Salute 13 febbraio 2017

Fumo: perdere il vizio con la sigaretta elettronica? Ecco le soluzioni più innovative…

L’e-cig può essere un valido aiuto per smettere di fumare. In Italia cresce l’utilizzo di prodotti a rischio ridotto e negli ultimi mesi a dominare il mercato è IQOS di Philip Morris

Passare dalla sigaretta tradizionale a quella elettronica è un grosso beneficio per la salute. A dirlo è uno studio scientifico inglese pubblicato sulla rivista Annals of Internal Medicine. Gli esperti hanno monitorato le abitudini di 180 fumatori per un anno e mezzo e hanno evidenziato che il graduale passaggio dalla sigaretta tradizionale a quella elettronica, ha ridotto sensibilmente l’introduzione di tossine e sostanze cancerogene nell’organismo.

Precedente a questo studio e degna di nota, la ricerca condotta dal team dell’Università degli Studi di Catania, pubblicata di recente sulla prestigiosa rivista scientifica Discovery Medicine. Nell’analisi i ricercatori hanno messo sotto osservazione lo stato di salute di 18 pazienti con asma lieve e moderato che hanno interrotto l’utilizzo di sigarette ordinarie per passare a quelle elettroniche. Bene, la valutazione progressiva di 16 di questi pazienti, ha dimostrato rilevanti progressi dei sintomi respiratori.

La e-cig si è diffusa in Europa nei primi anni del 2000, da allora progressivamente il suo utilizzo si è cominciato a consolidare offrendo una valida alternativa al fumo tradizionale. In Italia in particolar modo, negli ultimi anni, l’uso di questo dispositivo elettronico si è incrementato arrivando ad oggi a risultati significativi.

Nel nostro Paese coloro che utilizzano l’e-cig sono infatti passati dall’1,1 per cento della popolazione del 2015 al 3,9 per cento del 2016. Da segnalare che, di questi, otto su dieci fumano sia sigarette ordinarie che elettroniche, mentre tra gli utilizzatori esclusivi di e-cig, che corrispondo al 18,4 per cento, fanno parte sia ex fumatori che si sono voluti allontanare dal fumo tradizionale (7,7 per cento) sia persone che hanno esclusivamente usufruito della sigaretta elettronica (10,7).

La richiesta è alta ed è per questa ragione che ad oggi la scelta di sigarette elettroniche è piuttosto ampia. Tuttavia non tutte le gamme proposte dal mercato sono uguali. Ne esistono di vario tipo, da quelle usa e getta a quelle con le cartucce sostituibili, dal vapore caldo al vapore freddo. Essenzialmente il funzionamento è uguale per tutte, l’e-cig vaporizza un liquido aromatico grazie all’utilizzo di una resistenza alimentata con corrente elettrica. Dunque fumando, anzi “svampando” che è il termine più conforme, si inala vapore profumato al posto del fumo generato dalla combustione del tabacco delle sigarette tradizionali.

A uscire dagli schemi, nato di recente, è un prodotto innovativo che si differenzia dagli altri per alcune caratteristiche. Si chiama IQOS ed è un dispositivo hi-tech, prodotto dalla Philip Morris, che abolisce il processo di combustione. Ma l’innovazione che diversifica IQOS dagli altri, è che nelle ricariche non è presente liquido, ma tabacco. Il sapore e la percezione del tabacco rimangono e si concentrano nel vapore che si disperde velocemente.

Per approfondire:

«Smetto di fumare» il proposito più disatteso del 2017 Un aiuto? Parla l’oncologo: «Puntare su prodotti a rischio ridotto»

Philip Morris, Peitsch: «La sigaretta che non brucia riduce del 90% i danni alla salute»

Articoli correlati
Fumo e prodotti a potenziale rischio ridotto, Barba (PMI): «Giusto regolamentare settore per disincentivare uso sigarette»
La Vicepresidente Regulatory Affairs di Philip Morris International ai nostri microfoni spiega come l’Italia abbia «capito l’importanza delle alternative non combustibili, regolamentandole dal 2014: fondamentale continuare su questa strada e informare correttamente i fumatori»
di Cesare Buquicchio – Inviato a Varsavia (Polonia)
«La sigaretta fa male ma i fumatori non smettono. Necessario puntare su prodotti alternativi»
Konstantinos Farsalinos, cardiologo e ricercatore del Gatshuisbergdi Leuven, Belgio, espone ai nostri microfoni i risultati di uno studio in cui sono state comparate le diverse modalità di fumo: «Grande differenza di tossine tra prodotti come IQOS e sigarette tradizionali»
Gilchrist (PMI): «Oltre il 70% dei fumatori tradizionali si converte a prodotti a potenziale rischio ridotto»
Il punto sui dati e le ricerche di Philip Morris International su iQOS, il prodotto a tabacco riscaldato alternativo alla sigaretta tradizionale, presentati al recente Global Forum on Nicotine tenutosi a Varsavia. Moira Gilchrist, Vice Presidente PMI per i prodotti a potenziale rischio ridotto: «Vanno avanti i nostri studi tossicologici e di sistema. Oltre 2 milioni di fumatori hanno completamente abbandonato le sigarette per passare alla nostra alternativa a rischio ridotto»
di Cesare Buquicchio – Inviato a Varsavia (Polonia)
La lotta al fumo passa da ricerca e prodotti a potenziale rischio ridotto. Prof. Polosa: «Eliminare combustione riduce danni del 90%»
Un sottotitolo ambizioso, “Ridurre il danno, salvare vite”, quello del Forum Mondiale sulla Nicotina che si è svolto in questi giorni a Varsavia, in Polonia. Confronto tra scienziati, esperti e aziende. Professor Polosa (Università di Catania e Lega Italiana Anti Fumo): «Prodotti a tabacco riscaldato ed e-cigarette per soppiantare il fumo di sigaretta»
di Cesare Buquicchio – Inviato a Varsavia (Polonia)
Fumare nuoce gravemente… al sesso. I consigli dell’esperto
«L’ossigeno è il carburante del sesso, il fumo rallenta la circolazione e quindi una buona ossigenazione. Una soluzione? Per ridurre molti degli effetti nocivi ci sono prodotti a rischio ridotto» lo spiega Emmanuele A. Jannini, Specialista in endocrinologia, malattie metaboliche e andrologia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...