state consegnate oggi, presso l’Università degli studi della Campania “L. Vanvitelli”, delle apparecchiature elettromedicali della società BTL Italia Srl per avviare la partnership tra le parti in vista della sperimentazione di differenti approcci terapeutici attraverso l’utilizzo di apparecchiature elettromedicali.   La Cattedra di Medicina Fisica e Riabilitativa dell’Università degli Studi della Campania “L. Vanvitelli”, […]
4° Congresso ROI: le “prove di efficacia” per migliorare la qualità della cura
Come gestire e utilizzare i dati e i risultati della ricerca scientifica nella pratica clinica quotidiana? Come condividere le “prove di efficacia” che emergono dalla ricerca scientifica con gli altri professionisti della salute e con i pazienti, per una gestione ottimale delle decisioni terapeutiche? Sono le domande chiave a cui il ROI e i suoi […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Leucemia infantile, tra le cause anche la mancata esposizione ai microbi. La ricerca pubblicata su Nature

Il Professor Greaves, autore dello studio: «L’incidenza della leucemia linfoblastica acuta infantile è maggiore nei Paesi sviluppati, non a causa di onde elettromagnetiche o agenti chimici, ma deg...