Salute 23 giugno 2015

Epidemia Mers, emergenza in Corea: in Europa il primo mortoNature: «Ebola trasmessa da un pipistrello ad un bambino» 

Seimila persone in quarantena e 27 morti. Sono questi, ad oggi, i tragici numeri dell’epidemia della Middle East Respiratory Syndrome che minaccia il mondo
 

Seimila persone in quarantena, 172 episodi di contagio, 27 morti. Sono questi, ad oggi, i tragici numeri dell’epidemia della Middle East Respiratory Syndrome (comunemente conosciuta come MERS) che nelle ultime settimane è diventata l’incubo degli abitanti della Corea del Sud e che non fa dormire sonni tranquilli neanche al resto del mondo. Perché se è vero che i casi sono stati registrati quasi tutti in una determinata area del mondo, spaventa sapere che si è già verificato il primo caso di decesso per MERS in Europa: si tratta di un 65enne tedesco di ritorno da una visita ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi.

La colpa di questa escalation è da attribuire quasi completamente all’impreparazione del personale sanitario sudcoreano. Perché mentre in Germania il caso è stato trattato con tutte le precauzioni del caso – compreso l’isolamento e relativi esami su 200 persone venute in contatto con il paziente poi deceduto –, in Corea del Sud tutto ciò non è stato fatto. È per questo che circa la metà di tutti i casi di contagio relativi a questo nuovo focolare si sono verificati in un unico ospedale: il Samsung Medical Centre di Seul. Le stesse autorità sudcoreane hanno dovuto ammettere che le pratiche messe in atto per affrontare le situazioni di contagio non sono state all’altezza e che «il 35 per cento delle infezioni abbia colpito familiari e amici che si sono recati in visita a pazienti o che li hanno accuditi negli ospedali».

A preoccupare il mondo è dunque la grande rapidità con cui sta attecchendo il virus. Negli ultimi mesi è stato infatti registrato un numero di contagi di gran lunga superiore alla media precedente. La MERS, una sindrome appartenente alla stessa famiglia della SARS (Severe Acute Respiratory Syndrome), miete infatti vittime dal 2012, ovvero da quando è stato registrato il primo caso al mondo. Da allora, 426 decessi per un totale di 1.076 casi di infezione. Di questi circa una dozzina di episodi sono stati registrati anche nel nostro Paese, per fortuna senza conseguenze gravi. Per evitare però che la situazione precipitasse, in quell’occasione (parliamo di dicembre 2013) il Ministero della Salute diramò una circolare interna per chiedere «la massima sorveglianza delle malattie respiratorie acute e notificare tempestivamente all’Organizzazione Mondiale della Sanità eventuali nuovi casi di malattia». Nel 2014, poi, negli Stati Uniti sono stati registrati due casi di contagio. La Sindrome Respiratoria Acuta Mediorientale (la definizione italiana con cui viene generalmente indicata la MERS) rappresenta dunque un pericolo che non va preso sottogamba, considerato che, rispetto al suo “parente” più stretto (la SARS, che nel solo 2003 aveva causato circa mille decessi), è più letale e il suo tasso di mortalità supera il 35 per cento.

Un vaccino che possa prevenire e combattere il diffondersi di questa epidemia, al momento, non esiste. A meno che non si voglia dar credito all’Agenzia di Stato nordcoreana che ha annunciato in pompa magna di aver realizzato un farmaco miracoloso per curare non solo la MERS, ma anche altre piaghe mondiali come cancro, Aids ed Ebola. La notizia, manco a dirlo, è finita nella sezione “curiosità dal mondo” dei principali quotidiani mondiali. Ma su Ebola un aggiornamento interessante – e vero – è arrivato. È stato finalmente trovato, dopo mesi e mesi di studi e ricerche, il “paziente zero”: si tratta di un neonato, morso da un pipistrello in Guinea. È dunque da qui che ha avuto inizio l’incubo.

Tags

Articoli correlati
Latina, attivati i controlli per i casi di West Nile sui cavalli
Il virus della febbre del Nilo si trasmette di animale in animale principalmente tramite le zanzare. «In merito ai casi di West Nile a Cisterna di Latina riscontrati su tre cavalli sono immediatamente scattate le procedure del protocollo indicato dal Piano nazionale integrato di sorveglianza. La situazione è sotto controllo e costantemente monitorata dalla Asl […]
Virus West Nile, parla l’esperto: «Erano 10 anni che non avevamo casi in Italia di questo virus»
Il Professor Massimo Galli, Presidente SIMIT (Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali) è intervenuto questa mattina nel corso del programma “Genetica Oggi” su Radio Cusano Campus in relazione ai casi di infezione da West Nile Virus.  «È da almeno 10 anni che non avevamo casi di West Nile nel nostro paese, capitò appunto nel 2008 con […]
Milano, registrati due nuovi casi di West Nile
L’Ats Città Metropolitana di Milano fa sapere che due uomini sono stati ricoverati a Milano e provincia per aver contratto il virus della Febbre del Nilo. Si tratta di un uomo di 63 anni di Milano – ricoverato presso il Policlinico –  e di un 80enne – in cura a Legnano – . I casi […]
Virus West Nile, quattro morti in Veneto. L’Assessore Coletto: «Niente allarmismi»
L’epidemia scoppiata in diverse Regioni del Nord preoccupa la popolazione, ma i vertici veneti tranquillizzano: «Nell’80% dei casi il virus è asintomatico, nel 20% provoca una febbricola e solo nello 0,1% evolve nella più pericolosa forma neuroinvasiva che, in persone con patologie pregresse e basse difese immunitarie, può portare al decesso»
Centro Nazionale Sangue: «Sorveglianza continua sul West Nile Virus»
Il sistema sangue regge di fronte all’epidemia di West Nile Virus che sta colpendo molte regioni del Nord Italia. Il virus del Nilo Occidentale che si trasmette attraverso la puntura di una zanzara di genere Culex, spesso non manifesta sintomi e solo in casi molto rari, in pazienti già indeboliti da altre patologie, può causare […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...