Salute 18 ottobre 2016

Formazione, accoglienza e solidarietà. Pietro Bartolo: «Con Sanità di Frontiera diamo assistenza e conforto»

L’iniziativa promossa dall’Osservatorio Internazionale della Salute (OIS) vede in prima linea il medico diventato famoso nel mondo dopo il film “Fuocoammare”: «Fondamentale un approccio prima umano e poi sanitario, ma i medici vanno formati al meglio»

«Un mio obiettivo: la formazione dei medici e di coloro che si approcciano all’emergenza». Lo dichiara Pietro Bartolo, il medico lampedusiano coinvolto nel progetto Sanità di Frontiera che guida la formazione dei medici nelle zone colpite dall’emergenza immigrazione. Il progetto, presentato al Ministero della Salute, con il supporto di Consulcesi Onlus, si propone di adottare un sistema sanitario globale che possa essere il punto di partenza per operare in quei territori messi a dura prova dagli sbarchi. Primo concreto risultato sarà l’attivazione di corsi di formazione ECM per tutti i medici, italiani e stranieri.

«Serve più competenza – prosegue Bartolo – ma soprattutto quello a cui io tengo tantissimo è l’approccio prima umano e poi sanitario. Queste persone hanno bisogno prima di tutto di conforto umano. Le realtà da cui arrivano sono atroci e quando sbarcano a Lampedusa il nostro compito deve essere quello di fargli capire che sono arrivati in un paese amico. Questo siamo noi, amici». «lo sono orgoglioso di essere lampedusiano – conclude – ma soprattutto italiano. Lampedusa è Italia e noi siamo da sempre campioni del mondo di accoglienza e di solidarietà».

Ma com’è nata Sanità di Frontiera? Il responsabile scientifico del progetto, Giuseppe Petrella, Ordinario di Chirurgia all’Università Tor Vergata ci racconta che l’iniziativa è una costola di un grande Osservatorio Internazionale della Salute dove «ci sono i più grandi esperti e scienziati a livello non solo italiano ma a livello europeo e dove si cerca di monitorare tutto quello che succede nel mondo della sanità».

Sull’emergenza immigrazione si esprime anche il presidente del Senato Pietro Grasso: «Ogni giorno sentiamo di sbarchi, morti, dispersi, un conteggio che non finisce mai, però dobbiamo riuscire ad andare al di là dei numeri e dei dati, dobbiamo calarci in questa realtà di storie, di persone e di fatti. Mi è capitato di assistere a qualche sbarco, ho notato che nei visi di questi migranti era evidente la fatica, la disperazione, ma anche una luce di speranza. Di questo dobbiamo tenerne conto, sia come istituzioni che come persone».

Articoli correlati
Congresso CIMO a Firenze, il sondaggio tra i medici: «Basta burocrazia, #Liberalaprofessione»
Tra scienza medica e medicina amministrata, una sanità in costante evoluzione tecnologica ma in crisi di valori e di risorse. Questo lo spunto per l’assise del sindacato degli ospedalieri dal 21 al 24 settembre che eleggerà al Gran Hotel Mediterraneo a Firenze anche il nuovo Presidente
Anelli (Omceo Bari): «Per ECM servono qualità, indipendenza e innovazione. Puntare su casi simulati e nuove tecnologie»
Sergio Bovenga (FNOMCeO): «Sempre più il sistema giudiziario e delle assicurazioni porranno la loro attenzione sullo stato di aggiornamento dei professionista eventualmente coinvolto in un contenzioso professionale e farsi trovare impreparati, ovvero non in regola con le norme Ecm, non aiuterà di certo". Un motivo in più per fare formazione e tenersi sempre aggiornati
80° Congresso Nazionale SIMLII, la medicina del lavoro dalla ricerca alla professione
Dibattiti, confronti, corsi di aggiornamento specifici e linee guida su tutte le tematiche inerenti la medicina del lavoro: ecco le tematiche che verranno affrontate durante l'incontro
Bambini disabili: lo sport giusto fa bene. Ma lo deve prescrivere il medico: dal tennis al nuoto, ecco i consigli
L’attività fisica è un elemento fondamentale nella crescita ed evoluzione psicofisica dei giovani. Bambini e adolescenti affetti da malattie croniche e disabilità non devono fare eccezione. I consigli dello specialista esperto per la scelta delle attività più indicate nelle differenti situazioni patologiche
Link Campus University: «Oltre 200 borse di studio per il futuro dei figli dei medici e non solo…»
«Professori insieme a professionisti, la teoria insieme alla pratica: per questo la collaborazione con aziende come Consulcesi è preziosa per un’offerta formativa completa» l’intervista a Cristiana D’Attorre, Direttore della Scuola Post Graduate Link Campus University di Roma che lancia il bando per oltre 200 borse di studio finanziate dall'Inps e dall'Ateneo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...