Salute 16 dicembre 2014

Emergenza Ebola: l’esempio spagnolo per protezione e formazione

La Spagna è stato il primo Paese a fare i conti in Europa con il virus. Al convegno al San Raffaele di Milano Luis Mazon Cuadrado e Rosa Maria Orriols hanno portato le loro esperienze dirette

Immagine articolo

L’emergenza Ebola ancora protagonista, questa volta insieme alle misure di sicurezza necessarie per affrontarla all’interno delle strutture sanitarie.

E’ stato questo il tema intorno a cui è ruotato il convegno organizzato ed ospitato dal San Raffaele di Milano, per fare il punto su una questione dai contorni sempre più ampi. Presenti al convegno, infatti, esponenti del mondo della sanità da tutt’Europa, come il dott. Luis Mazon Cuadrado, responsabile della Prevenzione e Protezione presso il policlinico universitario di Madrid: “Siamo calati in una situazione completamente nuova, ma professionalmente stimolante, sia nella gestione della patologia in sé, sia nell’organizzazione della prevenzione”.

Nell’ambito delle attività preventive, infatti, il dottor Mazon Cuadrado pone l’accento proprio sulla corretta informazione e sulla formazione specifica del personale. “Le linee guida diramate dall’OMS – sottolinea Mazon Cuadrado – devono essere univoche e coerenti a livello globale, per non generare confusione”.  Proprio la Spagna è stato il primo paese europeo ad aver fatto i conti con un caso di Ebola, evidenziando la necessità di una formazione ad hoc del personale in prima linea nelle strutture sanitarie. Il Paese è ora “Ebola free”, come specifica ancora Mazon Cuadrado, dal momento che tutti i soggetti venuti in contatto con l’infermiera contagiata sono poi risultati negativi al test.

L’importanza di una formazione appropriata del personale viene sottolineata anche dalla dottoressa Rosa Maria Orriols, dell’ospedale universitario di Barcellona e membro dell’Organizzazione Mondiale della Sanità: “Il direttore del Center for Desease Control (che di recente aveva classificato Ebola come “l’epidemia più grave dai tempi dell’Aids, n.d.R.) ha inquadrato perfettamente il problema: si tratta davvero di un’emergenza su scala mondiale, sviluppatasi in Africa ma che non conosce distinzioni di razza. Bisogna affrontarla unitariamente per far sì che dai Paesi più colpiti non si diffonda in tutto il mondo. Gli sforzi maggiori, tuttavia, vanno concentrati proprio sul West Africa, dove non solo le carenze del sistema sanitario ma anche la fame e altre piaghe amplificano e aggravano il problema”.

Articoli correlati
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
Vacanze esotiche e rischi per la salute: malaria e diarrea infettiva le patologie più diffuse, ecco rischi e precauzioni
Roberto Cauda (Gemelli): «Il vaccino rappresenta l’unico modo per poter contrastare delle malattie per le quali non esiste un’efficace terapia. Ma non sempre è necessario: prima di partire consultare i centri di medicina del viaggiatore»
di Isabella Faggiano
Dalla Chikungunya alla Dengue, tornano le malattie infettive. Ricciardi (ISS): «Siamo preoccupati…»
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità: «Stiamo monitorando anche un virus legato ai pipistrelli in Oriente. Popolazione senza vaccinazione più vulnerabile»
SIMIT su HIV, appello alle istituzioni: «Dobbiamo lottare contro il negazionismo. Ministero e ordini intervengano»
In merito al recente caso di cronaca dell’untore di Ancona e alle relative successive affermazioni, il professor Massimo Galli, Presidente SIMIT, Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali, interviene sull’argomento. LEGGI ANCHE: UNTORE HIV ANCONA, LO PSICHIATRA: «FORSE MECCANISMO DI NEGAZIONE DELLA MALATTIA, MA NON PSICHIATRIZZIAMO TUTTO È tempo di intervenire «La recente vicenda dell’autotrasportatore di Ancona HIV […]
Bollettino Ebola, in Congo già registrati 27 morti e 58 casi
Esattamente 20 giorni fa, il Ministro della Salute della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato il ritorno di ebola. Per la nona volta negli ultimi 40 anni, il Paese è costretto ad affrontare nuovamente un’emergenza che già conta decine di morti. L’ultimo bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato lo scorso 23 maggio, riporta i numeri […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...