Salute 7 aprile 2015

La scure dei tagli sulle Regioni: 2,5miliardi in meno per la sanità

Mannaia su beni e servizi, prestazioni specialistiche e riabilitative oltre che sulla farmaceutica. Salteranno anche molti primari

Immagine articolo

La vera “passione” della sanità italiana comincia dopo Pasqua. Dalla Conferenza Stato-Regioni arriverà infatti nei prossimi giorni il via libera alla manovra da 2,5 miliardi imposta dalla Legge di Stabilità.

Una serie di riunioni tecniche, intensificatesi alla vigilia delle festività, hanno già permesso di pianificare le misure o meglio i sacrifici che ricadranno interamente sulle spalle delle Regioni. Il governo dovrà solo impacchettarle in un decreto legge da varare a breve. Ai governatori il compito di stringere la cinghia da qui a quel che resta di un anno di lacrime e sangue. Complessivamente le Regioni dovranno rinunciare a 2 miliardi mentre quelle a statuto speciale a 352 milioni, ma va considerato che gli investimenti per l’edilizia ospedaliera sono stati già ridotti di 285 milioni.

Come si rastrellerà questa cifra? La parte più corposa della cura dimagrante riguarderà beni e servizi: la ricontrattazione dei contratti di fornitura in essere dovrà rendere ben 1,4 miliardi grazie anche alle sforbiciate su dispositivi medici, prestazioni specialistiche e riabilitative. Un’altra fetta sostanziosa arriverà dalla farmaceutica, che dovrà produrre complessivamente un risparmio di 545 milioni: 200 grazie all’anticipazione del nuovo prontuario per eliminare i medicinali “doppione”, altri 35 dalla ricontrattazione del prezzo dei medicinali biotecnologici e 310 milioni dalla riduzione del livello di finanziamento sui livelli di spesa programmati per il settore. Per centrare l’obiettivo sarà necessario anche sacrificare le prestazioni specialistiche e di riabilitazione, contenendo i costi di 195 milioni.

Dovranno poi chiudere le cliniche con meno di 40 letti (escluse le monospecialistiche), a meno che non si aggreghino, superando almeno la soglia degli 80 posti: questo comporterà un contenimento della spesa di ulteriori 10 milioni. Non si salveranno neppure gli ospedali; chiudendo reparti e posti letto sottoutilizzati si eliminerà dal conto poco meno di 70 milioni. Questa operazione costerà il posto a diversi primari, come già previsto dal Patto per la salute, firmato lo scorso anno da governo e Regioni e ora recepito da un regolamento ministeriale sulla rete ospedaliera appena varato. Giro di vite anche sulle tariffe rimborsate agli ospedali per i ricoveri inappropriati e per le giornate di degenza che superano la durata prevista: nel primo caso il taglio sarà del 50% e nel secondo si salirà fino al 60%.

Sul tavolo anche nuove misure per la governance del sistema sanitario e una spinta decisiva all’introduzione di modifiche normative sulla responsabilità civile e penale al fine di favorire l’appropriatezza prescrittiva e limitare gli effetti della medicina difensiva, autentica piaga del SSN con un costo annuo di oltre 10 miliardi, come di recente sottolineato dal report del Ministero della Salute, che ha anche costituito una Commissione ad hoc sul tema.

Articoli correlati
Nuovo governo, Parente (Cattolica-Sigm): «Le sfide più importanti? Lotta alle diseguaglianze e copertura universale garantita per tutti»
«Nessun cittadino deve restare risposte alla necessità di assistenza, in questo pubblico e privato devono stringere alleanza» così Paolo Parente, medico di Sanità pubblica dell’Università Cattolica di Roma
AIOP Lazio, Faroni confermata alla presidenza fino al 2021: «Sanità privata sia interlocutore importante dello Stato»
Alla vicepresidenza l’ex numero uno dell’AIOP Calabria Massimo Miraglia. La neurologa è a capo del Gruppo Ini (Istituto neurotraumatologico italiano), presente con 10 strutture accreditate con il Ssn nel Lazio e in Abruzzo
Aiop, ospedalità privata e sanità pluralista: l’indagine dell’Associazione presentata all’Assemblea Nazionale
Dal 24 al 26 maggio in programma la 54° Assemblea Nazionale dell'Associazione Ospedalità Privata in cui, insieme alle nomine dei vertici nazionali e del Presidente di Aiop Giovani, si discuterà dei nuovi scenari di domanda e spesa sanitaria in parallelo all'offerta e al finanziamento pubblico e privato della sanità
Governo, l’allarme di Federico Gelli (Pd): «Con flat tax a rischio finanziamento Sistema sanitario»
Il responsabile Sanità dem all’attacco delle riforme economiche del futuro governo M5S-Lega: «In tutti i Paesi in cui è stata adottata l’aliquota unica, tranne la Russia, ha portato ad una riduzione delle entrate per lo Stato. Così a rischio Ssn»
Sanità, Rizzotti (Forza Italia): «Rivedere Ssn senza ideologie. Lotta ad anoressia e bulimia tra le mie priorità»
Sui disturbi alimentari impegno di lungo corso della senatrice forzista che auspica una «legge condivisa». Poi chiede che si torni sul tema della terapia del dolore e delle cure palliative: «Serve relazione per capire impatto della legge»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Leucemia infantile, tra le cause anche la mancata esposizione ai microbi. La ricerca pubblicata su Nature

Il Professor Greaves, autore dello studio: «L’incidenza della leucemia linfoblastica acuta infantile è maggiore nei Paesi sviluppati, non a causa di onde elettromagnetiche o agenti chimici, ma deg...