Salute 3 febbraio 2015

Giro di vite su tagli e ticket, meno sprechi per tutelare le fasce deboli

Intervista al senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri, membro della Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama

Immagine articolo

In vista dell’approvazione dei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, si scaldano gli animi su quante e quali prestazioni saranno a carico del Ssn o viceversa dei cittadini.

Alla luce dei ventilati tagli al fondo sanitario nazionale il problema principale riguarda l’intera sostenibilità del sistema, la cui diatriba sui ticket è solo la punta dell’iceberg. Il nostro giornale ha sentito, sul tema, il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri, membro della 12° Commissione Igiene e Sanità.

La questione dei ticket sta animando il dibattito, che risulta particolarmente acceso anche in seguito alla sua recente interrogazione.
E’ in realtà un dibattito che non riguarda solo il ticket ma l’intero ambito della sanità, dalle fonti di finanziamento alla necessità che il nostro Sistema sanitario – che è uno dei migliori al mondo – regga alle sfide del tempo e superi la crisi economica. Dal momento che il nostro Ssn è basato sui principi di universalità, solidarietà ed equità, non vorremmo che i tagli fatti dal governo sul Fondo sanitario nazionale, finiscano, attraverso il sistema di compartecipazione, per essere pagati dai cittadini. Il sistema di compartecipazione in sé è giusto, ma deve essere improntato a principi di proporzionalità. Ci sono sempre più cittadini costretti a rinunciare alle cure perché non possono pagare il ticket. Il Parlamento dev’essere coinvolto e deve potersi esprimere sul tema, per questo ho interrogato il ministro della Salute e il ministro dell’Economia chiedendo loro di riferire in Commissione Sanità le loro intenzioni in tal senso.

La priorità è quindi tutelare le fasce più deboli, e conseguire quel tanto agognato risparmio di spesa estirpando le mele marce.
Non possiamo chiedere che i cittadini paghino senza prima impegnarci in una seria repressione delle frodi e  degli sprechi. Poi potremo eventualmente pensare ad una compartecipazione che segua il principio della progressione del reddito, valutando l’esenzione per tutti coloro che versano in difficoltà. Maggiormente rilevante è la posizione delle fasce di reddito più basse insieme ai profili più esposti al rischio: gli anziani, i bambini, i disabili, i portatori di patologie croniche e di malattie rare, che rappresentano la porzione più vulnerabile della nostra società. Alle ipotesi di nuovi oneri a carico dei cittadini reagiremo in modo netto e determinato. Le forbici non devono tagliare i diritti, ma gli sperperi, le inefficienze e la corruzione.

Tags

Articoli correlati
Bambini disabili: lo sport giusto fa bene. Ma lo deve prescrivere il medico: dal tennis al nuoto, ecco i consigli
L’attività fisica è un elemento fondamentale nella crescita ed evoluzione psicofisica dei giovani. Bambini e adolescenti affetti da malattie croniche e disabilità non devono fare eccezione. I consigli dello specialista esperto per la scelta delle attività più indicate nelle differenti situazioni patologiche
Migranti e salute, le indicazioni del SIMM. Marceca: «Puntare su formazione personale e corretta comunicazione»
Il Presidente della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni spiega ai nostri microfoni quali sono i benefici di un corretto approccio al processo migratorio: «Gli operatori sanitari devono essere addestrati adeguatamente ad affrontare qualsiasi situazione». E aggiunge: «La capacità di curare gruppi di popolazione più vulnerabili fa crescere anche la qualità dei servizi forniti agli “autoctoni”»
Velocità e precisione: all’Ifo di Roma arriva Cyberknife, il robot che rivoluziona la radiochirurgia
Precisione, salvaguardia dei tessuti sani, minore invasività, riduzione degli effetti collaterali e del dolore. Sono questi i benefici di CyberKnife rispetto alle procedure di radioterapia tradizionali. Giuseppe Sanguineti, Direttore di Radioterapia oncologica dell’Ifo, lo definisce una vera rivoluzione e descrive le peculiarità e le funzionalità ai microfoni di Sanità Informazione
Autocertificazione malattia, Giansante (Medicina Fiscale): «Un errore, solo il medico può capire reale entità problema»
Il Vicepresidente ANMEFI (Associazione Nazionale Medici di Medicina Fiscale) commenta ai nostri microfoni la proposta di legge firmata dal Senatore Romani che ipotizza la possibilità per i lavoratori di autogiustificare i primi tre giorni di assenza per malattia dal lavoro
La Giunta regionale stanzia 34 milioni di euro per progetti di alta specializzazione
La Giunta regionale dell’Emilia Romagna ha deciso di destinare 34 milioni di euro alle Aziende sanitarie e all’Istituto Ortopedico Rizzoli per finanziare funzioni specifiche all’interno dei tre “macro livelli” dell’assistenza: ospedaliera, territoriale, sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro. L’ortopedia ad elevata complessità, la cardiologiapediatrica, la cura della talassemia, la chirurgia della mano […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...