Salute 16 dicembre 2014

Emergenza Ebola: l’esempio spagnolo per protezione e formazione

La Spagna è stato il primo Paese a fare i conti in Europa con il virus. Al convegno al San Raffaele di Milano Luis Mazon Cuadrado e Rosa Maria Orriols hanno portato le loro esperienze dirette

Immagine articolo

L’emergenza Ebola ancora protagonista, questa volta insieme alle misure di sicurezza necessarie per affrontarla all’interno delle strutture sanitarie.

E’ stato questo il tema intorno a cui è ruotato il convegno organizzato ed ospitato dal San Raffaele di Milano, per fare il punto su una questione dai contorni sempre più ampi. Presenti al convegno, infatti, esponenti del mondo della sanità da tutt’Europa, come il dott. Luis Mazon Cuadrado, responsabile della Prevenzione e Protezione presso il policlinico universitario di Madrid: “Siamo calati in una situazione completamente nuova, ma professionalmente stimolante, sia nella gestione della patologia in sé, sia nell’organizzazione della prevenzione”.

Nell’ambito delle attività preventive, infatti, il dottor Mazon Cuadrado pone l’accento proprio sulla corretta informazione e sulla formazione specifica del personale. “Le linee guida diramate dall’OMS – sottolinea Mazon Cuadrado – devono essere univoche e coerenti a livello globale, per non generare confusione”.  Proprio la Spagna è stato il primo paese europeo ad aver fatto i conti con un caso di Ebola, evidenziando la necessità di una formazione ad hoc del personale in prima linea nelle strutture sanitarie. Il Paese è ora “Ebola free”, come specifica ancora Mazon Cuadrado, dal momento che tutti i soggetti venuti in contatto con l’infermiera contagiata sono poi risultati negativi al test.

L’importanza di una formazione appropriata del personale viene sottolineata anche dalla dottoressa Rosa Maria Orriols, dell’ospedale universitario di Barcellona e membro dell’Organizzazione Mondiale della Sanità: “Il direttore del Center for Desease Control (che di recente aveva classificato Ebola come “l’epidemia più grave dai tempi dell’Aids, n.d.R.) ha inquadrato perfettamente il problema: si tratta davvero di un’emergenza su scala mondiale, sviluppatasi in Africa ma che non conosce distinzioni di razza. Bisogna affrontarla unitariamente per far sì che dai Paesi più colpiti non si diffonda in tutto il mondo. Gli sforzi maggiori, tuttavia, vanno concentrati proprio sul West Africa, dove non solo le carenze del sistema sanitario ma anche la fame e altre piaghe amplificano e aggravano il problema”.

Articoli correlati
Brescia, bimba di 4 anni muore di malaria. Non era mai stata all’estero
Una bimba trentina di 4 anni è morta di malaria nel reparto di malattie infettive agli Ospedali Civili di Brescia,  dove era stata trasferita d’urgenza per un ultimo tentativo di cura. La malaria, infatti, le era già stata diagnosticata all’ospedale Santa Chiara di Trento. I medici stanno cercando di capire come possa essere avvenuto il […]
Sì viaggiare: il punto sulle vaccinazioni obbligatorie all’estero
È noto a tutti quelli che viaggiano molto, sia per lavoro che per diletto, che è sempre meglio informarsi prima di giungere a destinazione...
Radiazione del medico anti vaccini? “Udienza” all’OMCeO Milano: parla il Presidente Roberto Carlo Rossi
Convocato il medico 'no-vax' e un suo collega con posizioni simili. Il presidente dell’Ordine: «Sul caso specifico non posso esprimermi, ma quando un medico dice che i vaccini generano l’autismo fa un danno rilevante. Puntare su formazione»
Vaccini, in dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano. Niente scuola senza coperture: gli obblighi Regione per Regione
In dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano Vaccini per rendere obbligatorie tutte le coperture. Molte le Regioni che si sono già mosse, ecco la mappa degli obblighi da nord a sud…
Movimento 5 Stelle fuori dal coro, Davide Barillari: «No vaccini obbligatori per motivi commerciali. Valutare casi»
Parla il Consigliere regionale M5S del Lazio: «Noi vogliamo vaccinare, dando però piena informazione alle persone che possono scegliere liberamente sulla base della storia clinica del singolo bambino»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...