Salute 7 aprile 2015

La scure dei tagli sulle Regioni: 2,5miliardi in meno per la sanità

Mannaia su beni e servizi, prestazioni specialistiche e riabilitative oltre che sulla farmaceutica. Salteranno anche molti primari

Immagine articolo

La vera “passione” della sanità italiana comincia dopo Pasqua. Dalla Conferenza Stato-Regioni arriverà infatti nei prossimi giorni il via libera alla manovra da 2,5 miliardi imposta dalla Legge di Stabilità.

Una serie di riunioni tecniche, intensificatesi alla vigilia delle festività, hanno già permesso di pianificare le misure o meglio i sacrifici che ricadranno interamente sulle spalle delle Regioni. Il governo dovrà solo impacchettarle in un decreto legge da varare a breve. Ai governatori il compito di stringere la cinghia da qui a quel che resta di un anno di lacrime e sangue. Complessivamente le Regioni dovranno rinunciare a 2 miliardi mentre quelle a statuto speciale a 352 milioni, ma va considerato che gli investimenti per l’edilizia ospedaliera sono stati già ridotti di 285 milioni.

Come si rastrellerà questa cifra? La parte più corposa della cura dimagrante riguarderà beni e servizi: la ricontrattazione dei contratti di fornitura in essere dovrà rendere ben 1,4 miliardi grazie anche alle sforbiciate su dispositivi medici, prestazioni specialistiche e riabilitative. Un’altra fetta sostanziosa arriverà dalla farmaceutica, che dovrà produrre complessivamente un risparmio di 545 milioni: 200 grazie all’anticipazione del nuovo prontuario per eliminare i medicinali “doppione”, altri 35 dalla ricontrattazione del prezzo dei medicinali biotecnologici e 310 milioni dalla riduzione del livello di finanziamento sui livelli di spesa programmati per il settore. Per centrare l’obiettivo sarà necessario anche sacrificare le prestazioni specialistiche e di riabilitazione, contenendo i costi di 195 milioni.

Dovranno poi chiudere le cliniche con meno di 40 letti (escluse le monospecialistiche), a meno che non si aggreghino, superando almeno la soglia degli 80 posti: questo comporterà un contenimento della spesa di ulteriori 10 milioni. Non si salveranno neppure gli ospedali; chiudendo reparti e posti letto sottoutilizzati si eliminerà dal conto poco meno di 70 milioni. Questa operazione costerà il posto a diversi primari, come già previsto dal Patto per la salute, firmato lo scorso anno da governo e Regioni e ora recepito da un regolamento ministeriale sulla rete ospedaliera appena varato. Giro di vite anche sulle tariffe rimborsate agli ospedali per i ricoveri inappropriati e per le giornate di degenza che superano la durata prevista: nel primo caso il taglio sarà del 50% e nel secondo si salirà fino al 60%.

Sul tavolo anche nuove misure per la governance del sistema sanitario e una spinta decisiva all’introduzione di modifiche normative sulla responsabilità civile e penale al fine di favorire l’appropriatezza prescrittiva e limitare gli effetti della medicina difensiva, autentica piaga del SSN con un costo annuo di oltre 10 miliardi, come di recente sottolineato dal report del Ministero della Salute, che ha anche costituito una Commissione ad hoc sul tema.

Articoli correlati
ESCLUSIVA ǀ Luci e ombre del SSN. Ecco il “piano”della Fondazione Gimbe. Cartabellotta: «Rimodulare i Lea»
«Dal Governo tante iniziative importanti, ma manca un piano preciso di salvataggio condizionato dalla limitata capacità della politica di guardare a medio-lungo termine» lo dichiara ai nostri microfoni Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione Gimbe, che traccia un bilancio sulla sostenibilità del Sistema Nazionale con un occhio di riguardo ai giovani e alla formazione ECM: «Servono più sistemi premiali»
SSN: è possibile ‘fare economia’ senza tagliare servizi? «La soluzione è l’HTA» l’intervista al Presidente Cicchetti (Sihta)
Risorse pubbliche e tecnologie sanitarie sul piatto della bilancia: se ne parla al 10° Congresso della Società italiana di Health Technology Assessment international. «Un confronto indispensabile in un momento in cui il Def ci apre gli occhi sulla situazione finanziaria del nostro Paese» ai nostri microfoni Americo Cicchetti, Presidente Sihta
Robot in corsia: il Careggi già in pista. La tecnologia ruberà lavoro ai medici? L’intervista al Direttore dell’AOU di Firenze
Sempre più ospedali tecnologicamente virtuosi si dotano di macchinari all’avanguardia che sostituiscono l’operato dell’uomo. Saranno spazzati via milioni di posti di lavoro? La risposta di Monica Calamai, Direttore Generale dell’Ospedale Careggi di Firenze...
Ascoltare il medico fa risparmiare: l’aderenza terapeutica conviene al paziente ma anche al sistema
Quasi la metà della popolazione italiana non segue le terapie consigliate dal medico. «L’obiettivo del sistema è curare meglio e spendere meno, in Italia su questo fronte ci sono ampi margini di miglioramento» l’intervista a Luca Degli Esposti, economista e Presidente di Clicon Health economics & outcome research
Riforma Madia, novità in chiaroscuro per i medici: salva la retribuzione individuale di anzianità?
Approvata in Consiglio dei Ministri la riforma al testo unico del Pubblico Impiego. Voci contrastanti dai sindacati che erano scesi in piazza. Cosmed: «Scongiurato il sequestro di risorse contrattuali vigenti». Ma le altre sigle: «Non basta modifica dell’ultim’ora»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

Enpam: «Pronti da subito a pagare pensioni in cumulo. Ora il problema sono i tempi»

Prime reazioni alla pubblicazione della circolare Inps che dà operatività al cumulo contributivo gratuito. «Resta il problema di quando queste pensioni saranno pagate» precisa la Fondazione