Salute 16 dicembre 2014

Emergenza Ebola: l’esempio spagnolo per protezione e formazione

La Spagna è stato il primo Paese a fare i conti in Europa con il virus. Al convegno al San Raffaele di Milano Luis Mazon Cuadrado e Rosa Maria Orriols hanno portato le loro esperienze dirette

Immagine articolo

L’emergenza Ebola ancora protagonista, questa volta insieme alle misure di sicurezza necessarie per affrontarla all’interno delle strutture sanitarie.

E’ stato questo il tema intorno a cui è ruotato il convegno organizzato ed ospitato dal San Raffaele di Milano, per fare il punto su una questione dai contorni sempre più ampi. Presenti al convegno, infatti, esponenti del mondo della sanità da tutt’Europa, come il dott. Luis Mazon Cuadrado, responsabile della Prevenzione e Protezione presso il policlinico universitario di Madrid: “Siamo calati in una situazione completamente nuova, ma professionalmente stimolante, sia nella gestione della patologia in sé, sia nell’organizzazione della prevenzione”.

Nell’ambito delle attività preventive, infatti, il dottor Mazon Cuadrado pone l’accento proprio sulla corretta informazione e sulla formazione specifica del personale. “Le linee guida diramate dall’OMS – sottolinea Mazon Cuadrado – devono essere univoche e coerenti a livello globale, per non generare confusione”.  Proprio la Spagna è stato il primo paese europeo ad aver fatto i conti con un caso di Ebola, evidenziando la necessità di una formazione ad hoc del personale in prima linea nelle strutture sanitarie. Il Paese è ora “Ebola free”, come specifica ancora Mazon Cuadrado, dal momento che tutti i soggetti venuti in contatto con l’infermiera contagiata sono poi risultati negativi al test.

L’importanza di una formazione appropriata del personale viene sottolineata anche dalla dottoressa Rosa Maria Orriols, dell’ospedale universitario di Barcellona e membro dell’Organizzazione Mondiale della Sanità: “Il direttore del Center for Desease Control (che di recente aveva classificato Ebola come “l’epidemia più grave dai tempi dell’Aids, n.d.R.) ha inquadrato perfettamente il problema: si tratta davvero di un’emergenza su scala mondiale, sviluppatasi in Africa ma che non conosce distinzioni di razza. Bisogna affrontarla unitariamente per far sì che dai Paesi più colpiti non si diffonda in tutto il mondo. Gli sforzi maggiori, tuttavia, vanno concentrati proprio sul West Africa, dove non solo le carenze del sistema sanitario ma anche la fame e altre piaghe amplificano e aggravano il problema”.

Articoli correlati
Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»
«L'infezione rimane latente in alcuni animali definiti 'serbatoi' e quando l'uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L'intervista al Direttore dell'Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma
Ebola, arriva il vaccino per combattere l’epidemia in Congo
«La distribuzione del vaccino contro l’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) potrebbe dare un impulso vitale alla lotta contro la malattia» ha affermato il Dottor Seth Berkley, CEO di Gavi, The Vaccine Alliance, una partnership pubblico-privata dedicata a salvare le vite dei bambini e a proteggere la salute delle persone tramite l’incremento di un […]
OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone
Pubblicato il World Health Statistics 2018. Ecco gli obiettivi dei prossimi cinque anni che i delegati dei 194 Paesi membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità stanno discutendo a Ginevra
Ebola in Congo, OMS: «Rischio da ‘alto’ a ‘molto alto’. 4mila dosi di vaccino pronte, ne servono più di 7mila»
Di nuovo l'incubo, dopo gli 11mila morti causati dall'epidemia del 2013-16, il virus torna e provoca 25 decessi in pochi giorni
Medici Senza Frontiere, parla la neo Presidente Lodesani: «Non associateci solo ai migranti, siamo in campo su guerre e disastri naturali»
Eletta alla guida di MSF Italia da un mese, la dottoressa ricorda il suo impegno sul campo, elenca le aree più calde del mondo e pone dei paletti ben chiari: «Non dobbiamo diventare un movimento troppo grande, altrimenti diventa ingestibile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...