Salute 11 settembre 2017

Malaria, «In Italia centinaia di casi l’anno: in troppi partono senza profilassi» l’intervista al dottor Ippolito (Spallanzani)

«Il 25 e il 26 settembre l’Istituto Nazionale Malattie Infettive organizzerà una riunione per dettare linee guida di gestione della malaria in tutti i principali centri clinici del Paese» lo dichiara all’indomani della morte della piccola Sofia, il Direttore Scientifico dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani

«In Italia non c’è un allarme malaria, tuttavia è vero che ogni anno si verificano un centinaio di casi di infezione a causa di viaggiatori che non fanno profilassi o che la fanno incompleta» lo dichiara Giuseppe Ippolito, Direttore Scientifico dello Spallanzani di Roma all’indomani della morte della piccola Sofia, la bambina trentina di quattro anni che ha contratto la malaria presumibilmente presso l’Ospedale di Trento ed è morta poche ore dopo all’Ospedale di Brescia.

«A studiare le cause della morte di Sofia ci sta pensando l’ospedale e gli ispettori di turno per capire se la bambina è stata contagiata nella struttura sanitaria o in altri ambienti. Intanto posso dire che in molti casi di contagio la diagnosi arriva tardi perché i pazienti non segnalano di aver viaggiato in Paesi a rischio e senza una corretta profilassi». La profilassi anti-malaria altro non è che «alcune dosi di compresse da prendere prima della partenza a seconda del farmaco, quello che non tutti sanno (perché non ritengono opportuno informarsi da chi di dovere) la profilassi deve essere portata avanti anche di ritorno dalla vacanza».

«Per quel che riguarda le terapie – prosegue il Professore – esistono più farmaci registrati per la malaria, tuttavia è innegabile che esista una concreta difficoltà ad acquisire altri farmaci oltre il chinino ed è questo il motivo per cui alla fine di questo mese, il 25 e 26 settembre, l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive organizza una riunione per avviare un programma con i principali centri clinici per la standardizzazione nella gestione della malaria grave».

«Dunque come appare evidente – continua Ippolito – non sono certo i migranti a determinare un cambiamento nell’incidenza delle malattie infettive. Anzi,  bisogna smettere di dire che i migranti ci portano le infezioni. I migranti portano le infezioni esattamente come tanti italiani che viaggiano senza premunirsi». Si tratta di ‘bufale’, tiene a specificare il Professore, diffuse da chi rifiuta di documentarsi in maniera appropriata. «Stessa cosa per la resistenza ai vaccini, le famiglie che non vogliono vaccinare i propri figli dovrebbero informarsi correttamente: non c’è nessuna prova che i vaccini facciano male, ci sarebbe bisogno di un vaccino contro la stupidità ma ancora non l’hanno inventato».

Articoli correlati
Malaria e Chikungunya, ecco come sconfiggerle…
I recenti episodi di malaria,  Chikungunya e West Nile nel nostro paese hanno riproposto la necessità di contrastare la presenza di agenti vettori, zanzare in primis, al fine di prevenire l’insorgenza di episodi, epidemici e no, di patologie virali, batteriche e parassitarie da loro veicolate. Ma la lotta alle zanzare non è affatto semplice né […]
di Vitantonio Perrone – Vicepresidente SIMeVeP
Inmi Spallanzani: di malaria si muore ancora. Al via nuovo programma di ricerca
In programma per il 25 e il 26 settembre allo Spallanzani di Roma il primo incontro del nuovo programma di ricerca per la gestione della malaria grave e complicata in Italia. All’evento parteciperanno 11 centri di malattie infettive italiani ospedalieri e universitari del Nord (Sacco di Milano, Amedeo di Savoia di Torino, Opera Don Calabria di […]
Malaria, il punto della situazione dell’ISS. Il Ministro risponde…
Dopo la morte per malaria di una bambina di 4 anni, avvenuta il 4 settembre scorso negli Spedali Civili di Brescia, il Ministero della Salute ha avviato un’indagine. Al momento è stato accertato che la causa del decesso è la malaria cerebrale. Ancora in corso le indagini per identificare l’origine dell’infezione. L’Istituto Superiore di Sanità […]
di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute
Brescia, bimba di 4 anni muore di malaria. Non era mai stata all’estero
Una bimba trentina di 4 anni è morta di malaria nel reparto di malattie infettive agli Ospedali Civili di Brescia,  dove era stata trasferita d’urgenza per un ultimo tentativo di cura. La malaria, infatti, le era già stata diagnosticata all’ospedale Santa Chiara di Trento. I medici stanno cercando di capire come possa essere avvenuto il […]
Gli 80 anni dell’Istituto Spallanzani, eccellenza italiana
«Lo Spallanzani cura da 80 anni malati con patologie sempre diverse e lo fa attraverso strategie di cura e tecnologie diagnostiche sempre nuove e avanzate. Il tutto sempre nella massima attenzione delle persone e affrontando malattie anche molto delicate attraverso la massima attenzione etica». Lo ha dichiarato ai nostri microfoni il Professor Giuseppe Ippolito, Direttore Scientifico dell' "Istituto Spallanzani"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...