Salute 7 dicembre 2017

ECM, la proposta dell’esperta di formazione: «Paghiamo i medici per ogni credito acquisito» 

La dottoressa Nunzia Scariati, Presidente dell’Associazione “Coach and Lean”, spiega ai nostri microfoni come rendere remunerativo l’obbligo formativo: «Ricavi delle Aziende da redistribuire tra i dipendenti in regola»

«Pagare i medici per ogni credito ECM acquisito nel corso del triennio formativo». Una proposta destinata a far discutere e, una volta attuata, potrebbe rappresentare la svolta nella formazione continua in medicina. Perché non bastano i meccanismi premiali che si attivano per chi risulta in regola, come «la possibilità di essere inseriti all’interno nell’elenco dei direttori di strutture complesse, la riduzione dei costi del contenzioso e delle assicurazioni, e così via». Se si è resa necessaria una proroga per permettere a tutti i medici che non lo avevano fatto di completare il percorso formativo, è perché non tutti gli operatori sanitari hanno voluto (o potuto) raccogliere 150 crediti nel triennio 2014-2016. In questo senso, forse, l’idea di poter monetizzare i corsi frequentati può rappresentare lo stimolo che mancava. La Dottoressa Nunzia Scariati, Presidente di “Coach and Lean” (associazione che mira a «diffondere una cultura della responsabilità per implementare comportamenti efficaci in termini di riduzione dei costi e degli sprechi»), spiega dunque nei dettagli ai nostri microfoni come funziona il meccanismo e quali effetti positivi può avere nei confronti del professionista, dell’azienda e del paziente.

Dottoressa Scariati, siamo al Forum Risk Management di Firenze, dove lei è intervenuta per esporre un progetto rivoluzionario. Ce ne può parlare?

«La problematica principale tra quelle riscontrabili all’interno della best pratice è quella legata all’intenzione di allontanare l’idea in capo al professionista che i crediti formativi non siano importanti. Per questo abbiamo fatto un lavoro di formazione e di diffusione di informazioni legate ai vantaggi di farsi trovare in regola con l’obbligo. Per fare qualche esempio, chi ha assolto l’obbligo formativo ha la possibilità di essere inserito all’interno dell’elenco dei direttori di strutture complesse, consentendo automaticamente all’azienda di appartenenza di mantenere i requisiti ai fini dell’accreditamento. Ci sono inoltre una serie di vantaggi, come quelli legati alla riduzione dei costi del contenzioso, delle assicurazioni e quant’altro. La formazione ECM consente dunque al singolo professionista anche un avanzamento di qualifica, per cui anche in termini economici abbiamo una serie di ritorni positivi».

Per quale motivo avete dato un valore economico ai corsi?

«Fino ad oggi in Italia non è stata mai fatta una cosa del genere. Abbiamo voluto dare un valore economico in relazione alla tipologia di interventi. Mi spiego meglio. Un’ora di formazione residenziale o FAD, sotto la tipologia principale didattica, può avere un peso, un valore che noi abbiamo individuato in 10 euro per ogni credito formativo partendo dal presupposto che un credito equivale ad un’ora di studio. Ma laddove la tipologia di intervento formativo aumenti in termini qualitativi, come ad esempio nelle attività di tutoraggio, il valore economico non può che aumentare ed entrare in un range che nella nostra stima va dai 30 ai 50 fino agli 80 euro. Naturalmente si tratta di una stima, una perizia che viene realizzata da personale qualificato che prende in considerazione il costo base del lavoro e come risultato finale dà la possibilità alle aziende di inserire la perizia in bilancio, sotto forma di ricavo. Questo ricavo può poi essere distribuito ai dipendenti attraverso premi di produttività, per cui riusciamo ad implementare, gestire e mantenere i sistemi premianti attraverso premi di produzione, riuscendo naturalmente ad equilibrare la gestione dei costi e le aspettative sui ricavi senza alterare il costo del lavoro. Questo rappresenta un elemento principale per le aziende da un punto di vista economico e di gestione di un risparmio che, fatti tutti i calcoli, diventa considerevole. Parliamo di cifre importanti che l’azienda ha la possibilità di distribuire sotto forma di premi a tutti gli operatori sanitari che hanno dato un contributo in termini di miglioramento e supporto a quella che è la prestazione, per cui si parla di ottimizzazione della prestazione professionale».

