Salute 13 febbraio 2017

Fumo: perdere il vizio con la sigaretta elettronica? Ecco le soluzioni più innovative…

L’e-cig può essere un valido aiuto per smettere di fumare. In Italia cresce l’utilizzo di prodotti a rischio ridotto e negli ultimi mesi a dominare il mercato è IQOS di Philip Morris

Passare dalla sigaretta tradizionale a quella elettronica è un grosso beneficio per la salute. A dirlo è uno studio scientifico inglese pubblicato sulla rivista Annals of Internal Medicine. Gli esperti hanno monitorato le abitudini di 180 fumatori per un anno e mezzo e hanno evidenziato che il graduale passaggio dalla sigaretta tradizionale a quella elettronica, ha ridotto sensibilmente l’introduzione di tossine e sostanze cancerogene nell’organismo.

Precedente a questo studio e degna di nota, la ricerca condotta dal team dell’Università degli Studi di Catania, pubblicata di recente sulla prestigiosa rivista scientifica Discovery Medicine. Nell’analisi i ricercatori hanno messo sotto osservazione lo stato di salute di 18 pazienti con asma lieve e moderato che hanno interrotto l’utilizzo di sigarette ordinarie per passare a quelle elettroniche. Bene, la valutazione progressiva di 16 di questi pazienti, ha dimostrato rilevanti progressi dei sintomi respiratori.

La e-cig si è diffusa in Europa nei primi anni del 2000, da allora progressivamente il suo utilizzo si è cominciato a consolidare offrendo una valida alternativa al fumo tradizionale. In Italia in particolar modo, negli ultimi anni, l’uso di questo dispositivo elettronico si è incrementato arrivando ad oggi a risultati significativi.

Nel nostro Paese coloro che utilizzano l’e-cig sono infatti passati dall’1,1 per cento della popolazione del 2015 al 3,9 per cento del 2016. Da segnalare che, di questi, otto su dieci fumano sia sigarette ordinarie che elettroniche, mentre tra gli utilizzatori esclusivi di e-cig, che corrispondo al 18,4 per cento, fanno parte sia ex fumatori che si sono voluti allontanare dal fumo tradizionale (7,7 per cento) sia persone che hanno esclusivamente usufruito della sigaretta elettronica (10,7).

La richiesta è alta ed è per questa ragione che ad oggi la scelta di sigarette elettroniche è piuttosto ampia. Tuttavia non tutte le gamme proposte dal mercato sono uguali. Ne esistono di vario tipo, da quelle usa e getta a quelle con le cartucce sostituibili, dal vapore caldo al vapore freddo. Essenzialmente il funzionamento è uguale per tutte, l’e-cig vaporizza un liquido aromatico grazie all’utilizzo di una resistenza alimentata con corrente elettrica. Dunque fumando, anzi “svampando” che è il termine più conforme, si inala vapore profumato al posto del fumo generato dalla combustione del tabacco delle sigarette tradizionali.

A uscire dagli schemi, nato di recente, è un prodotto innovativo che si differenzia dagli altri per alcune caratteristiche. Si chiama IQOS ed è un dispositivo hi-tech, prodotto dalla Philip Morris, che abolisce il processo di combustione. Ma l’innovazione che diversifica IQOS dagli altri, è che nelle ricariche non è presente liquido, ma tabacco. Il sapore e la percezione del tabacco rimangono e si concentrano nel vapore che si disperde velocemente.

Per approfondire:

«Smetto di fumare» il proposito più disatteso del 2017 Un aiuto? Parla l’oncologo: «Puntare su prodotti a rischio ridotto»

Philip Morris, Peitsch: «La sigaretta che non brucia riduce del 90% i danni alla salute»

Articoli correlati
Asma e BPCO: controlli gratuiti in tutta Italia
Respiro corto, tosse, affaticamento e continui risvegli notturni. Sono questi i disturbi che accomunano l’asma e la Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO), due importanti malattie respiratorie croniche protagoniste della seconda edizione della “Control’ASMA&BPCOweek”, la campagna di consulenze specialistiche gratuite che dal 21 al 25 maggio 2018 offrirà l’opportunità ai circa 8 milioni di italiani che soffrono […]
Alcohol Prevention Day, Emanuele Scafato (ISS): «Prima causa di morte e disabilità fino ai 24 anni»
Nove milioni i consumatori a rischio tra cui minorenni e anziani. Messaggio di Walter Ricciardi: «Il consumo eccessivo di alcol è un comportamento a rischio, soprattutto tra i giovanissimi. Urgente rilanciare la prevenzione ed educare agli stili di vita corretti, ne va della sostenibilità del nostro Ssn»
Italia sempre più anziana: aumentano Alzheimer, Parkinson e sclerosi multipla. I risultati del 18° Congresso Nazionale della SIRN
La popolazione italiana ha una elevata longevità: la speranza di vita alla nascita è di 80,3 anni per gli uomini e 84,9 per le donne, superiore alla media europea, che è di 77,9 e 83,3. In Italia si registra anche la percentuale più alta di popolazione anziana, ovvero gli over 65: il 21,7% della popolazione […]
Reggio Calabria, alto rischio cardiocircolatorio per donne
Il 6 e 7 aprile 2018 a Reggio Calabria – Lungomare Facolmatà nei pressi della Stazione Lido – fa tappa l’ambulatorio mobile di “Prevenzione Possibile. La salute al femminile”. Tutte le donne potranno fare una visita gratuita con un medico per la valutazione preliminare del rischio cardiovascolare e la misurazione della densità ossea tramite misurazione […]
Psoriasi, Clara De Simone (Dermatologa): «Non è solo malattia della pelle, può nascondere altro»
«Le malattie della pelle non hanno implicazioni solo di tipo estetico: possono essere la spia di altre problematiche ed impattano notevolmente sulla qualità di vita di chi ne soffre». L’intervista alla professoressa Clara De Simone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...
Lavoro

Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»

Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»