Salute 10 marzo 2015

La musica della solidarietà suona per il disagio mentale

Il concerto di Villa Letizia regala una serata di emozioni con “l’abbraccio” di istituzioni e personaggi dello spettacolo agli ospiti della comunità di recupero

Immagine articolo

Una serata vibrante di emozioni sulle note della solidarietà. Il concerto che ha chiuso la prima edizione della “Giornata del Dono” è riuscito a cogliere nel segno proprio come si proponeva l’iniziativa benefica di venerdì scorso.

L’obiettivo era infatti quello di trasmettere e diffondere lo spirito costruttivo con cui opera l’associazione Letizia Onlus, che ha promosso l’evento insieme all’Università Europea presso l’auditorium dell’Università Pontificia Regina Apostolorum di Roma. Il risultato è stato il pieno coinvolgimento del pubblico grazie all’entusiasmo che sono stato in grado di trasmettere ai numerosi presenti i ragazzi dell’associazione. La Onlus lavora, infatti, sul disagio mentale. Un compito delicato e difficile, ma portato avanti con grande professionalità, impegno e abnegazione dallo staff diretto dal dottor Santo Rullo, medico psichiatra, direttore della Comunità Terapeutica Riabilitativa.

E portare sul palcoscenico uno spettacolo di questo genere è stata un’impresa per certi versi anche coraggiosa, ma rivelatasi importantissima per accendere i riflettori sul tema, trovando la mano tesa delle istituzioni e delle tante personalità dello spettacolo e dello sport (tra questi Lillo del popolare duo comico che comprende anche Greg, l’attore Paolo Calabresi e il regista Volfango De Blasi) che con la loro presenza hanno contribuito a rendere ancora più speciale l’evento. Gli organizzatori, insieme ai ragazzi protagonisti del concerto, hanno apprezzato quella vicinanza mostrata, sottolineando quanto il sapere di non essere soli, avere il supporto del mondo esterno alla comunità rappresenti una maniera indispensabile per rendere più completo il percorso di recupero cui ci deve sottoporre.

Particolarmente significativa una delle testimonianze del toccante video proiettato al termine della manifestazione. Cristiano, ex ospite ed ora volontario del centro, ha lanciato un messaggio apparentemente molto semplice, ma di grande impatto: “Ragazzi fate attenzione: ci vuole un attimo a sbagliare, ma una vita per recuperare”. Lui, fortunatamente, è riuscito a farlo prima ed anzi è riuscito a reinserirsi nel mondo del lavoro, creando una piccola impresa per lavori e manutenzioni in cui sta dando una nuova possibilità proprio ai ragazzi in cura presso la Letizia Onlus. Davvero un “gran finale” per un concerto che per l’ottima riuscita – realmente in tutti i sensi – di questa prima edizione, ha già prenotato il bis per il prossimo anno. 

Articoli correlati
Bambini disabili: lo sport giusto fa bene. Ma lo deve prescrivere il medico: dal tennis al nuoto, ecco i consigli
L’attività fisica è un elemento fondamentale nella crescita ed evoluzione psicofisica dei giovani. Bambini e adolescenti affetti da malattie croniche e disabilità non devono fare eccezione. I consigli dello specialista esperto per la scelta delle attività più indicate nelle differenti situazioni patologiche
Migranti e salute, le indicazioni del SIMM. Marceca: «Puntare su formazione personale e corretta comunicazione»
Il Presidente della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni spiega ai nostri microfoni quali sono i benefici di un corretto approccio al processo migratorio: «Gli operatori sanitari devono essere addestrati adeguatamente ad affrontare qualsiasi situazione». E aggiunge: «La capacità di curare gruppi di popolazione più vulnerabili fa crescere anche la qualità dei servizi forniti agli “autoctoni”»
Velocità e precisione: all’Ifo di Roma arriva Cyberknife, il robot che rivoluziona la radiochirurgia
Precisione, salvaguardia dei tessuti sani, minore invasività, riduzione degli effetti collaterali e del dolore. Sono questi i benefici di CyberKnife rispetto alle procedure di radioterapia tradizionali. Giuseppe Sanguineti, Direttore di Radioterapia oncologica dell’Ifo, lo definisce una vera rivoluzione e descrive le peculiarità e le funzionalità ai microfoni di Sanità Informazione
Autocertificazione malattia, Giansante (Medicina Fiscale): «Un errore, solo il medico può capire reale entità problema»
Il Vicepresidente ANMEFI (Associazione Nazionale Medici di Medicina Fiscale) commenta ai nostri microfoni la proposta di legge firmata dal Senatore Romani che ipotizza la possibilità per i lavoratori di autogiustificare i primi tre giorni di assenza per malattia dal lavoro
La Giunta regionale stanzia 34 milioni di euro per progetti di alta specializzazione
La Giunta regionale dell’Emilia Romagna ha deciso di destinare 34 milioni di euro alle Aziende sanitarie e all’Istituto Ortopedico Rizzoli per finanziare funzioni specifiche all’interno dei tre “macro livelli” dell’assistenza: ospedaliera, territoriale, sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro. L’ortopedia ad elevata complessità, la cardiologiapediatrica, la cura della talassemia, la chirurgia della mano […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...