Salute 11 settembre 2017

Malaria, «In Italia centinaia di casi l’anno: in troppi partono senza profilassi» l’intervista al dottor Ippolito (Spallanzani)

«Il 25 e il 26 settembre l’Istituto Nazionale Malattie Infettive organizzerà una riunione per dettare linee guida di gestione della malaria in tutti i principali centri clinici del Paese» lo dichiara all’indomani della morte della piccola Sofia, il Direttore Scientifico dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani

«In Italia non c’è un allarme malaria, tuttavia è vero che ogni anno si verificano un centinaio di casi di infezione a causa di viaggiatori che non fanno profilassi o che la fanno incompleta» lo dichiara Giuseppe Ippolito, Direttore Scientifico dello Spallanzani di Roma all’indomani della morte della piccola Sofia, la bambina trentina di quattro anni che ha contratto la malaria presumibilmente presso l’Ospedale di Trento ed è morta poche ore dopo all’Ospedale di Brescia.

«A studiare le cause della morte di Sofia ci sta pensando l’ospedale e gli ispettori di turno per capire se la bambina è stata contagiata nella struttura sanitaria o in altri ambienti. Intanto posso dire che in molti casi di contagio la diagnosi arriva tardi perché i pazienti non segnalano di aver viaggiato in Paesi a rischio e senza una corretta profilassi». La profilassi anti-malaria altro non è che «alcune dosi di compresse da prendere prima della partenza a seconda del farmaco, quello che non tutti sanno (perché non ritengono opportuno informarsi da chi di dovere) la profilassi deve essere portata avanti anche di ritorno dalla vacanza».

«Per quel che riguarda le terapie – prosegue il Professore – esistono più farmaci registrati per la malaria, tuttavia è innegabile che esista una concreta difficoltà ad acquisire altri farmaci oltre il chinino ed è questo il motivo per cui alla fine di questo mese, il 25 e 26 settembre, l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive organizza una riunione per avviare un programma con i principali centri clinici per la standardizzazione nella gestione della malaria grave».

«Dunque come appare evidente – continua Ippolito – non sono certo i migranti a determinare un cambiamento nell’incidenza delle malattie infettive. Anzi,  bisogna smettere di dire che i migranti ci portano le infezioni. I migranti portano le infezioni esattamente come tanti italiani che viaggiano senza premunirsi». Si tratta di ‘bufale’, tiene a specificare il Professore, diffuse da chi rifiuta di documentarsi in maniera appropriata. «Stessa cosa per la resistenza ai vaccini, le famiglie che non vogliono vaccinare i propri figli dovrebbero informarsi correttamente: non c’è nessuna prova che i vaccini facciano male, ci sarebbe bisogno di un vaccino contro la stupidità ma ancora non l’hanno inventato».

Articoli correlati
Terni, ritorna dal Madagascar con febbre e cefalea: nessuna malattia infettiva
Sta bene il ternano con sintomi di febbre, diarrea e cefalea – presenti da quando era rientrato da un soggiorno in un’isola del Madagascar –  che l’avevano spinto a recarsi il 24 dicembre al pronto soccorso dell’Ospedale di Terni. Esclusa fin da subito l’ipotesi della peste (preoccupazione nata dal fatto che in alcune città del […]
Malaria, Dengue e Chikungunya conosci la differenza?
Quando si tratta di malattie tropicali, fa presto a diffondersi il panico, ancor prima della malattia stessa. Recentissimo, il caso di una bambina di quattro anni morta a causa della malaria, poi i casi di febbre da Chikungunya in Lazio. Nonostante le rassicurazioni da parte delle istituzioni locali e sanitarie sul controllo dei focolai, basta […]
di pazienti.it
Malaria: in Italia 650 casi ogni anno, per il 10% diagnosi tardiva. L’importanza del vaccino
Il XVI Congresso Nazionale SIMIT, Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali, in corso a Salerno sino al 18 ottobre, affronta in modo approfondito i temi dell’infettivologia e delle emergenze attuali. L’evento dà modo di focalizzarsi su tematiche quali HIV, epatiti, aderenza ai farmaci, vaccinazioni, malaria e chikungunya. In Italia si verificano 650-700 casi di […]
Chikungunya, Cappellano (OMCeO Roma): «Occorre riconoscere sintomi rapidamente, i virus esotici possono essere letali»
È allarme Chikungunya a Roma e nel Lazio: 102 casi accertati finora e il numero, a detta degli esperti, è destinato a crescere. «Fronte unito sanità e istituzioni per combattere emergenza» l'intervista a Ernesto Cappellano, Coordinatore Commissione Prevenzione OMCeO Roma
Malaria e Chikungunya, ecco come sconfiggerle…
I recenti episodi di malaria,  Chikungunya e West Nile nel nostro paese hanno riproposto la necessità di contrastare la presenza di agenti vettori, zanzare in primis, al fine di prevenire l’insorgenza di episodi, epidemici e no, di patologie virali, batteriche e parassitarie da loro veicolate. Ma la lotta alle zanzare non è affatto semplice né […]
di Vitantonio Perrone – Vicepresidente SIMeVeP
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...
Lavoro

Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»

Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»