Salute 19 marzo 2018

Liste d’attesa, rapporto C.R.E.A. – CGIL: «Oltre 65 giorni per una visita con il Ssn. Pubblico-privato, costi si avvicinano»

I dati di 4 regioni (Campania, Lazio, Veneto, Lombardia) rilevano un aumento di 27 giorni in tre anni e una forte differenza tra regioni. «I prezzi sostenuti dai pazienti nella sanità privata in molti casi non sono troppo distanti dal costo del ticket e questo contribuisce ad indebolire il SSN». INTERVISTA A SERENA SORRENTINO – SEGRETARIO GENERALE FP CGIL

Immagine articolo

«Basta definanziamento del SSN. Si allungano i tempi per le prestazioni, i costi crescono e molti cittadini scelgono i privati». È netto il ragionamento del Segretario Generale FP Cgil, Serena Sorrentino, che commenta la ricerca sulle liste d’attesa elaborata da C.R.E.A. (Consorzio per la ricerca economica applicata) e promossa dalla Fp Cgil e da Fondazione Luoghi Comuni su un campione di 26mila persone. Le liste d’attesa nella sanità pubblica sono da anni uno dei talloni d’Achille del nostro sistema sanitario. I dati evidenziano anche per il 2017 un trend negativo, ma va sottolineato che lo studio si riferisce solo a quattro regioni: Lombardia, Veneto, Lazio e Campania.


I tempi di attesa per una visita specialistica o un esame nella sanità pubblica sono aumentati in media tra 20 e 27 giorni in 3 anni. È in media di 65 giorni l’attesa per una visita nella sanità pubblica, contro 7 giorni nel privato e 6 in intramoenia. Dal report emerge, ad esempio, che dal 2014 a oggi l’attesa per una visita oculistica nel pubblico è aumentata da 61 giorni a 88 (+ 26 giorni) e quella per una visita ortopedica da 36 giorni a 56 (+20 giorni). Per una colonscopia nel pubblico nel 2014 avremmo dovuto attendere 69 giorni, oggi ben 96, con un aumento di 27 giorni. Una differenza che varia notevolmente da regione a regione, condizione che contribuisce ad approfondire le diseguaglianze nel territorio nazionale.

Dati che si vanno a scontrare con le prestazioni del privato sui tempi d’attesa nettamente inferiori al pubblico: 7 giorni in media, contro 65 nel Servizio sanitario nazionale. Nel dettaglio, se si vuole prenotare una visita nel pubblico, per una Rx articolare si dovranno aspettare 22,6 giorni prima di avere un appuntamento; attesa che sale a 96,2 giorni per una colonscopia. Le stesse prestazioni in intramoenia registrano attese di 4,4 e 6,7 giorni, nel privato convenzionato di 8,6 e 46,5 giorni, nel privato a pagamento a 3,3 e 10,2 giorni.

Altra nota dolente sono i costi delle prestazioni che ormai, secondo il rapporto C.R.E.A. tendono ad equipararsi tra pubblico e privato. I prezzi sostenuti dai pazienti nella sanità privata «in molti casi – si legge nel rapporto – non sono troppo distanti dal costo del ticket». I prezzi del privato, inoltre, a volte sono pari o inferiori anche a quelli dell’intramoenia, cioè delle prestazioni fornite privatamente dai medici di un ospedale pubblico, all’interno dell’ospedale stesso.

«Puntare sulle assunzioni del personale sanitario e sui medici del SSN. In tre anni ci serviranno oltre 55mila figure, occorre un piano straordinario di assunzioni. Valutare la capacità organizzativa dei diversi sistemi regionali. Intervenire sulla programmazione per abbattere le liste d’attesa troppo lunghe» sono queste, in sintesi, per il Segretario Generale FP Cgil le chiavi per sbloccare il rebus delle lunghe attese che pesano sui cittadini che aspettano una visita specialistica o un esame diagnostico.

Altro tema collegato al complesso equilibrio tra sistema pubblico, convenzionato e privato puro e al livello di finanziamenti è quello del welfare integrativo. Sotto questa voce, in molti casi, nei contratti di lavoro viene inserita la copertura sanitaria integrativa che rischia di penalizzare proprio il SSN.

«Da sempre la nostra posizione è molto chiara: il welfare integrativo deve coprire prestazioni extra LEA che non sono garantite dal SSN e deve allargare e potenziare la base universale. Altrimenti se la sanità integrativa si mette in concorrenza con il SSN stiamo contribuendo a destrutturare il sistema pubblico. Per questo andrebbe rimessa sotto una unica governance tutta la materia della sanità e del welfare integrativo prima che si arrivi ad un punto di non ritorno per la sanità pubblica» conclude Sorrentino.

 

Articoli correlati
OMS premia ospedale da campo del Piemonte, la ‘cittadella della salute’ pronta ad operare in scenari difficili
Conferimento durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe. Il direttore della Maxiemergenza 118 Mario Raviolo: «Siamo gli unici in Italia ad avere la certificazione di secondo livello, sono nove in tutto il mondo»
«Con flat tax e reddito di cittadinanza servizi sanitari a rischio». Parla la responsabile Salute PD Marina Sereni
«Dai vicepremier mai una parola per più risorse nella sanità». Così l’ex vicepresidente della Camera che poi torna sul tema dei vaccini: «Con autocertificazione strizzano occhio a movimento no vax»
Assemblea OMS, Bartolazzi (Sott. Salute): «Ottimizzare risorse per sostenibilità SSN. Intervento su ticket per ridurre spesa out of pocket»
Il Sottosegretario alla Salute ha presieduto la sessione inaugurale dell’evento a cui presenziano 53 ministri da tutta Europa. «Aumento alcol e fumo tra giovani preoccupa»
A Bari Giornata contro violenza operatori sanitari. Questionario FNOMCeO: 50% medici aggredito in ultimo anno
Tra i camici bianchi prevale rassegnazione e sfiducia. I dati del sondaggio preoccupano il Presidente Filippo Anelli: «Questo porta con sé gravi effetti collaterali come la mancata denuncia alle autorità, l’immobilismo dei decisori, ma anche il burnout dei professionisti, con esaurimento emotivo»
Stretta a spot e cibi grassi da distributori: nuove misure contro obesità infantile. D’Arrando (M5S): «Serve educazione alimentare»
Nel testo della risoluzione presentata in Commissione Affari Sociali l’idea di vietare l'utilizzo dei personaggi dei cartoon e delle trasmissioni televisive per promuovere il cibo ad alto contenuto di grassi, zuccheri e sale. E poi l’ipotesi di etichette che indichino il rischio obesità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...