Salute 17 marzo 2015

Lo smartphone rivoluziona la ricerca medica con il Research Kit

iPhone ed Apple Watch connessi ai migliori istituti per aggiornamenti continui. Nuove tecnologie sempre più fondamentali per la comunicazione medico-paziente

Immagine articolo

Questo strumento vi cambierà la vita”. Così il numero uno di Apple Tim Cook aveva annunciato la presentazione dell’attesissimo Apple Watch.

Sul palco di San Francisco però il nuovo “gioiellino” dell’azienda di Cupertino ha finito per farsi rubare la scena dal Research Kit, la nuova funzione dell’iPhone, lanciata prima che partissero le slide del rivoluzionario device, il primo indossabile. Se l’Apple Watch è destinato a cambiarci la vita, il Research Kit potrebbe, infatti, salvarcela. Ed in questi termini è stata presentata la nuova rivoluzionaria App: una evoluzione all’ennesima potenza del kit della salute introdotto con il sistema operativo iOS8; e la conferma di quanto la deriva hi-tech della salute sia ormai il futuro della professione medica.

La nuova funzione che connette iPhone e ovviamente anche Apple Watch ai migliori istituti di ricerca medici, consentirà un monitoraggio costante per lo studio di alcune patologie. In particolare si parla di Parkinson, diabete, asma, cancro e malattie cardiovascolari. A queste potrebbero aggiungersene altre perché Research Kit – e questa è un’altra notizia – sarà open source. Questo significa che qualsiasi sviluppatore, anche non Apple, potrà apportare miglioramenti e modifiche. Quell’oggetto nato per telefonare e diventato un player multimediale è ora la nuova frontiera della ricerca medica.

Per il momento l’operazione è limitata (si fa per dire…) agli Stati Uniti, ma potrebbe presto essere estesa anche all’Europa. Lo smartphone diventa, dunque, l’oggetto del test e il tramite delle comunicazioni, trasformando in modo radicale il modo in cui la ricerca medica può essere portata a compimento: il ricercatore può contare sulle migliori tecnologie e sulle informazioni scientificamente più avanzate e aggiornate; un ruolo chiave lo assume però anche chi (va specificato volontariamente), si presta alla sperimentazione, diventando parte attiva della ricerca. Una maniera per rendere la comunicazione medico-paziente bidirezionale con un maggiore coinvolgimento. Ci si potrà ovviamente spingere oltre ogni limite della attuale ricerca con risultati che al momento non possono essere neppure immaginati. Il nostro smartphone è destinato dunque a salvarci la vita, ma per quanto la tecnologia possa progredire, gli operatori sanitari avranno sempre un ruolo chiave e resteranno insostituibili.

Articoli correlati
Blockchain in Italia,  Mauro Cervini (economic strategist): «Per il campo sanitario un grande abbattimento dei costi»
«Impossibile un ritorno al passato: in futuro gli asset cambieranno ma da questa rivoluzione non si torna più indietro», così l’esperto nel settore Business Banking e Global Asset Management
Ge Healthcare Italia: riparte il Learning Center per formare i professionisti sanitari
GE Healthcare riapre le porte del suo Learning Center, un’accademia specializzata nell’utilizzo di tecnologie medicali d’avanguardia, con lezioni in aula e da remoto, per formare i professionisti sanitari di tutto il Paese. Dopo il grande successo del 2017 – durante il quale oltre 1.000 medici hanno preso parte alle attività formative – ripartono i corsi gratuiti di formazione […]
Salute e innovazione, Umberto I all’avanguardia. Il Direttore sanitario: «Grandi novità per rendere ancor più eccellenti i servizi»
«Il nostro è un perenne rinnovamento perché stare al passo con i tempi significa mettersi in discussione cambiare volto quando c’è la necessità», dichiara Ferdinando Romano
Al via la terza edizione del Premio eHealth4all patrocinato dall’ISS
Secondo quanto comunicato dal Presidente Walter Ricciardi, l’Istituto Superiore di Sanità patrocinerà la terza edizione del Premio eHealth4all per il biennio 2017-19 che seleziona la migliore applicazione digitale per la prevenzione. Il concorso è nato nel 2013 nell’ambito del ClubTI e coordinato da Ornella Fouillouze, attuale vicepresidente di ClubTi Assolombarda, ed è destinato al miglior progetto informatico per la […]
Progetto Tris, la scuola arriva a casa di chi non può frequentare grazie a Fondazione Tim
La tecnologia per l’inclusione socio educativa e per garantire lo studio a chi non può frequentare le lezioni in classe per motivi di salute. È  questo l’obiettivo del progetto TRIS giunto alla sua seconda fase e realizzato da Fondazione TIM in collaborazione con CNR – Istituto delle Tecnologie Didattiche e ANP – associazione nazionale dei dirigenti […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Leucemia infantile, tra le cause anche la mancata esposizione ai microbi. La ricerca pubblicata su Nature

Il Professor Greaves, autore dello studio: «L’incidenza della leucemia linfoblastica acuta infantile è maggiore nei Paesi sviluppati, non a causa di onde elettromagnetiche o agenti chimici, ma deg...