Formazione 28 febbraio 2014

FAD e norme applicative: nuove opportunità anche nell’omeopatia

Chiriacò (presidente OMCeO Rieti): “L’antitesi tra medicina ufficiale e non convenzionale è superata. Avanti con scuole ed innovazione”

Immagine articolo

Quello relativo all’omeopatia è un tema ancora piuttosto controverso, tant’è che in Italia non è ancora ben chiaro il quadro normativo entro il quale operano i medici omeopati. Abbiamo chiesto un commento al prof. Dario Chiriacò, specialista in omeopatia, nonché presidente dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Rieti e coordinatore dell’Osservatorio sulle Medicine non Convenzionali della FNOMCeO.

Chiriacò ha cominciato ad interessarsi di omeopatia negli anni ’70, come paziente. Da allora ha seguito diversi corsi incentrati su questo tipo di terapia fino ad insegnarla, nei successivi 24 anni, prima in una scuola già esistente, poi in un istituto da lui fondato a Roma (C.O.I.I.).

Prof. Chiriacò, cos’è l’omeopatia e quali applicazioni può avere?

L’omeopatia è una metodologia clinico-terapeutica nata due secoli fa. Utilizza sostanze “naturali” (minerali, vegetali e animali) che, opportunamente trattate, aiutano le persone di tutte le età. Essa si rivolge dunque a tutti, perché aiuta l’organismo a guarire se stesso.

Non tutti sono disposti a mettere sullo stesso piano omeopatia e medicina ufficiale.

La vecchia impostazione che la poneva in antitesi alla medicina ufficiale è totalmente superata: le due medicine possono e “devono” coesistere laddove la clinica e la prioritaria attenzione al paziente lo richiedono. La critica che viene mossa dalla medicina ufficiale è relativa alla non conoscenza del meccanismo d’azione del farmaco. L’aspetto che va evidenziato è la progressiva uscita dell’omeopatia da aloni di misticismo e da sovrastrutture filosofiche.

A che punto è la normativa italiana sul tema?

In carenza di reali normative legislative, la FNOMCeO nel maggio 2002 a Terni, nel novembre 2009 a Rieti e poi nel 2010 a Roma, ha riconosciuto omeopatia come atto medico ed ha indicato le caratteristiche che debbono avere le scuole, i docenti, i professionisti, ecc. Un anno fa il Ministero della Salute ha emanato normative in merito, in sintonia con la Conferenza Stato-Regioni e con la FNOMCeO, rappresentata dal presidente Amedeo Bianco e dal sottoscritto in qualità di coordinatore dell’Osservatorio MNC. Adesso stiamo aspettando le norme applicative. In quella occasione sono state anche stabilite le regole secondo cui organizzare le scuole, comprese quelle relative alla quantità di ore di studio e alla possibilità di fare una parte dei corsi con la Formazione a Distanza ( FAD ).

Formazione a Distanza e nuove tecnologie utili dunque anche all’omeopatia.

Considero ovviamente importante che una parte della formazione dello studente avvenga tramite lezioni vis a vis con il docente, ma al giorno d’oggi risulta altrettanto importante che successivamente si proceda con la FAD per almeno due motivi: semplificare il processo di apprendimento e tenere costantemente aggiornato il medico. Questo aspetto, unito all’utilizzo delle ultime tecnologie a disposizione nell’ambito medico, ci aiuterà molto nel nostro lavoro.

Articoli correlati
Gli oculisti territoriali hanno fatto GOAL a Milano
Concluso il congresso nazionale GOAL (Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi), svoltosi a Milano, dal titolo “L’oculista territoriale, il presente e il futuro", che è stato occasione di approfondire i main topic della professione con un “occhio” al digitale
L’omeopatia diventa farmaco. Omeoimprese: «Finalmente qualcosa è cambiato»
Le composizioni omeopatiche sono farmaci a tutti gli effetti. È scaduto il 30 giugno 2017 il termine di presentazione dei dossier di registrazione dei prodotti omeopatici, che entro il 2019 otterranno l’AIC, l’autorizzazione all’immissione in commercio e «con buona pace dei detrattori delle medicine complementari – ha spiegato Giovanni Gorga, presidente di Omeoimprese, l’associazione delle aziende dell’industria dell’omeopatia – d’ora […]
Morto per otite non curata. Lavra (OMCeO Roma): «Come può essere messa in discussione la legittimità delle medicine complementari?»
Avrebbe fatto sette anni a breve il bambino di Pesaro morto per un'infezione non curata. Ad essere indagati il medico curante insieme ai genitori. Lorenzin: «Omeopatia complementare, non sostitutiva». Dario Chiriacò, coordinatore della Commissione per le Medicine non Convenzionali della FNOMCeO: «L'antibiotico è un grande dono, utile per patologie acute. L'omeopatia può affiancare la cura per rinforzarla e tonificarla».
L’agopuntura aiuta i pazienti oncologici, partita sperimentazione a Genova
Medicina alternativa per i malati oncologici. Shatzu, agopuntura, fitoterapia e dieta, abbinati ai farmaci tradizionali e alle terapie mediche, migliorano le condizioni dei malati, in particolare dei pazienti oncologici. Lo affermano i responsabili di una sperimentazione di 12 mesi partita a gennaio presso l’ospedale Gallino di Pontedecimo in provincia di Genova. La vicepresidente della Regione Liguria e […]
Farmaci omeopatici: come dovrebbero essere scritte le etichette?
Etichette sui medicinali omeopatici poco trasparenti? È quello che sostiene il Comitato Nazionale di Bioetica che, pochi giorni fa, ha segnalato che le informazioni presenti sui medicinali non assicurano «la necessaria trasparenza informativa e il rigore, pre-requisito essenziale per la commercializzazione di qualsiasi farmaco». Per «ridurre potenziali effetti confondenti», sono tre gli elementi che secondo […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...