Salute 7 marzo 2017

«Da figlio di medico e medico mancato, mi dedico agli altri». Flavio Insinna racconta come si cambia un pezzo di mondo…

«In un paese che taglia la sanità, mio padre era il medico degli ultimi e curava gli invisibili. L’ho visto con i miei occhi leggere, aggiornarsi, formarsi, fino all’ultimo sapendo che la sua era una missione» il conduttore di ‘Affari tuoi’ ci racconta la sua missione…

«Ho paura di un paese che si chiude in se stesso, mio padre mi ha insegnato un’altra storia mi ha insegnato un’altra vita» c’è la passione negli occhi di Flavio Insinna, il conduttore televisivo, che ci racconta il suo ‘dietro le quinte’ «spogliato da ‘paiette e lustrini televisivi’ – per dirla come dice lui – la mia vita è questa, seguire e sostenere chi, in questo mondo, molto spesso si sente invisibile».  «Ma non sono Ghandi – dice strizzando l’occhio – sono solo uno che crede nel coraggio e nella ribellione». Sono proprio così, coraggiosi e ribelli, come li descrive il loro primo sostenitore, iGiovani e Tenaci, della squadra giovanile della SS Lazio Basket in carrozzina. «Audaci, pieni di forza e coraggio» spiega Insinna che ha deciso di accompagnare questi paratleti, nel corso della loro avventura in campo. «Si mettono in gioco, cadono e si rialzano, e chi meglio di loro conosce bene la sensazione di perdere l’equilibrio, ma poi ci si rialza e si combatte». Insinna è l’accompagnatore e testimonial di questi giovanissimi che sulle loro carrozzine sfrecciano «lasciandoti a bocca aperta».

Il conduttore dei ‘pacchi’, la popolare trasmissione di Rai1, racconta che a farlo avvicinare al basket in carrozzina è stato il padre, medico della Fondazione Santa Lucia, scomparso anni fa: «Mio padre mi ha insegnato a fermarmi, a voltarmi e ad aspettare chi rimaneva indietro. Era il medico degli ultimi e in un paese come questo, che taglia la sanità, mio papà curava i disabili, i tossico-dipendenti, i malati di mente. L’ho visto con i mie occhi rivestirsi e uscire alle 10 di sera, non l’ho mai visto curare per telefono. Fino all’ultimo, anche lui malato, l’ho visto leggere, aggiornarsi, formarsi, assistere, dare consigli, fare le ricette, sapendo che era una missione la sua, sapendo che devi stare vicino a chi fa più fatica di te. Altrimenti non è vita. Si fa presto a dire ‘noi’ ma ‘noi’ non lo devi dire, lo devi fare».

«Non sono riuscito a fare il medico come mio papà – prosegue – allora, dove posso, tendo la mano agli altri, ci metto il faccione e la buona volontà, quello che serve che si può, e che si deve fare, trovo sia doveroso». Tecnicamente Insinna è «accompagnatore della squadra – racconta sorridente -. Mi hanno dato anche la giacca ‘Giovani e tenaci’ e sono lì con loro a sostenerli ed aiutarli a cambiare quel pezzettino di mondo per renderlo meglio di com’è».

Insinna confessa che dentro ‘Giovani e tenaci’ c’è un sogno ancora più grande «far arrivare altri ragazzi a giocare con noi, magari se non vogliono fare il campionato possono solo allenarsi, stare con noi e partecipare alle partite, stare in albergo tutti insieme, fermarsi all’autogrill, scherzare e parlare della partita. Poi capita di perdere, ma non è un problema, l’importante è mettersi in gioco».

Disabile, cosa vuol dire questa parola? Lo chiediamo a Flavio che ci racconta un episodio che vale più di qualsiasi definizione: «Mio padre aveva un fratello primario, cardiologo a Palermo che aveva un problema ad una gamba e zoppicava dalla nascita. Papà spesso diceva: ‘eh purtroppo zio Ciccio è zoppo’, ma zoppo che vuol dire? Non vuol dire niente, mio padre lo chiamava così e lo amava alla follia. Quando c’è l’amore non contano le parole, conta quello che fai e quello che hai nel cuore e nella testa».

Articoli correlati
Premiati i #futurigeometri che progettano l’accessibilità
Oltre 170 studenti, provenienti da tutta Italia, hanno affollato la Sala del Tempio di Adriano della Camera di Commercio di Roma che ha ospitato la cerimonia conclusiva della 6^edizione del concorso “I futuri geometri progettano l’accessibilità”, promosso da FIABA Onlus, dal Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati (CNGeGL) e dalla Cassa Italiana Previdenza e Assistenza […]
Assisi si tinge de “i colori della vita” con la Festa in amicizia 2018
Torna l’appuntamento annuale con la Festa in Amicizia, la rassegna di eventi culturali e sociali che animerà, da venerdì 25 a domenica 27 maggio, la città di San Francesco d’Assisi. L’Istituto Serafico ha scelto per quest’anno il tema: “I colori della vita” per una tre giorni ricca di vivaci iniziative ed eventi culturali e sociali. […]
Governo, Giuseppe Conte verso Palazzo Chigi? Il programma sanità: lotta agli sprechi, assunzioni e potenziamento dei medici di famiglia
Dopo giorni di confronto è stato varato il testo definitivo. Prioritaria la difesa del Sistema sanitario nazionale: i dirigenti medici saranno formati «per garantire la sostenibilità e la qualità del sistema e scelti secondo la competenza e il merito, non sulla base di logiche politiche o partitiche». Previsto anche un Ministero della Disabilità. Sui vaccini chiedono «giusto equilibrio tra il diritto all’istruzione e il diritto alla salute»
Giornata nazionale mal di testa, OMS: «Tra le dieci cause al mondo di disabilità»
“Dai una spallata al tuo dolore”. È questo il tema della Giornata nazionale del mal di testa 2018, dedicata a tutti i pazienti che soffrono di una delle tante forme di cefalea, che si terrà il prossimo sabato 19 maggio in tutta Italia. Inserita dall’OMS fra le prime 10 cause al mondo di disabilità, il mal […]
Fiaba Onlus consegna il Premio Giornalistico “Angelo Maria Palmieri”
Giovedì 24 Maggio, alle ore 16,30, nella sala convegni dell’ex Arssa ad Avezzano, si terrà la cerimonia di premiazione della 7^ edizione del Premio nazionale di giornalismo “Angelo Maria Palmieri”. Interverranno il presidente FIABA Giuseppe Trieste, il presidente dell’associazione culturale “Angelo Maria Palmieri” Giuliana Marrocco, il presidente dell’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo Stefano Pallotta, il giornalista […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...