Salute 7 giugno 2018

Malaria, Rezza (ISS): «In Italia ogni anno ci sono ancora centinaia di casi». Ecco cosa fare in caso di viaggi in zone a rischio

È estremamente diffusa in tutto il mondo ed è tra le principali malattie di importazione. Dai farmaci alle norme comportamentali, le indicazioni da seguire se si intende recarsi in uno dei Paesi ad alta endemia di malaria

Immagine articolo

Se il genere di zanzara “Anopheles” è poco conosciuto, le conseguenze della sua puntura sono molto note, possono essere letali. È infatti la zanzara che, se infetta, trasmette la malaria, la principale causa di morbilità e mortalità in molti Paesi del mondo.

«La malaria è una malattia estremamente diffusa in tutto il mondo – specifica a Sanità Informazione Giovanni Rezza, Direttore del dipartimento di malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità – ed è un problema di sanità globale molto rilevante».

Ma qual è la situazione in Italia? La malaria è in realtà scomparsa dal nostro Paese negli anni Cinquanta, tuttavia «ogni anno – prosegue Rezza – abbiamo alcune centinaia di casi “di importazione” in viaggiatori o in persone che provengono da Paesi ad alta endemia di malaria». Coloro che si recano in regioni dove il rischio di acquisire la malattia è particolarmente esteso, come la gran parte delle regioni intertropicali, soprattutto africane, ed alcune aree a clima temperato-continentale, dovrebbero quindi far attenzione ad alcune indicazioni di natura comportamentale e preventiva.

LEGGI ANCHE: MALARIA, DENGUE E CHIKUNGUNYA: CONOSCI LA DIFFERENZA?

«Chiunque si rechi in una di queste zone – spiega Rezza – deve sapere che dovrebbe fare una profilassi con chemioterapici, cioè con farmaci che riducono il rischio di acquisire la malaria, e prendere dei provvedimenti che possano ridurre il rischio di punture da zanzare».

Nonostante non esista un farmaco antimalarico, la profilassi farmacologica, o chemioprofilassi, riduce il rischio di infezione. La scelta del regime di profilassi antimalarica dipenderà da fattori quali l’itinerario, la stagione e la durata del viaggio, le condizioni di salute e l’età del viaggiatore ed eventuali precedenti reazioni allergiche a farmaci antimalarici. In base al farmaco scelto, l’assunzione dovrà essere giornaliera (come nel caso di atovaquone-proguanile o doxiciclina) o settimanale (se si sceglie la meflochina), da iniziare in ogni caso prima dell’arrivo nella zona a rischio di malaria.  

Per quanto riguarda la profilassi comportamentale, il Ministero della Salute consiglia di evitare di soggiornare all’aperto dal tramonto all’alba, quanto le zanzare anofele sono attive; di indossare abiti di colore chiaro che coprano la maggior parte del corpo; di applicare sulla cute esposta repellenti per insetti a base di DEET o di KBR; dormire in stanze dotate di condizionatore d’aria o di zanzariere alle finestre o da letto; in assenza di zanzariere o di impianti di aria condizionata, si consiglia di spruzzare insetticidi a base di piretro o di suoi derivati oppure di usare diffusori di insetticida.

LEGGI ANCHE: MEDICI SENZA FRONTIERE, PARLA LA NEO PRESIDENTE LODESANI: «NON ASSOCIATECI SOLO AI MIGRANTI, SIAMO IN CAMPO SU GUERRE E DISASTRI NATURALI»

Articoli correlati
Emergenza sanitaria in volo, cosa fare? Rosi (ISS): «In Italia non esiste protocollo. Manca una cabina di regia»
Sono tre i voli intercontinentali su cui, in questi giorni, centinaia di passeggeri si sono sentiti male. Come comportarsi in questi casi? «Se succedesse nel nostro Paese sarebbe un problema, in assenza di un coordinamento intersettoriale ognuno rivendica la propria autorità». Lo spiega Luca Rosi, responsabile dell'Unità Affari Internazionali dell'Istituto Superiore di Sanità
Stefano Vella racconta la sua “rabbia”: «Lasciare Aifa scelta dolorosa, ma difendere salute globale del futuro inizia dalla cura dei migranti»
VIDEO INTERVISTA | L’ormai ex presidente dell’Agenzia del Farmaco a qualche giorno di distanza dalla sua irrevocabile lettera di addio ad una delle cariche più prestigiose e ambite della sanità italiana ha ritrovato il filo dei pensieri e accetta di parlare della sua esperienza in AIFA e delle prospettive dell'agenzia e della scelta delle dimissioni come di una pagina dolorosa da superare in fretta per tornare a dedicarsi alla ricerca.
Milleproroghe, alla Camera medici compatti contro il rinvio dell’obbligo vaccinale. Villani (SIP): «Inaccettabile vedere bambini morire di morbillo»
Audizione a Montecitorio dei principali esponenti del mondo medico e della scuola. Garattini: «Cambiare sarebbe grave errore». Anelli (FNOMCeO): «Potrebbe sembrare atteggiamento antiscientifico». I presidi: «Rischio insicurezza per la salute negli istituti»
Vaccini, perché in Italia sono obbligatori e in altri Paesi no? Lo spiega Rezza (ISS) sul British Medical Journal
«Non è irragionevole che il governo italiano consideri la possibilità di rivedere l’obbligatorietà dei vaccini. Ma qualunque modifica dovrebbe essere guidata da evidenze scientifiche, supportata da investimenti adeguati e valutata con attenzione, non affrettata con tanta urgenza». Giovanni Rezza, direttore del dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, interviene sulla questione vaccini con un lungo […]
Firenze, bimba colpita da meningite in miglioramento al Meyer
Migliorano le condizioni cliniche della bambina di 11 anni ricoverata all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze e a cui è stata diagnosticata una sepsi da meningococco B. La prognosi, però, non è ancora sciolta. È quanto rende noto la Asl Toscana in una nota, spiegando che, nel frattempo, si è conclusa la profilassi ai contatti stretti, circa […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...