Salute 17 marzo 2015

Lo smartphone rivoluziona la ricerca medica con il Research Kit

iPhone ed Apple Watch connessi ai migliori istituti per aggiornamenti continui. Nuove tecnologie sempre più fondamentali per la comunicazione medico-paziente

Immagine articolo

Questo strumento vi cambierà la vita”. Così il numero uno di Apple Tim Cook aveva annunciato la presentazione dell’attesissimo Apple Watch.

Sul palco di San Francisco però il nuovo “gioiellino” dell’azienda di Cupertino ha finito per farsi rubare la scena dal Research Kit, la nuova funzione dell’iPhone, lanciata prima che partissero le slide del rivoluzionario device, il primo indossabile. Se l’Apple Watch è destinato a cambiarci la vita, il Research Kit potrebbe, infatti, salvarcela. Ed in questi termini è stata presentata la nuova rivoluzionaria App: una evoluzione all’ennesima potenza del kit della salute introdotto con il sistema operativo iOS8; e la conferma di quanto la deriva hi-tech della salute sia ormai il futuro della professione medica.

La nuova funzione che connette iPhone e ovviamente anche Apple Watch ai migliori istituti di ricerca medici, consentirà un monitoraggio costante per lo studio di alcune patologie. In particolare si parla di Parkinson, diabete, asma, cancro e malattie cardiovascolari. A queste potrebbero aggiungersene altre perché Research Kit – e questa è un’altra notizia – sarà open source. Questo significa che qualsiasi sviluppatore, anche non Apple, potrà apportare miglioramenti e modifiche. Quell’oggetto nato per telefonare e diventato un player multimediale è ora la nuova frontiera della ricerca medica.

Per il momento l’operazione è limitata (si fa per dire…) agli Stati Uniti, ma potrebbe presto essere estesa anche all’Europa. Lo smartphone diventa, dunque, l’oggetto del test e il tramite delle comunicazioni, trasformando in modo radicale il modo in cui la ricerca medica può essere portata a compimento: il ricercatore può contare sulle migliori tecnologie e sulle informazioni scientificamente più avanzate e aggiornate; un ruolo chiave lo assume però anche chi (va specificato volontariamente), si presta alla sperimentazione, diventando parte attiva della ricerca. Una maniera per rendere la comunicazione medico-paziente bidirezionale con un maggiore coinvolgimento. Ci si potrà ovviamente spingere oltre ogni limite della attuale ricerca con risultati che al momento non possono essere neppure immaginati. Il nostro smartphone è destinato dunque a salvarci la vita, ma per quanto la tecnologia possa progredire, gli operatori sanitari avranno sempre un ruolo chiave e resteranno insostituibili.

Articoli correlati
Innovazione in salute, se ne parla a ‘Futuro Anteriore’, l’evento Roche dedicato alla ricerca
L’innovazione a tutto tondo è stata il tema dell’incontro “Futuro Anteriore” organizzato a Roma nei giorni scorsi da Roche. Rappresentanti delle istituzioni, del settore della salute, della ricerca e della cultura hanno cercato di definire cosa sia l’innovazione e di prevedere le sfide che ci attendono per il futuro. «E’ necessario riflettere sulle sfide presenti […]
Innovazione e formazione, binomio indissolubile. Tedeschi: «Premi per virtuosi»
Per seguire i progressi della medicina i camici bianchi devono formarsi: questo il monito di Tiziano Tedeschi (membro commissione nazionale ECM): «Progresso e aggiornamento di pari passo. Bene i premi per i virtuosi»
«Disabilità: formazione, competenza e nuove tecnologie. Queste le chiavi per migliorare riabilitazione e integrazione»
La Fondazione Vaccari celebra i suoi 80 anni di storia con il convegno “Etica in riabilitazione tra esperienza ed innovazione al servizio della persona”
Arriva direttamente dalla Casa Bianca l’invito a puntare su App formazione web
Ai microfoni di Sanità informazione Susan J. Blumenthal Consigliere per la Sanità Pubblica del Presidente degli Stati Uniti Obama: «Innovazione per rivoluzionare la sanità»
Curarsi prima dell’arrivo della malattia? Con la medicina predittiva e il digitale…
Non solo Angelina Jolie: in aumento i casi di interventi mirati per prevenire situazioni a rischio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

Enpam: «Pronti da subito a pagare pensioni in cumulo. Ora il problema sono i tempi»

Prime reazioni alla pubblicazione della circolare Inps che dà operatività al cumulo contributivo gratuito. «Resta il problema di quando queste pensioni saranno pagate» precisa la Fondazione