Salute 30 dicembre 2016

Incubo influenza, ecco perché quest’anno è molto più aggressiva. Cricelli (SIMG): «Vaccini per bambini e adulti»

Un’epidemia in crescita con mezzo milione di italiani a letto. Il Presidente della Società Italiana Medicina Generale e Cure Primarie: «Non sottovalutare virus, a metà gennaio il picco massimo»

L’influenza anticipa il picco. La curva dell’epidemia quest’anno sale più velocemente rispetto al passato e il picco massimo si attende tra metà gennaio e inizio febbraio. Un dicembre secco e un inizio gennaio dalle temperature rigide, hanno favorito la diffusione del contagio che, oltre ad essere più aggressivo rispetto al solito, attualmente, secondo i dati diffusi dall’Istituto Superiore di Sanità, costringe a letto mezzo milione di italiani. Sul tema interviene Claudio Cricelli, Presidente della Società Italiana di Medicina Generale e Cure Primarie (SIMG) che ci spiega quali sono le caratteristiche del virus e come agire per prevenirlo.

Quali sono quest’anno le caratteristiche dell’influenza e quando raggiungeremo il picco massimo?

«Stiamo osservando l’andamento dell’epidemia, che in una fase iniziale rispecchiava il percorso consueto ma nelle ultime settimane ha avuto un’impennata. I numeri di casi registrati per settimana sono decisamente aumentati. Il picco è in anticipo rispetto agli anni passati e probabilmente avremo un maggior numero di casi. Inoltre stiamo tirando le somme anche della campagna vaccinale che è determinante per definire quante persone si ammaleranno. Stimiamo che probabilmente a metà gennaio raggiungeremo l’apice della parabola e sarà un picco superiore a quello ipotizzato».

Per quanto riguarda il vaccino anti-influenzale a chi è raccomandato? È necessario solo per le categorie a rischio?

«In realtà, nessuno sa esattamente chi si ammala d’influenza, ma studiando la casistica nel dettaglio risulta evidente che ad ammalarsi di più sono i bambini e i giovani. Gli anziani si ammalano poco perché sono vaccinati, invece la popolazione giovanile è fortemente colpita. Dunque, chi si deve vaccinare di più? Quelli che si ammalano di più. È consuetudine che si scambia la gratuità del vaccino erogato dal Servizio sanitario nazionale che per gli over 65, con il fatto che non sia utile per tutti. Noi dovremmo fare una vaccinazione intensiva per tutte le fasce di età. Infatti il vaccino impedisce l’effetto ‘cloud’, cioè il contagio intenso e aggressivo nei momenti di picco massimo. Anche la categoria dei medici dovrebbe vaccinarsi. I professionisti sanitari infatti sono i principali untori di influenza essendo sempre a contatto con la popolazione. Ribadisco che è importante usufruire della vaccinazione anti-influenzale al di là della gratuità fornita dal Servizio sanitario nazionale».

In Europa si parla insistentemente di influenza aviaria. Arriverà anche in Italia?

«L’influenza aviaria è una malattia. Il virus responsabile dell’influenza, o meglio i ceppi virali responsabili dell’influenza aviaria, ormai sono stabilmente presenti nel mondo e non c’è nessuna possibilità che scompaiano. I virus sono una specie di ‘nuvola’ che pervade il mondo e si sposta dove trova ospiti. Gli ospiti a loro volta diffondono la malattia. Dunque che ci sia un ciclico ritorno del virus dell’aviaria è assolutamente inevitabile, sta a noi mettere in atto tutte quelle procedura che ne impediscono la riacutizzazione e quindi la diffusione in forme sia leggere che più gravi».

Per un ulteriore approfondimento: Aviaria, a New York primo caso di trasmissione da gatto a uomo

Articoli correlati
Scuole specializzazione, SIGM e CNAS lanciano twittmob per modifiche al concorso nazionale
Nella giornata odierna il Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi (CNAS) col supporto dell’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) ha lanciato un tweetmob finalizzato a richiedere e ottenere una semplificazione organizzativa, nonché delle modifiche urgenti, delle modalità selezione per l’accesso alle Scuole di Specializzazione in Medicina. Gli hashtag #SSM17 #ConcorsoNazionale2017 sono risultati in testa ai “trend topic” in […]
Lo sport come strumento d’inclusione. Di Giusto (Coach Italbasket paralimpica): «Ecco come ce l’ho fatta»
«Negli anni ‘50 e ‘60 i diversamente abili erano considerati “corpi estranei”, adesso c’è più apertura», lo racconta Carlo Di Giusto, atleta paralimpico, allenatore della Nazionale italiana di Basket in carrozzina
Paura dei vaccini? La ricerca: è colpa del web. «Ecco come le bufale partono dai social e Google le amplifica»
Lucio Corsaro, Direttore Generale MediPragma: «Internet influenza l’opinione pubblica, ecco perché a differenza del passato, oggi i vaccini vengono percepiti con diffidenza». Dal “Bambin Gesù” arriva la guida contro i falsi miti delle vaccinazioni
Radiazione del medico anti vaccini? “Udienza” all’OMCeO Milano: parla il Presidente Roberto Carlo Rossi
Convocato il medico 'no-vax' e un suo collega con posizioni simili. Il presidente dell’Ordine: «Sul caso specifico non posso esprimermi, ma quando un medico dice che i vaccini generano l’autismo fa un danno rilevante. Puntare su formazione»
Vaccini, in dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano. Niente scuola senza coperture: gli obblighi Regione per Regione
In dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano Vaccini per rendere obbligatorie tutte le coperture. Molte le Regioni che si sono già mosse, ecco la mappa degli obblighi da nord a sud…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...