Diceva che sono pochi i medici che sanno della proroga e che questo è un peccato.

«Esatto. Abbiamo dato vita ad un grande progetto di informazione attraverso l’associazione di coaching di cui sono il Presidente. Sui crediti ECM esiste un comunicato da parte della Commissione Nazionale in Medicina, datato 22 dicembre 2016, legato al completamento dell’obbligo formativo e che dava la possibilità a tutti gli operatori sanitari soggetti all’acquisizione dei crediti ECM di completare il soddisfacimento dell’obbligo entro il 31 dicembre 2017. Abbiamo notato che c’è stata poca informazione su elementi così importanti per il Servizio sanitario. Per cui il mio invito, naturalmente, è quello di iscriversi al Cogeaps, che è l’organo operativo per quanto riguarda la raccolta dei crediti ECM da parte dei provider accreditati a livello regionale e recuperare l’attuale debito formativo mancante, e quindi mettersi in regola nel triennio passato. Il professionista ha, ad esempio, la possibilità di prendere i crediti raccolti nel 2017 e di spostarli nel triennio precedente. Poi esistono gli organi competenti, come il Cogeaps, gli ordini professionali, le associazioni di appartenenza, che senza dubbio dovrebbero dare un contributo aggiuntivo anche in termini di informazione, perché sappiamo benissimo che il non soddisfacimento dell’obbligo formativo comporta sanzioni disciplinari ed economiche. Per cui perché non utilizzare fino in fondo questa proroga? Porta solo vantaggi e non costa nulla».


Articoli correlati
Scuole di specializzazione, aumentano i contratti: per il prossimo anno accademico sono 6934. Martedì la prova nazionale
Il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Marco Bussetti ha firmato il decreto. Rispetto allo scorso anno, previsti 259 posti in più, ma per la FNOMCeO sono ancora troppo pochi e non distribuiti in modo uniforme sul territorio nazionale: «Di questo passo le Regioni più in difficoltà offriranno sempre minori servizi alla popolazione. È necessaria una gara di solidarietà tra Regioni»
Leoni (FNOMCeO): «La più grande sfida del 2018 per gli ospedali? Pianificare le ferie dei medici»
Il Vicepresidente FNOMCeO e Presidente dell’OMCeO di Venezia avverte: «Se non si aumentano le borse di studio per specializzazioni e corsi MMG assisteremo ad un peggioramento del SSN, e anche con una certa velocità»
L’Emilia-Romagna finanzia 100 contratti per gli specializzandi, il doppio rispetto allo scorso anno
Più medici specialisti in Emilia-Romagna, grazie alle risorse stanziate dalla Regione. Raddoppiano quest’anno i contratti di formazione per i medici specializzandi finanziati interamente da fondi regionali, che passano dai 52 del 2017 ai 100 del 2018: il numero più alto in Italia. Contratti che si aggiungono a quelli finanziati dal ministero, incrementati anch’essi: da 619 […]
Simpef, il sindacato medici pediatri di famiglia cresce al sud
Si è concluso nel weekend il Consiglio nazionale Simpef (Sindacato medici pediatri di famiglia), il secondo più importante sindacato italiano dei pediatri di libera scelta, che ha deciso di convocare nella prossima primavera un congresso elettivo anticipato per meglio rispecchiare i nuovi equilibri interni dell’organizzazione. «Simpef è nato nel 2010 in Lombardia e si è […]
Vaccini, Giulia Grillo: «Aumento coperture grazie all’obbligo? No, bisogna investire nella formazione»
Il ministro della Salute, insieme a quello dell'Istruzione Marco Bussetti, ha illustrato questa mattina al Dicastero la circolare che, di fatto, depotenzia l’obbligo vaccinale: niente certificazioni della Asl da consegnare entro il 10 luglio. E annuncia la sua gravidanza: «Mio figlio sarà vaccinato come tutti»
di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Salute

Stop alla Cannabis Light? Ma l’Italia punta su quella terapeutica

Efficace nel trattamento di un grande numero di patologie, la cannabis terapeutica si sta ritagliando un ruolo fondamentale nel mondo sanitario. Negli ultimi anni la domanda è impennata ma l’obiett...