Salute 18 maggio 2016

Labbro leporino, ogni anno 165mila casi. Corso FAD porta l’eccellenza italiana nel mondo

Grazie alla collaborazione tra “Emergenza Sorrisi” e “Sanità in-Formazione” gli operatori sanitari potranno imparare a prevenire e trattare la malformazione

Ogni anno più di 165mila bambini nascono con malformazioni del volto come labioschisi e labio-palatoschisi, comunemente conosciute come labbro leporino. La maggior parte di loro, vivendo in realtà disagiate, non ha accesso alle cure. I medici volontari della Onlus “Emergenza Sorrisi” raggiungono questi Paesi per dare il soccorso e le cure mediche necessarie per guarire questi bambini dalla malformazione.

E sono oltre 3mila i bambini che, dal 2007, hanno ritrovato il sorriso grazie ai 369 medici e infermieri volontari che hanno portato il loro aiuto in decine e decine di Paesi nel mondo.

L’esperienza e le competenze maturate da “Emergenza Sorrisi” sono ora a disposizione di tutti gli operatori sanitari con una serie di cinque corsi FAD (formazione a distanza) realizzati dal provider accreditato Age.Na.S. Sanità in-Formazione, in collaborazione con Consulcesi e curati dal fondatore e presidente della Onlus, dottor Fabio Massimo Abenavoli, Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva e Chirurgia Maxillo-Facciale. “Aspetti funzionali estetici ricostruttivi della chirurgia del labbro” è il titolo del primo dei cinque corsi, ed è disponibile gratuitamente dal 15 aprile. Sanità informazione ne ha parlato proprio con il dottor Abenavoli.

“Emergenza Sorrisi” è un progetto che fonda le sue radici nella grande esperienza e passione del suo fondatore e presidente, cioé Lei, dottor Abenavoli. Ci può raccontare da dove siete partiti e l’importanza del percorso fatto finora?
«La nostra organizzazione è partita nel 2007. Siamo andati a dare il nostro aiuto in tanti luoghi diversi, come Africa e Medioriente, portando l’impegno dei nostri volontari che gratuitamente offrono le proprie elevate competenze di operatori sanitari e un bagaglio incredibile di umanità per ridare un sorriso ai bambini e alle loro famiglie. Il nostro percorso però va al di là del semplice aspetto sanitario. Il nostro è un percorso umano, in cui riceviamo tantissimo dai bambini e da quei sorrisi che riusciamo a recuperare attraverso complessi interventi su labbro e palato. Con il tempo abbiamo comunque ampliato il nostro raggio d’azione, trattando anche bambini con ustioni e con traumi da evento bellico. Operiamo spesso in Iraq, in Afghanistan, e anche in Pakistan, dove ci sono continui attacchi alla popolazione civile. Ci occupiamo anche di quello che è un altro problema importantissimo, ovvero la cecità legata alla cataratta congenita, che se non viene trattata porta ad un difetto perenne nella vista di questi bambini».

“Aspetti funzionali estetici ricostitutivi della chirurgia del labbro” è il titolo di un nuovo corso per medici, realizzato grazie alla collaborazione con il provider Sanità in-Formazione. Lo scopo di questo corso è condividere il know-how di “Emergenza Sorrisi” a livello internazionale, approfittando delle opportunità fornite dal web.
«Per noi si tratta di un percorso praticamente obbligato. Abbiamo maturato un’incredibile esperienza in tutti questi anni, e ogni volta che ci rechiamo in questi Paesi, troviamo tantissimi medici del luogo che, lavorando con noi da tantissimo tempo, hanno acquisito una grandissima professionalità e le capacità necessarie a trattare questo genere di casi. Partendo dunque dalla nostra esperienza abbiamo pensato di realizzare, insieme ad un provider importante come Sanità in-Formazione, dei corsi in Formazione a Distanza. Ma questo è solo il primo di una serie lunga di corsi del genere, che porteranno gli operatori sanitari ad accrescere la propria consapevolezza e la propria conoscenza, sia dal punto di vista teorico che da quello tecnico, di quella che è una patologia non frequentissima nei nostri contesti, ma di certo molto presente».

Il web e le nuove tecnologie si dimostrano dunque di fondamentale importanza per diffondere le migliori procedure per trattare questo genere di patologie.
«Esatto. Il web è un mezzo che, nonostante a volte si dimostri pericoloso per certi versi, se ben utilizzato è un sistema ottimo per diffondere cultura e informazione. Il corso è finalizzato a studiare e valutare i vari aspetti degli interventi sul labbro, sia per quanto riguarda la patologia collegata alle labioschisi, sia per quanto riguarda anche alcuni aspetti della chirurgia ricostruttiva e della medicina estetica. È quindi un corso a 360 gradi che offrirà ai medici e agli infermieri che saranno interessati a seguirlo un approfondimento e una conoscenza completa di quelle che sono le più recenti tecniche di approccio al labbro».

Articoli correlati
ECM, cosa cambia con il nuovo regolamento. Bevere (Agenas): «Formazione arma per le sfide del futuro»
Meno burocrazia e semplificazione all’insegna di controllo e trasparenza maggiori. In questa prospettiva, il nuovo provvedimento che organizza tutte le norme Ecm. Francesco Bevere, Direttore Agenas: «Rimuovere gli ostacoli di ordine economico, sociale e geografico che limitano la formazione». Riccardo Cassi, Presidente Cimo: «L’esigenza di una norma che ordinasse il sistema era avvertita da tutte le categorie»
Vissani, svolta “salutista” e le sue ricette diventano ECM
Insegnare a combinare sapore e benessere a tavola. Questo l'obiettivo del corso ECM dedicato ai medici che «devono imparare a proporre ai propri pazienti un modo alternativo per combinare gli ingredienti» spiega la responsabile scientifica, la dottoressa Serena Missori che affianca il maestro Vissani. La nutrizionista lancia l'allarme: celiaci in aumento in Italia, +15% in soli due anni mentre 8 adulti su 10 risultano intolleranti al lattosio
ECM, camici bianchi in ritardo: ecco i rischi. De Franco (CoGeAPS): «Probabile stop concorsi e assunzioni»
Formazione professionale, scade il triennio e un’alta percentuale di medici non è in regola con gli obblighi formativi. Dal CoGeAPS il monito: «Per chi non è in regola ci saranno problemi per partecipare ai concorsi e per lavorare in strutture sanitarie accreditate»
ECM, cosa cambia dal 2017. Bovenga: «Ecco dossier formativo e bonus per i virtuosi»
Il 31 dicembre scade il triennio formativo, tante le novità in programma. Il presidente del CoGeAPS: «Superati i numeri di un tempo ma si può ancora migliorare. Per i più bravi possibilità di riduzioni e bonus»
ECM, no all’assunzione e carriera bloccata per chi non si mette in regola
Tutti i chiarimenti: certificazione ECM requisito anche per impiego nel privato e in enti pubblici. Il triennio formativo sta per terminare e sono tanti i medici ancora in ritardo. Stella (OMCeO Varese): «Formazione a macchia di leopardo, solo il 40-43% dei medici ha completato appieno il proprio percorso». Orlandi (Chimici): «Aggiornarsi per la salute della collettività»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...