Salute 10 luglio 2017

Linguaggio e disabilità, Spadari (Presidente ODG Lazio): «Necessario sforzo comune per combattere pregiudizi»

Migliorare la realtà scegliendo le parole più idonee per descrivere il mondo. L’invito ai giornalisti: «Il linguaggio può denunciare una carenza o un errore di applicazione di un concetto importante. Spesso le parole sono sintomo di una malattia più generale»

«Le parole sono importanti!», urlava Nanni Moretti nel film “Palombella Rossa” ad una povera giornalista colpevole, a suo dire, di rivolgersi a lui con termini non adeguati alla situazione (un’intervista, ovviamente). Tanto più se ad usare un linguaggio non preciso e troppo convenzionale sono quelle persone che, come il personaggio di quel film (che si prende pure due schiaffoni), fa parte di quella cerchia di persone che delle parole ne hanno fatto una professione e, dunque, dovrebbero saperle usare in maniera più che appropriata. Purtroppo, però, non sempre è così, e spesso una parola sbagliata può generare errori di comprensione e pregiudizi evitabili. Ne è convinta Paola Spadari, Presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio intervistata in occasione della  presentazione della “Carta deontologica delle PRM (person with reduced mobility)” promossa dall’associazione FIABA ONLUS.

Presidente Spadari, quanto influiscono il linguaggio e le parole nel creare un pregiudizio che può diventare una condanna?

«Il linguaggio è fondamentale ed è il sintomo spesso di una malattia più generale. Quindi il linguaggio può denunciare una carenza oppure un errore di applicazione di un concetto importante. La disabilità attiene a una sfera importantissima della società che va tutelata nell’ambito dei diritti della persona e dei diritti umani. Noi dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio abbiamo fatto uno sforzo proprio sul problema del linguaggio e nella lotta contro i pregiudizi. In particolare, abbiamo fatto un lavoro importante sugli stereotipi di genere. Su come tutto quello che viene enunciato nella narrazione, ad esempio, della sfera femminile, spesso nasconde un problema culturale, un problema che non è solo deontologico ma sociale. Il modo di raccontare la realtà e certi fenomeni così delicati è un sintomo importante ed è tra i cardini della nostra professione».

Quanto è importante, dal suo punto di vista, che realtà che rappresentano la comunicazione e il giornalismo diventino apripista, siano portabandiera del riconoscimento di queste caratteristiche, di questi elementi, per dare un’informazione corretta?

«L’informazione è un bene comune. Appartiene a tutti e non a qualcuno in particolare. Per questo, tutto ciò che contribuisce all’avanzamento del sociale, della percezione del sociale rispetto a certi temi e nel modo con cui si raccontano certe realtà particolari della nostra quotidianità giornalistica e della vita di tutti i giorni, ha una grande rilevanza. Anche le organizzazioni, incluse ovviamente quelle di settore, possono dare una grossa mano a fare avanzare questo processo».

Articoli correlati
Governo M5S-Lega, i punti del programma sanità: lotta agli sprechi, assunzioni e potenziamento dei medici di famiglia. Ma sui vaccini ancora non c’è accordo
Dopo giorni di confronto è stato varato un primo testo messo a punto dalle delegazioni dei due partiti. Prioritaria la difesa del Sistema sanitario nazionale: i dirigenti medici saranno formati «per garantire la sostenibilità e la qualità del sistema e scelti secondo la competenza e il merito, non sulla base di logiche politiche o partitiche». Previsto anche un Ministero della Disabilità
Giornata nazionale mal di testa, OMS: «Tra le dieci cause al mondo di disabilità»
“Dai una spallata al tuo dolore”. È questo il tema della Giornata nazionale del mal di testa 2018, dedicata a tutti i pazienti che soffrono di una delle tante forme di cefalea, che si terrà il prossimo sabato 19 maggio in tutta Italia. Inserita dall’OMS fra le prime 10 cause al mondo di disabilità, il mal […]
Fiaba Onlus consegna il Premio Giornalistico “Angelo Maria Palmieri”
Giovedì 24 Maggio, alle ore 16,30, nella sala convegni dell’ex Arssa ad Avezzano, si terrà la cerimonia di premiazione della 7^ edizione del Premio nazionale di giornalismo “Angelo Maria Palmieri”. Interverranno il presidente FIABA Giuseppe Trieste, il presidente dell’associazione culturale “Angelo Maria Palmieri” Giuliana Marrocco, il presidente dell’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo Stefano Pallotta, il giornalista […]
Protocollo d’intesa tutela disabilità oncologica INPS-REGIONE-IFO
Oggi, presso Palazzo Wedekind a Roma (piazza Colonna, 366) alle ore 12:30, si terrà la conferenza stampa di presentazione e firma del protocollo sperimentale di intesa finalizzato alla tutela della disabilità da patologie oncologiche. Il protocollo permetterà di semplificare l’iter sanitario per il riconoscimento delle prestazioni assistenziali di invalidità e di handicap alle quali hanno diritto i malati […]
Exposanità Bologna, Giusy Versace: «L’accesso alle tecnologie non deve essere un lusso per pochi»
La neo eletta parlamentare Giusy Versace oggi ad Exposanità, manifestazione in corso a Bolognafiere fino a sabato 21 aprile. La campionessa paralimpica ha visitato il salone Horus dedicato a riabilitazione, ortopedia e disabilità e si è a lungo fermata a parlare con operatori, espositori e visitatori della manifestazione in corso. «A Exposanità ci sono tante cose interessanti […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout

«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla...
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche