Salute 10 marzo 2014

Lorenzin lancia “Dovesalute”: sarà il Tripadvisor della sanità

Online sul sito del Ministero il portale dedicato alle strutture sanitarie in Italia

Immagine articolo

Una rivoluzione “annunciata e necessaria nell’era degli open data e del libero accesso all’informazione”. Con queste parole il ministro Beatrice Lorenzin saluta il lancio dell’importante iniziativa promossa dal Ministero della Salute in materia di trasparenza sanitaria: è infatti finalmente online il portale “Dovesalute”, uno strumento grazie al quale si potrà effettuare un vero e proprio censimento delle strutture ospedaliere e territoriali del sistema sanitario italiano.

Da oggi basterà digitare una parola chiave riguardante la patologia di interesse ed  aggiungere un CAP ed un indirizzo per consultare rapidamente l’elenco degli Istituti di ricovero e cura dove questa viene trattata.  Il progetto non si limita, però, a fornire una mera lista delle strutture; ogni pagina relativa a un determinato presidio è infatti corredata di informazioni riguardanti i servizi offerti, i contatti, persino le indicazioni stradali per raggiungerlo. E non finisce qui: la vera novità, quella che è valsa a “Dovesalute”  la definizione di “Tripadvisor della sanità”, consiste nelle schede in cui vengono indicati commenti e valutazioni degli utenti in una scala da 1 a 5 stelle.

“Un vero e proprio cambiamento culturale è in atto – dichiara ancora la Lorenzin – è il momento di avere più coraggio ed essere trasparenti. I dati esistono già, bisogna solo renderli consultabili da tutti. Abbiamo iniziato con gli Ircss (49 consultabili al momento, ndr), vigilati dal Ministero, ma l’obiettivo è lanciare la sfida alle Regioni: se otterremo l’invio dei loro dati potremo estendere il servizio a tutto il Ssn”.  Un progetto ambizioso e in divenire, che a breve “allargherà l’offerta dei dati anche sulle farmacie, i laboratori di analisi, i medici di famiglia e i pediatri di libera scelta – annuncia il ministro – fino a potenziare il sistema con l’inserimento dei dati relativi agli esiti di ciascuna struttura e reparto per singola patologia”. Non entusiasta, invece, la reazione del presidente Acoi Luigi Presenti, che invita alla cautela: il sistema richiederà un’attenta ponderazione di vari elementi in fase di inserimento nel database, affinché il criterio della trasparenza non sfoci in un “darwinismo sanitario”.

La necessità di essere al passo con i tempi e la consapevolezza del supporto offerto della tecnologia sono state le linee guida che hanno animato il progetto, “utile anche in vista della nuova normativa sull’accesso alle cure transfrontaliere”, sottolinea Daniela Sbrollini, vicepresidente in Commissione Sanità della Camera d’Italia. Senza dimenticare l’incentivo più forte di tutti, e cioè che la trasparenza, in sanità, fa rima con competitività.

Articoli correlati
Sanità, Grillo incontra i dipendenti del Ministero: «Merito ed efficienza capisaldi del mio mandato»
Il Ministro ha ribadito l’importanza del lavoro di squadra. Poi ha aggiunto: «Sono certa che con le tante, qualificate, risorse che il dicastero ha a disposizione sarà fatto un ottimo lavoro»
Giulia Grillo è la nuova Ministra della Salute
L’on. Giulia Grillo è la nuova Ministra della Salute nel governo presieduto dal Prof. Giuseppe Conte. Nata a Catania il 30 maggio 1975, ha giurato il 1° giugno 2018 nelle mani del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Giulia Grillo è il sesto ministro donna del dicastero, dopo Tina Anselmi, Mariapia Garavaglia, Rosy Bindi, Livia Turco, […]
Legge Lorenzin: approvati i decreti attuativi per Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici
«Questo è un momento di svolta storico nella nostra professione perché arriva alla fine di un iter lungo che ha permesso di dare il giusto valore e riconoscimento a una professione con un ruolo sempre più fondamentale e centrale nella tutela della salute pubblica» così Nausicaa Orlandi, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici
Responsabilità professionale e formazione ECM: medici non aggiornati a rischio nei contenziosi (e pagano assicurazioni più salate)
La Legge Gelli sulla responsabilità medico-sanitaria ha compiuto il suo primo anno di vita e, in attesa degli ultimi decreti attuativi che ne chiuderanno definitivamente il perimetro, l’aggiornamento professionale è lo snodo centrale della normativa
Tennis&Friends al Foro Italico: i vip scendono in campo per la prevenzione
Tennis&Friends, il torneo Celebrities che unisce Salute, Sport, Solidarietà e Spettacolo ha registrato quest’anno 6000 presenze e 850 check up gratuiti. Giorgio Meneschincheri (Gemelli): «Oltre 50mila visite specialistiche in sei anni. In Italia la percentuale di mortalità è molto più alta nelle città in cui non viene fatta prevenzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...