Salute 23 settembre 2014

Il “Jet Set” della sanità europea a Milano

Le telecamere di Sanità Informazione all’atteso summit: protagonisti tutti i ministri della Salute della Ue e le grandi organizzazioni internazionali in ambito sanitario

Immagine articolo

Parterre de roi al MiCo di Milano dove tra ieri e oggi si sono riuniti tutti i ministri della Salute dei Paesi che fanno parte dell’Unione europea. L’incontro – esteso anche ad Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera e alle grandi Organizzazioni internazionali operanti nel settore sanitario come Ocse ed OMS – è una appuntamento classico che ogni Presidenza del Consiglio dell’Unione organizza durante il proprio semestre.

Toccati i temi più rilevanti del momento in ambito medico con particolare attenzione alle azioni che l’Ue sta mettendo in campo per contrastare l’epidemia causata dal virus Ebola.

Presenti i principali protagonisti della sanità internazionale, tra cui, padrona di casa dell’evento, il ministro della Salute Beatrice Lorenzin che, dopo essere intervenuta sul tema delle cure palliative e della terapia del dolore – definiti prioritari nell’agenda dei lavori  con l’obiettivo di eliminare le disparità di applicazione tra gli Stati dell’Unione – e sull’impiego di farmaci oppioidi in quest’ambito, ha affrontato la questione attualmente più scottante: l’emergenza Ebola.

Un miliardo di dollari: questa la cifra che l’ONU dovrà stanziare per gestire l’emergenza Ebola

“La situazione in Africa occidentale è molto critica, non solo dal punto di vista epidemiologico ma anche umanitario. L’OMS ha pronosticato 20mila nuovi casi in sei mesi, a meno che non si riesca intervenire con decisione, ed ha preventivato un miliardo di dollari alle Nazioni Unite per gestire entrambe le emergenze – sanitaria e umanitaria. Verrà coinvolto anche l’Esercito, e si cercherà di realizzare un vero e proprio sistema sanitario, la cui assenza – nei Paesi interessati – è stata la principale causa dello scoppio dell’epidemia. L’Europa ha già stanziato 150 milioni di euro, e anche l’Italia sta cooperando attivamente sul territorio per raggiungere l’obiettivo di 3000 posti letto in più. Ma, oltre al contagio, dobbiamo pensare al piano di evacuazione e recupero per le migliaia di operatori che verranno inviati, e ad apposite strutture di ricovero. A livello preventivo stiamo rendendo più stringente il controllo agli aeroporti e gli accertamenti nei confronti delle persone provenienti dai Paesi interessati”.

Un altro punto caldo, su cui è necessaria una riflessione a livello internazionale, è quello delle nuove tecnologie in Sanità…
“Qui l’Europa deve fare un salto di qualità, ed è stata questa la proposta partita dall’Italia. Le nuove scoperte hanno portato alla prima vera rivoluzione in medicina degli ultimi 15 anni, una rivoluzione già in atto a tutti gli effetti. Le sfide da affrontare riguardano il modo in cui reggere i costi – altissimi – di questa innovazione, che renderà necessaria un’alleanza tra investitori, pazienti e Stati membri. In secondo luogo, continuare ad attrarre investimenti sulla ricerca, intervenendo sul rapporto tra i finanziatori e gli Stati. Infine, incentivare l’innovazione e renderla accessibile: la discussione sul tema, affrontata oggi a livello europeo, costituirà la base delle prossime direttive”.

Articoli correlati
Migranti e salute, le indicazioni del SIMM. Marceca: «Puntare su formazione personale e corretta comunicazione con i cittadini»
Il Presidente della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni spiega ai nostri microfoni quali sono i benefici di un corretto approccio al processo migratorio: «Gli operatori sanitari devono essere addestrati adeguatamente ad affrontare qualsiasi situazione». E aggiunge: «La capacità di curare gruppi di popolazione più vulnerabili fa crescere anche la qualità dei servizi forniti agli “autoctoni”»
Velocità e precisione: all’Ifo di Roma arriva Cyberknife, il robot che rivoluziona la radiochirurgia
Precisione, salvaguardia dei tessuti sani, minore invasività, riduzione degli effetti collaterali e del dolore. Sono questi i benefici di CyberKnife rispetto alle procedure di radioterapia tradizionali. Giuseppe Sanguineti, Direttore di Radioterapia oncologica dell’Ifo, lo definisce una vera rivoluzione e descrive le peculiarità e le funzionalità ai microfoni di Sanità Informazione
Autocertificazione malattia, Giansante (Medicina Fiscale): «Un errore, solo il medico può capire reale entità problema»
Il Vicepresidente ANMEFI (Associazione Nazionale Medici di Medicina Fiscale) commenta ai nostri microfoni la proposta di legge firmata dal Senatore Romani che ipotizza la possibilità per i lavoratori di autogiustificare i primi tre giorni di assenza per malattia dal lavoro
La Giunta regionale stanzia 34 milioni di euro per progetti di alta specializzazione
La Giunta regionale dell’Emilia Romagna ha deciso di destinare 34 milioni di euro alle Aziende sanitarie e all’Istituto Ortopedico Rizzoli per finanziare funzioni specifiche all’interno dei tre “macro livelli” dell’assistenza: ospedaliera, territoriale, sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro. L’ortopedia ad elevata complessità, la cardiologiapediatrica, la cura della talassemia, la chirurgia della mano […]
Premio “Innova S@lute2017”: prorogata al 10 agosto la scadenza
A seguito delle numerose richieste, è stata prorogata al 10 agosto la scadenza per partecipare al “Premio Innova S@lute2017”, l’iniziativa di FPA promossa con il supporto incondizionato di Teva Italia all’interno del Forum dell’innovazione per la salute e finalizzata a raccogliere i migliori progetti in grado di dare risposte concrete a crescenti bisogni di salute. […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...