Salute 7 aprile 2015

La scure dei tagli sulle Regioni: 2,5miliardi in meno per la sanità

Mannaia su beni e servizi, prestazioni specialistiche e riabilitative oltre che sulla farmaceutica. Salteranno anche molti primari

Immagine articolo

La vera “passione” della sanità italiana comincia dopo Pasqua. Dalla Conferenza Stato-Regioni arriverà infatti nei prossimi giorni il via libera alla manovra da 2,5 miliardi imposta dalla Legge di Stabilità.

Una serie di riunioni tecniche, intensificatesi alla vigilia delle festività, hanno già permesso di pianificare le misure o meglio i sacrifici che ricadranno interamente sulle spalle delle Regioni. Il governo dovrà solo impacchettarle in un decreto legge da varare a breve. Ai governatori il compito di stringere la cinghia da qui a quel che resta di un anno di lacrime e sangue. Complessivamente le Regioni dovranno rinunciare a 2 miliardi mentre quelle a statuto speciale a 352 milioni, ma va considerato che gli investimenti per l’edilizia ospedaliera sono stati già ridotti di 285 milioni.

Come si rastrellerà questa cifra? La parte più corposa della cura dimagrante riguarderà beni e servizi: la ricontrattazione dei contratti di fornitura in essere dovrà rendere ben 1,4 miliardi grazie anche alle sforbiciate su dispositivi medici, prestazioni specialistiche e riabilitative. Un’altra fetta sostanziosa arriverà dalla farmaceutica, che dovrà produrre complessivamente un risparmio di 545 milioni: 200 grazie all’anticipazione del nuovo prontuario per eliminare i medicinali “doppione”, altri 35 dalla ricontrattazione del prezzo dei medicinali biotecnologici e 310 milioni dalla riduzione del livello di finanziamento sui livelli di spesa programmati per il settore. Per centrare l’obiettivo sarà necessario anche sacrificare le prestazioni specialistiche e di riabilitazione, contenendo i costi di 195 milioni.

Dovranno poi chiudere le cliniche con meno di 40 letti (escluse le monospecialistiche), a meno che non si aggreghino, superando almeno la soglia degli 80 posti: questo comporterà un contenimento della spesa di ulteriori 10 milioni. Non si salveranno neppure gli ospedali; chiudendo reparti e posti letto sottoutilizzati si eliminerà dal conto poco meno di 70 milioni. Questa operazione costerà il posto a diversi primari, come già previsto dal Patto per la salute, firmato lo scorso anno da governo e Regioni e ora recepito da un regolamento ministeriale sulla rete ospedaliera appena varato. Giro di vite anche sulle tariffe rimborsate agli ospedali per i ricoveri inappropriati e per le giornate di degenza che superano la durata prevista: nel primo caso il taglio sarà del 50% e nel secondo si salirà fino al 60%.

Sul tavolo anche nuove misure per la governance del sistema sanitario e una spinta decisiva all’introduzione di modifiche normative sulla responsabilità civile e penale al fine di favorire l’appropriatezza prescrittiva e limitare gli effetti della medicina difensiva, autentica piaga del SSN con un costo annuo di oltre 10 miliardi, come di recente sottolineato dal report del Ministero della Salute, che ha anche costituito una Commissione ad hoc sul tema.

Articoli correlati
Sanità, Rizzotti (Forza Italia): «Rivedere Ssn senza ideologie. Lotta ad anoressia e bulimia tra le mie priorità»
Sui disturbi alimentari impegno di lungo corso della senatrice forzista che auspica una «legge condivisa». Poi chiede che si torni sul tema della terapia del dolore e delle cure palliative: «Serve relazione per capire impatto della legge»
Consiglio Fnomceo, Anelli convoca Stati generali professione medica: «Coinvolgiamo società civile e decidiamo il nostro destino»
Il presidente denuncia le disuguaglianze nella salute tra nord e sud: «Come medico non posso accettare che un milione e duecentomila italiani abbiano rinunciato a una terapia o a un esame diagnostico perché non potevano permetterselo». Nel suo discorso un passaggio contro la violenza agli operatori sanitari e contro il ‘gender gap’ che penalizza ancora le colleghe donne
Congresso infermieri, Pulimeno (Opi Roma): «Impegniamoci a rendere il Ssn sostenibile o rischiamo di affossarlo»
«Sta a noi – sottolinea la presidente dell’Ordine di Roma - dimostrare la capacità non solo di tessere relazioni ma anche di mantenerle. Siamo pronti a prendere le nostre responsabilità»  
AIOP: crisi SSN? Il privato è una delle soluzioni «ma abbiamo bisogno del supporto di politica e istituzioni»
«La sanità privata produce all’incirca un quarto delle prestazioni ospedalieri e specialistiche, vogliamo lavorare di più e dare un concreto aiuto al Paese, il decreto legislativo 95 ostacola e indebolisce» così il Presidente Nazionale Aiop Gabriele Pelissero
Lavra (OMCeO Roma): «Universalità e solidarietà principi cardine del SSN italiano, Cina e USA vengono a imparare da noi»
«Il Welfare sanitario europeo è il migliore, tuttavia in Italia per risolvere molti problemi servirebbe anche il supporto della sanità integrativa». Questa la strada da seguire secondo Giuseppe Lavra, Presidente OMCeO Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...