Salute 30 ottobre 2017

Festa del Cinema di Roma in ospedale: proiezioni anche al Policlinico Gemelli

Il 31 ottobre “Terapia di coppia” e il 3 novembre “Mazinger Z Infinity” per i pazienti pediatrici e i loro familiari. Il progetto di MediCinema

Immagine articolo

Per la prima volta, la Festa del Cinema di Roma approda anche in ospedale. Il Policlinico Gemelli di Roma ospita due proiezioni dedicate ai pazienti ricoverati e ai loro familiari: si inizia martedì 31 ottobre alle ore 16.00 con la commedia sentimentale “Terapia di coppia” di Alessio Maria Federici, con Pietro Sermonti, Ambra Angiolini e Sergio Rubini, mentre venerdì 3 novembre, sempre alle 16.00, sarà proiettato “Mazinger Z Infinity”, un film di animazione dedicato ai pazienti pediatrici.

LEGGI ANCHE: MEDICINEMA: AL POLICLINICO GEMELLI SI SPERIMENTA LA “TERAPIA DEL GRANDE SCHERMO”

Da aprile 2016 i degenti del Policlinico Gemelli possono disporre di una vera sala cinema con una programmazione bisettimanale che riporta all’interno dell’ospedale i film in contemporanea a quella delle “normali” sale cittadine: un innovativo strumento di cura che accompagna le terapie tradizionali e si propone di offrire ai degenti un “effetto pausa” e il sollievo di una sensazione di normalità.

LEGGI ANCHE: POLICLINICO GEMELLI, IL CINEMA PER FAR CRESCERE I MEDICI DI DOMANI

«È davvero bello, mi viene da dire naturale e “inevitabile” l’abbinamento del progetto MediCinema e Gemelli con la Festa del Cinema di Roma con la proiezione di due film del programma ufficiale nella nostra sala cinematografica, voluta e realizzata per i degenti del Policlinico – afferma il Direttore generale della Fondazione Policlinico Universitario A.Gemelli Enrico Zampedri -. Dopo l’apprezzamento e il plauso del Ministro Dario Franceschini alla Mostra del Cinema di Venezia, siamo soddisfatti per questo nuovo riconoscimento al nostro progetto di fare cinema in ospedale per i malati: per questo ringraziamo la Festa del Cinema a partire dal Direttore artistico Antonio Monda. Anche questa nostra partecipazione – prosegue Zampedri – è prova di un ospedale che si apre sempre di più al territorio, includendo i degenti del Gemelli, adulti e pediatrici, in una importante manifestazione sociale e culturale, sempre più popolare, della nostra città. È un altro tassello di quel mosaico di umanizzazione delle cure ospedaliere che continuamente perseguiamo».

Il metodo e la gestione del programma è in capo a MediCinema Italia Onlus, che ha promosso contemporaneamente un progetto di ricerca scientifica coordinato dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore in collaborazione con gli ospedali con gli ospedali di altre città dove MediCinema è già presente.

«Siamo molto orgogliosi di partecipare a questo progetto e di poter condividere questa bellissima occasione con i pazienti e i loro famigliari – dichiara Fulvia Salvi, Presidente MediCinema Italia Onlus -. L’esperienza del cinema come veicolo di cura e sollievo, da noi praticata per i pazienti ospedalizzati, ha già dimostrato la valenza dello strumento quale supporto di miglioramento psico-fisico del paziente. Ringrazio davvero tutti gli organizzatori della Festa del Cinema che ogni anno coinvolgono un’intera città, ma che quest’anno daranno anche a chi in questo momento si trova in ospedale, la possibilità di partecipare comunque», conclude.

Articoli correlati
Al Policlinico Gemelli nasce il primo giardino pensile terapeutico d’Italia e la chemio esce dall’ospedale
Dedicato alle pazienti del Dipartimento della Salute della Donna e del Bambino, offre un nuovo modo di curare con e nella natura. All’area dedicata alla chemioterapia, si affiancano percorsi sensoriali e aree di meditazione. Inaugurato inoltre un Centro di Farmacologia Clinica di Genere dedicato alle sperimentazioni cliniche oltre che alla cura delle malattie oncologiche delle donne | GUARDA LE IMMAGINI
Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»
«L'infezione rimane latente in alcuni animali definiti 'serbatoi' e quando l'uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L'intervista al Direttore dell'Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma
Tumore epatico, studio italiano rivela: il microbiota predice chi si può ammalare
Risultati aprono le porte alla possibilità di cure mirate e all’identificazione precoce dei pazienti con cirrosi epatica da fegato grasso a maggior rischio di sviluppare epatocarcinoma. La ricerca è stata condotta dal Policlinico Universitario Agostino Gemelli e Università Cattolica in collaborazione con l’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano
Mese del Cuore, check-up gratuiti in 7 città italiane. Francesco Landi (Gemelli): «La prevenzione significa salute»
L’edizione 2018 della campagna di sensibilizzazione sui principali fattori di rischio cardiovascolare ha già aperto i battenti e proseguirà fino al mese di giugno
di Isabella Faggiano
Al Gemelli nel 2017 oltre 46mila pazienti oncologici, 2mila in più rispetto al 2016. I numeri del Libro Bianco
Un e-book multimediale con filmati, storie e informazioni costantemente aggiornate per rispondere alle domande che si pongono i pazienti oncologici nel percorso quotidiano all'interno del Policlinico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...