Salute 22 settembre 2017

Ecco l’app partecipativa per curare l’obesità. L’innovazione cambia la pediatria

Pazienti, pediatri, infermieri e specialisti a confronto a Roma in occasione di “Shaping the future of pediatrics”, un appuntamento in cui si è discusso delle principali tematiche relative alla salute di neonati e bambini, dai vaccini all’obesità infantile. Abbiamo intervistato il Dottor Alberto Eugenio Tozzi, Responsabile dell’Unità di Telemedicina del Bambino Gesù di Roma.  Dottor […]

Pazienti, pediatri, infermieri e specialisti a confronto a Roma in occasione di “Shaping the future of pediatrics”, un appuntamento in cui si è discusso delle principali tematiche relative alla salute di neonati e bambini, dai vaccini all’obesità infantile. Abbiamo intervistato il Dottor Alberto Eugenio Tozzi, Responsabile dell’Unità di Telemedicina del Bambino Gesù di Roma.

 Dottor Tozzi, un importante appuntamento che riunisce medici e pediatri, italiani ed europei, per fare il punto su una serie di tematiche importanti, dai vaccini all’obesità. Qual è intanto il bilancio di questa prima giornata?

«Abbiamo riunito in questi giorni un pubblico internazionale che va oltre l’Europa: tanti partecipanti arrivano da Stati Uniti, Australia, Nuova Zelanda e paesi africani. Ci sono almeno venti Paesi rappresentati in questa conferenza dal punto di vista dei partecipanti. Uno dei bilanci positivi è che non hanno partecipato solo tecnici, quindi scienziati, medici e ricercatori ma anche pazienti, che descrivono le loro esperienze e parlano del loro lavoro».

Quanto è importante il dialogo tra lo specialista ed il paziente?

«La comunicazione medico-paziente è un argomento forse un po’ scontato; noi vorremmo spingerci verso la medicina partecipativa, ossia il paziente, che è il massimo esperto della propria malattia, prende decisioni insieme al medico. Il paziente spesso può fare cose che il medico non riesce a fare proprio perché ne soffre in prima persona. Alcuni pazienti offrono delle soluzioni perfino terapeutiche e diagnostiche al medico. Questo è un argomento caldissimo che vale anche per la pediatria: perfino i bambini sono in grado di dare un contributo attivo».

L’obbligo vaccini è in questo momento un argomento di forte attualità: l’Italia ha imboccato questa direzione, gli altri paesi europei che tipo di posizione hanno?

«Noi, al Bambin Gesù abbiamo lavorato moltissimo per aumentare la consapevolezza del pubblico attraverso una comunicazione efficace per una decisione informata. Ci siamo trovati davanti a una situazione inattesa, e il decremento delle coperture vaccinali ha determinato un’urgenza, quindi lo strumento che il Ministero ha ritenuto più opportuno è stato quello dell’obbligo. In occasione di questo convegno si è parlato di come utilizzare il web per migliorare la comunicazione sui vaccini e di come evitare la polarizzazione del pubblico: è molto dannoso creare degli schieramenti opposti e un pubblico che si divide per l’uno o per l’altro. L’obiettivo deve essere dare delle informazioni corrette e dialogare».

Il sovrappeso è un problema che riguarda molti bambini. Qual è l’approccio giusto?

«Nel trattamento dell’obesità cerchiamo di fare un passo avanti rispetto all’approccio tradizionale: raccogliamo delle informazioni sul comportamento del bambino, utilizziamo il cellulare che non solo registra il percorso effettuato, ma può permettere di registrare anche altre attività. L’aspetto interessante è usare diversi strati di dati e usare la tecnologia per analizzarli. L’intelligenza artificiale è un po’ la chiave di lettura di queste cose qui e in questo modo noi contiamo di dare delle raccomandazioni molto più personalizzate al bambino e capire anche di più quali sono i meccanismi che spesso fanno fallire la terapia nel corso dell’obesità. Questo è quello che cerchiamo di fare, per il momento con la realizzazione di una App e più avanti con un’analisi approfondita dei dati».

Ma queste soluzioni sono delle necessità impellenti negli ultimi anni perché si è diffuso più massicciamente il fenomeno dell’obesità infantile rispetto al passato in Italia?

«Assolutamente sì, l’Italia ha un tasso di obesità infantile preoccupante, e spesso più preoccupante di altri Paesi sviluppati. Ma una delle cose difficili da fare è cambiare i comportamenti, che sono la base della terapia per l’obesità e anche per altre malattie. Per fare questo noi abbiamo bisogno di dati ed è la sfida che cerchiamo di affrontare».

 

Articoli correlati
Dalle regine del dramma alle iper-connesse, 5 tipi di mamme raccontate (con il sorriso) dalla pediatra
Il provider ECM 2506 Sanità in-Formazione e la pediatra Lucilla Ricottini, in collaborazione con Consulcesi Club, lanciano una guida ai 5 tipi di mamme di oggi: “drama queen”, leonesse ma anche realiste, ecco come riconoscerle (e come il pediatra può relazionarsi con loro)
Simpef, il sindacato medici pediatri di famiglia cresce al sud
Si è concluso nel weekend il Consiglio nazionale Simpef (Sindacato medici pediatri di famiglia), il secondo più importante sindacato italiano dei pediatri di libera scelta, che ha deciso di convocare nella prossima primavera un congresso elettivo anticipato per meglio rispecchiare i nuovi equilibri interni dell’organizzazione. «Simpef è nato nel 2010 in Lombardia e si è […]
Pediatria, Congresso SIP. Il Presidente Villani: «Tasso mortalità infantile in Italia tra i più bassi al mondo»
Infanzia e adolescenza sotto osservazione per 6 giorni e a 360 gradi. Il Presidente della Società di Pediatria: «Una festa per ricordare quanto sia importante fare rete per poter vincere le sfide»
SIMPE aderisce a FIARPED (Federazione Italiana delle Associazioni e delle Società Scientifiche dell’Area Pediatrica)
La Giunta della Federazione Italiana delle Associazioni e delle Società Scientifiche dell’Area Pediatrica (FIARPED) ha approvato la richiesta della SIMPE di adesione alla federazione. «Tale richiesta – precisa il Presidente Nazionale SIMPE Giuseppe Melenasce –  nasce dalla coerenza e coincidenza di finalità e scopi istituzionali tra la nostra Società e quanto presente nello Statuto della […]
Pediatria, all’ospedale Mugello in Toscana inaugurato percorso ad hoc per piccoli pazienti
Attivo il “Percorso Pediatrico” all’Ospedale del Mugello in Toscana, un nuovo servizio rivolto ai piccoli pazienti che giunti in ospedale avranno un iter dedicato a loro. A guidare i genitori nel nuovo percorso, oltre al personale, anche delle piccole orme gialle che segnano la strada fino all’ambulatorio dedicato ai piccoli. «Il Percorso Pediatrico risponde alle […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...