Salute 5 novembre 2017

G7, l’appello del tavolo ovale: «Tuteliamo la salute delle donne perché è da loro che dipende benessere globale»

Partito il vertice mondiale sulla salute: ministri a confronto per trovare una soluzione ‘one health’ per un sistema assistenziale globale e inclusivo

di Serena Santi inviata al G7 Milano
Immagine articolo

«Sostenibilità e sistemi sanitari sempre più evoluti: ecco le nuove sfide per garantire l’accesso alle terapie a tutti i cittadini di oggi e ai cittadini di domani» lo ha dichiarato il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin aprendo il tavolo di confronto con i ministri degli altri paesi del mondo in occasione del G7 Salute che si sta svolgendo in queste ore a Milano.

«Questa importante occasione vuole essere un incontro da cui possano scaturire delle linee guida, degli approcci pragmatici da seguire – ha sottolineato il Ministro italiano – si tratta di raggiungere un approccio one health, sistemi assistenziali integrati in tutto il mondo che possano contribuire a creare un ambiente sano e vivibile per gli esseri umani e anche per gli animali».

Ma quali sono gli obiettivi che il vertice vuole raggiungere?  «Un confronto sulle soluzioni per incentivare uno sviluppo sostenibile – ha spiegato la Lorenzin – inoltre si parlerà di buona salute e benessere, con un occhio di riguardo a come ridurre le diseguaglianze e le preclusioni, ci sarà un confronto su come rendere i nostri sistemi sanitari equi e inclusivi per poter affrontare e vincere le sfide a cui sono sottoposte le società dal punto di vista demografico e dal punto di vista delle malattie di ritorno. Non meno importante l’immigrazione: ci confronteremo anche su questa emergenza che si lega strettamente alla salute globale».

«Altro tema fondamentale – ha proseguito –  su cui dibattere: la salute della donna vista con un duplice occhio: ricerca e scienza per progredire con scoperte e innovazioni nel settore medico, ma anche lotta alle violenze e progressi nella nutrizione. In particolare  nell’ambito della nutrizione la donna ha un ruolo chiave: infatti le donne allattano, nutrono i figli, li vaccinano, sono la porta per arrivare a sensibilizzare la famiglia, la comunità e quindi la società».

Articoli correlati
Policlinico di Milano: trapiantato un rene da donatore anonimo
Un gesto di solidarietà estremo, il terzo in questo ospedale milanese. Donare un organo a una persona che non si conosce, con la quale non si hanno legami affettivi e non si condivide nulla è davvero un’azione nobile e rarissima. Per questo, viene definita “donazione samaritana”. Al Policlinico di Milano, è arrivato un rene “anonimo” che […]
Lorenzin, l’ultima intervista da Ministro (forse): «Situazione politica drammatica. Il mio futuro? Due cose sono certe…»
In occasione di “Farma & Friends”, la serata di beneficienza organizzata da Federfarma Roma, quella che con ogni probabilità è l’ultima uscita della Lorenzin in qualità di titolare del Dicastero alla Salute
Cardiochirurghi e cardiologi in sinergia contro le malattie valvolari all’Istituto Clinico Sant’Ambrogio di Milano
Ѐ stata presentata la seconda edizione del Corso universitario di perfezionamento in Cardiochirurgia e Cardiologia strutturale dell’Istituto Clinico Sant’Ambrogio alla presenza dell’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera. Lo scopo del Corso è costruire una metodologia congiunta che tragga ispirazione dalla medicina personalizzata: è questo che punta a rinnovare la sinergia tra gli specialisti […]
Milano, primo impianto di retina artificiale all’Ospedale San Raffaele
Impiantare una retina artificiale in una donna non vedente. Un’operazione delicata e molto complessa, già effettuata solo in due centri europei e su pochissimi pazienti. Il grande obiettivo è stato è stato raggiunto, per la prima volta anche in Italia, dagli specialisti in chirurgia vitreoretinica e oftalmoplastica dell’Unita’ di Oculistica dell’Irccs Ospedale San Raffaele di Milano, diretta dal professor […]
Raggi a Lorenzin: «A scuola anche i bimbi non vaccinati»
Rispettare la continuità didattica ed educativa. Con questa motivazione, l’assemblea capitolina ha approvato nei giorni scorsi la mozione con cui la sindaca Virginia Raggi propone di far restare a scuola i bambini da 0 a 6 anni iscritti all’asilo nido e alla scuola dell’infanzia regolarmente ma non ancora vaccinati. Immediata la risposta contraria della ministra della salute Beatrice Lorenzin […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Salute

Stop alla Cannabis Light? Ma l’Italia punta su quella terapeutica

Efficace nel trattamento di un grande numero di patologie, la cannabis terapeutica si sta ritagliando un ruolo fondamentale nel mondo sanitario. Negli ultimi anni la domanda è impennata ma l’obiett...