Salute 9 ottobre 2017

La ginecologia a confronto: Aogoi, Sigo e Agui in Congresso. L’obiettivo è la buona pratica medica

Dall’8 all’11 ottobre il Congresso delle Associazioni Ostetrici e Ginecologi riunite per affrontare temi fondamentali per la categoria: dalla gestione clinica e strumentale del paziente, alla diagnosi, dai rapporti con le istituzioni alle assicurazioni fino agli aspetti medico legali della professione e molto altro…

Immagine articolo

Una donna che taglia un immaginario traguardo rappresenta il risultato di un corretto approccio al suo problema di salute attraverso una buona pratica clinica. L’indirizzo dell’Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani (AOGOI) è quello di affrontare e discutere in maniera completa e multidisciplinare la gestione dei casi a basso rischio che, paradossalmente, sono quelli maggiormente ricchi di incognite e sorprese. Questo non deve meravigliare poiché l’attenzione si è sempre incentrata sulla gestione del caso complesso.

Quello di cui non si parla quasi mai è la corretta individuazione del caso a basso rischio, della sua gestione fino alla risoluzione del problema e di essere pronti a trattare l’urgenza inaspettata che può comparire anche in questi casi.  Il Congresso in programma dall’8 all’11 ottobre all’Ergife Palace Hotel di Roma, affronta differenti aspetti, la gestione clinica e strumentale di una paziente a basso rischio, la diagnosi dell’anomalia, la sua correzione, i rischi impliciti, le complicanze, le problematiche difensive del proprio operato.

Quindi tutta la parte centrale del Congresso sarà costruita, orizzontalmente, attraverso queste tre sezioni in continuazione logica fra loro. Ci saranno aree separate nelle quali discutere di argomenti in ambito ostetrico e ginecologico, sezioni nelle quali saranno discussi i rapporti con le istituzioni, le assicurazioni, gli aspetti medico legali. Come sempre ampio spazio ai relatori giovani delegando i loro maestri a funzioni di coordinamento delle discussioni.

«Sono grata agli organizzatori di questo annuale appuntamento scientifico per l’alto valore che ha nel formare, informare ed aggiornare gli operatori di settore – così il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin nel suo messaggio in occasione del Congresso nazionale Aogoi pubblicato sul numero speciale GynecoAogoi – ma anche perché apre un momento di confronto con l’istituzione che io rappresento per un dialogo finalizzato a migliorare le strategie di sanità pubblica e tutelare non solo i cittadini ma anche i professionisti che costantemente si mettono in gioco in ogni momento della loro attività professionale».

PER CONSULTARE IL PROGRAMMA

Articoli correlati
Roma, il Lazio aderisce alla settimana di prevenzione gratuita per le donne
La Regione Lazio aderisce alla settimana di prevenzione promossa da Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna, offrendo servizi clinici, diagnostici e informativi gratuiti a tutte le donne dal 16 al 22 aprile. L’iniziativa, riguarderà queste 15 aree specialistiche: diabetologia dietologia e nutrizione endocrinologia geriatria ginecologia e ostetricia malattie e disturbi dell’apparato cardio-vascolare malattie metaboliche dell’osso (osteoporosi) medicina della […]
8 marzo, una giornata dedicata alla salute delle donne. Visite gratuite in tutt’Italia
L’Osservatorio Onda, in occasione della Festa della Donna che si celebra l’8 marzo, promuove un (H)Open day dedicato alla ginecologia. I 200 ospedali del nuovo network Bollini Rosa aderenti all’iniziativa offriranno gratuitamente a tutte le donne consulenze e colloqui, esami strumentali, conferenze, info point e distribuzione di materiali divulgativi. Obiettivo della giornata sarà migliorare la consapevolezza […]
Infertilità: in 4 donne su 5 è colpa dell’età. A 40 anni  la probabilità di gravidanza scende al 5%
Nuovo minimo storico per le nascite che hanno toccato il picco del -2% rispetto al 2016 con solo 464mila nuovi nati. Ѐquanto rileva l’Istat nel suo bilancio demografico 2017. La popolazione residente al 1 gennaio 2018 scende a 60 milioni 494mila. Sempre più spesso, però l’assenza di gravidanze non è una scelta, ma una conseguenza.  Di questo […]
Donne ed Ictus: attenzione a pillola anticoncezionale, fumo ed emicrania
Il 55% delle morti delle donne, in Europa, è causato da cardiopatia ischemica e ictus. Dopo gli 80 anni, le donne colpite da ictus sono il 20% in più rispetto agli uomini. Ma alcune specifiche condizioni rendono il rischio molto più elevato anche nelle fasce di età più giovani. Dal punto di vista epidemiologico, ogni […]
Modena, nasce il progetto “MonnaLisa Care” per le donne in menopausa indotta
Il progetto “MonnaLisa Care”, sostenuto dalla Onlus Associazione Angela Serra per la Ricerca sul Cancro, dall’equipe del prof. Giovanni Tazzioli del Percorso Senologico del Policlinico di Modena e dal dottor Ezio Bergamini (Segretario Regionale AOGOI Emilia Romagna) nasce con uno scopo bel preciso: riportare un po’ di serenità nella vita delle donne che stanno lottando […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout

«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla...
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche