Salute 18 ottobre 2016

Formazione, accoglienza e solidarietà. Pietro Bartolo: «Con Sanità di Frontiera diamo assistenza e conforto»

L’iniziativa promossa dall’Osservatorio Internazionale della Salute (OIS) vede in prima linea il medico diventato famoso nel mondo dopo il film “Fuocoammare”: «Fondamentale un approccio prima umano e poi sanitario, ma i medici vanno formati al meglio»

«Un mio obiettivo: la formazione dei medici e di coloro che si approcciano all’emergenza». Lo dichiara Pietro Bartolo, il medico lampedusiano coinvolto nel progetto Sanità di Frontiera che guida la formazione dei medici nelle zone colpite dall’emergenza immigrazione. Il progetto, presentato al Ministero della Salute, con il supporto di Consulcesi Onlus, si propone di adottare un sistema sanitario globale che possa essere il punto di partenza per operare in quei territori messi a dura prova dagli sbarchi. Primo concreto risultato sarà l’attivazione di corsi di formazione ECM per tutti i medici, italiani e stranieri.

«Serve più competenza – prosegue Bartolo – ma soprattutto quello a cui io tengo tantissimo è l’approccio prima umano e poi sanitario. Queste persone hanno bisogno prima di tutto di conforto umano. Le realtà da cui arrivano sono atroci e quando sbarcano a Lampedusa il nostro compito deve essere quello di fargli capire che sono arrivati in un paese amico. Questo siamo noi, amici». «lo sono orgoglioso di essere lampedusiano – conclude – ma soprattutto italiano. Lampedusa è Italia e noi siamo da sempre campioni del mondo di accoglienza e di solidarietà».

Ma com’è nata Sanità di Frontiera? Il responsabile scientifico del progetto, Giuseppe Petrella, Ordinario di Chirurgia all’Università Tor Vergata ci racconta che l’iniziativa è una costola di un grande Osservatorio Internazionale della Salute dove «ci sono i più grandi esperti e scienziati a livello non solo italiano ma a livello europeo e dove si cerca di monitorare tutto quello che succede nel mondo della sanità».

Sull’emergenza immigrazione si esprime anche il presidente del Senato Pietro Grasso: «Ogni giorno sentiamo di sbarchi, morti, dispersi, un conteggio che non finisce mai, però dobbiamo riuscire ad andare al di là dei numeri e dei dati, dobbiamo calarci in questa realtà di storie, di persone e di fatti. Mi è capitato di assistere a qualche sbarco, ho notato che nei visi di questi migranti era evidente la fatica, la disperazione, ma anche una luce di speranza. Di questo dobbiamo tenerne conto, sia come istituzioni che come persone».

Articoli correlati
Più di 37mila non sono in regola con l’obbligo vaccinale
Secondo quanto stabilito dalla nuova legge sui vaccini, il termine ultimo per presentare a scuola i certificati vaccinali o l’autocertificazione era il 31 ottobre scorso. Come si legge sul sito della Regione Lombardia, a due settimane dalla scadenza sono più di 37mila bambini e ragazzi – dai 6 fino ai 16 anni – che non […]
Torino, Molinette: 7 trapianti rene in 48 ore
Record alle Molinette di Torino, dove sono stati effettuati 7 trapianti di rene in sole 48 ore, uno dei quali da donatore vivente – un uomo di 70 anni ha ricevuto l’organo dalla moglie – e gli altri da donatore deceduto. Numerose le equipe coinvolte: medici, infermieri, ausiliari, personale di laboratorio e autisti che si […]
Regione Lazio: oltre 200mila accessi in ambulatori aperti nel weekend
Da novità di successo a punto di riferimento per la popolazione: gli ambulatori di Medicina Generale operativi durante i weekend e i giorni festivi nel Lazio hanno raggiunto le 200 mila visite. Dal 2014 la Regione Lazio  ha aperto precisamente 29 ambulatori di Medicina Generale: 17 a Roma, 1 a Frosinone (1 a Cassino, 1 a Sora), 1 a Rieti, a […]
“Dormire bene, vivere meglio”, ciclo di incontri a Torino sulla cultura del benessere
    Il 13 novembre nuovo appuntamento gratuito volto a sensibilizzare le persone sull’importanza del vivere bene. Il tema del benessere torna protagonista a Torino grazie al progetto “Dormire bene, vivere meglio” nato dall’incontro fra Torino Taking Care e l’azienda Dorelan che ha come obiettivo quello di garantire a tutti il diritto alla salute, a cominciare dalle buone […]
Istat, per l’Umbria record di longevità: 162 ultra 90enni ogni 10mila abitanti. Il primato alla Liguria
Buone notizie per gli over 60: invecchiare è più semplice se sai come farlo e mantieni il cervello attivo. Il segreto? Imparare in movimento. Lo hanno dimostrato decenni di ricerche nel campo delle neuroscienze che hanno compreso come il cervello sia plastico e continui a creare connessioni per tutta la vita. La sfida era poi capire […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...